L’intelligenza artificiale può dare un contributo alla ricerca degli alieni?

Bill Diamond ha affermato che ci sono tra i 10 e i 50 miliardi di mondi potenzialmente abitabili nella nostra galassia

2
602
intelligenza artificiale, Sistema Gremlin

L’intelligenza artificiale ci sorprende ogni giorno di più e potrebbe dare un contributo anche alla ricerca della vita extraterrestre! Bill Diamond è l’amministratore delegato dell’organizzazione di ricerca statunitense Seti Institute. Le lettere “Seti” sono l’acronimo di Ricerca di Intelligenza Extraterrestre. Diamond ha spiegato tramite alcune dichiarazioni riportate dalla BBC: “Seti, come sforzo, sta cercando la scienza e la tecnologia oltre il sistema solare come prova della vita e dell’intelligenza, e questo è in generale come cercare un ago in un pagliaio”.

intelligenza artificiale

 

Alieni: le potenzialità dell’intelligenza artificiale

Diamond ha proseguito riguardo alla ricerca di Seti: “Stiamo cercando qualcosa che probabilmente è estremamente raro e potrebbe essere molto difficile da trovare ed estrarre dai fenomeni di fondo che stai osservando nello stesso momento”. Nuovi strumenti stanno tuttavia aiutando la ricerca. La capacità dell’intelligenza artificiale (AI) di gestire enormi quantità di dati e di individuare anomalie sta trasformando la caccia all’intelligenza aliena.

Uno di questi progetti prevede una partnership del Seti Institute con l’Osservatorio nazionale di radioastronomia degli Stati Uniti nel New Mexico. Questa struttura federale utilizza le radiofrequenze per studiare gli oggetti celesti, come pianeti, stelle e asteroidi. Quando sarà operativa, l’intelligenza artificiale sarà in grado di elaborare ogni bit di dati catturato: due terabyte (TB) al secondo. Per fare qualche confronto, i laptop moderni ora hanno in genere circa 1 TB di spazio di archiviazione totale.



intelligenza artificiale

Diamond ha spiegato che il maggiore utilizzo dell’intelligenza artificiale si sta già rivelando “indispensabile” poiché il suo istituto continua a cercare a vita aliena. E per questa sua ricerca sta utilizzando l’intelligenza artificiale, una tecnlogia che rende possibile la ricerca di nuovi tipi di segnali radio provenienti da fonti aliene

intelligenza artificiale

Diamond ha precisato che la capacità dell’intelligenza artificiale di gestire enormi quantità di dati comprova il fatto che sia possibile scattare milioni di “istantanee” di questa immagine audio innevata nel tempo e iniziare a cercare schemi. L’esperto ha spiegato: “È un modo per aggiungere una nuova cosa da cercare”. Un altro progetto con cui Seti collabora è Breakthrough Listen. Sostenuto da oltre 100 milioni di sterline di finanziamenti del settore privato, questo progetto sta scansionando un milione di stelle e 100 galassie, attraverso un’ampia gamma di bande radio e ottiche, alla ricerca di prove di vita tecnologica.

intelligenza artificiale

Un membro del progetto, lo studente dell’Università di Toronto Peter Ma, ha recentemente sviluppato un nuovo sistema di intelligenza artificiale progettato per esaminare i dati del telescopio e distinguere tra possibili segnali reali provenienti da alieni e interferenze. Il suo team lo ha fatto simulando entrambi i tipi di rumore e quindi addestrando l’intelligenza artificiale a distinguere tra i due.

Peter Ma ha tuttavia specificato che un segnale alieno, ad esempio “apparirebbe solo quando puntiamo i nostri telescopi su di esso… e scomparirebbe quando puntiamo altrove”. Il progetto ha già identificato otto potenziali segnali alieni che non erano stati rilevati dall’analisi tradizionale.  Peter Ma ritiene tuttavia che, poiché le osservazioni non sono state ancora ripetute, si tratta probabilmente di falsi positivi.

L’intelligenza artificiale viene utilizzata anche per cercare di rilevare segni di vita di natura più modesta che nulla hanno a che fare con marziani e affini. L’anno scorso, il rover Perseverance della NASA ha iniziato a raccogliere campioni dal cratere Jezero su Marte, che, se tutto andrà bene, verranno riportati sulla Terra tra diversi anni.

Gli scienziati hanno ritenuto che lo strumento Sherloc del rover abbia rilevato composti organici che brillano sotto la luce ultravioletta. I composti organici, tuttavia, possono essere creati da processi non biologici, il che significa che non è ancora possibile dire se derivino dalla vita passata sul pianeta. Tutto ciò potrebbe cambiare, però, grazie a una nuova ricerca della Carnegie Institution for Science, che utilizza l’intelligenza artificiale per analizzare campioni di roccia alla ricerca di segni di vita presente o passata. Il team ha scoperto che l’intelligenza artificiale è in grado di distinguere materiale precedentemente vivente e non vivente, con una precisione di quasi il 90%.
 
 
 
2