L’insegnamento di Marco Aurelio

Cresciuto pensando al suo futuro lavoro, Marco Aurelio fu tirato fuori dal discutibile sistema scolastico pubblico dell'impero e istruito a casa da tutori greci e filosofi stoici

0
1419
L'insegnamento di Marco Aurelio
L'insegnamento di Marco Aurelio

Marco Aurelio Antonino fu imperatore di Roma dal 161 d.C. fino alla sua morte nel 180.

L’ultimo di una serie di sovrani che gli storici ora chiamano i Cinque Buoni Imperatori, fu scelto come erede imperiale quando era ancora un bambino. Cresciuto pensando al suo futuro lavoro, Marco Aurelio fu tirato fuori dal discutibile sistema scolastico pubblico dell’impero e istruito a casa da tutori greci e filosofi stoici.

Come previsto, questa educazione finì per avere un’influenza positiva sul regno di Marco Aurelio. Le sue decisioni erano informate non dalla lussuria, dalla gelosia o dall’avidità – come era stato il caso di molti imperatori giulio-claudii – ma dalla sua profonda comprensione della legge e della logica. Spesso citato come l’incarnazione stessa del “re-filosofo” di Platone, Marco Aurelio soppesava sempre le sue opzioni, agendo solo quando sentiva di fare la scelta giusta.

Scorci del dialogo interno dell’imperatore ci vengono rivelati attraverso Le meditazioni, un diario che Marco Aurelio teneva durante le sue campagne militari nell’Europa centrale. I contenuti del diario – una raccolta di aforismi su argomenti come la brevità della vita, l’accettazione di sé e il rapporto tra ragione ed emozione – con ogni probabilità non avrebbero mai dovuto essere pubblicati. In effetti, Marco Aurelio scrisse Le meditazioni non per illuminare gli altri, ma per aiutarsi a portare il peso delle sue responsabilità imperiali.

Sia Marco Aurelio che le sue Meditazioni occupano un ruolo importante nella storia dello stoicismo. Questa scuola di pensiero, fondata nell’antica Grecia nel III secolo aC da Zenone di Cizio, è oggi molto viva. In così tante parole, lo stoicismo – e in particolare la varietà romana rappresentata da Marco Aurelio – riguarda l’aiutare le persone a vivere una vita appagante massimizzando le emozioni positive, minimizzando quelle negative e coltivando un carattere virtuoso. Nelle meditazioni, Marco Aurelio non solo si chiede come può essere un imperatore migliore, ma anche cosa significa essere un uomo buono in generale.

Marco Aurelio non era una persona mattiniera

Secondo Marco Aurelio, il miglioramento personale dovrebbe iniziare nel momento in cui ti svegli. Questo era ovviamente più facile a dirsi che a farsi. Nottambulo in una società che andava a letto al tramonto e si alzava all’alba, l’imperatore spesso faticava ad alzarsi dal letto la mattina. Per la stragrande maggioranza dei romani svegliarsi non era una scelta. I poveri urbani dovevano alzarsi dal letto perché dovevano presentarsi al lavoro. Le classi medie, che non facevano parte della forza lavoro, dovevano alzarsi dal letto per incontrare i ricchi mecenati che pagavano per il loro stile di vita senza lavoro, e i ricchi mecenati dovevano alzarsi dal letto per ricevere i loro clientes.



Come imperatore, Marco Aurelio era praticamente l’unica persona nell’impero romano che non doveva fare nulla. Molti dei suoi predecessori, tra cui Nerone e Caligola, trascorsero i loro regni eludendo gli affari di stato, oziando per le loro proprietà e svuotando i tesori imperiali, il tutto senza una parola di protesta da parte dei loro seguaci. Se Marco Aurelio avesse mai voluto prendersi un giorno libero e continuare a dormire, nessuno avrebbe potuto impedirglielo.

Determina Marco Aurelio

Marco Aurelio fu l’ultimo dei Cinque Buoni Imperatori di Roma. ( Credito : Bibi Saint-Pol / Wikipedia)

Tuttavia, Marco Aurelio non si è mai preso giorni di ferie. Non importa quanto fosse stanco, si alzava sempre dal letto. Nelle Meditazioni rivela come riusciva a motivarsi:

All’alba, quando hai difficoltà ad alzarti dal letto, dì a te stesso: “Devo andare a lavorare, come essere umano. Di cosa devo lamentarmi, se ho intenzione di fare ciò per cui sono nato, le cose per cui sono stato messo al mondo? O è per questo che sono stato creato? Per rannicchiarmi sotto le coperte e stare al caldo?

Se i suoi peggiori impulsi si rifiutavano di ascoltare la ragione, Marco Aurelio ribatteva:

Quindi sei nato per sentirti “bello”? Invece di fare le cose e sperimentarle? Non vedete le piante, gli uccelli, le formiche, i ragni e le api che svolgono i loro compiti individuali, mettendo in ordine il mondo, come meglio possono? E non sei disposto a fare il tuo lavoro come essere umano? Perché non corri per fare ciò che la tua natura richiede?

Come diventare invincibili

Per Marco Aurelio, svegliarsi presto era qualcosa di più che sfruttare al meglio la giornata. Costringendoti ad alzarti dal letto anche quando non vuoi, stai vivendo la vita come dovrebbe essere vissuta, come – come dice l’imperatore – che la natura intende. In questo senso, i suoi commenti sulla sua routine mattutina portano a una discussione molto più ampia sulla virtù, che nelle Meditationi è definita come il perseguimento di qualità come saggezza, coraggio, giustizia e temperanza.

Trionfo di Marco Aurelio

Il re-filosofo si dimostrò un grande generale nonostante la sua scarsa esperienza militare. ( Credito : MatthiasKabel / Wikipedia)

Marco Aurelio, va notato, definisce la virtù allo stesso modo di Socrate nei dialoghi di Platone. Ciò non dovrebbe sorprendere tanto, poiché l’imperatore esprime ripetutamente la sua ammirazione per il pensatore. “Alessandro, Giulio Cesare e Pompeo”, scrive nelle Meditazioni. “Cosa sono in confronto a Diogene, Eraclito e Socrate?

Secondo il classicista John Sellars, l’imperatore sostiene che la vita di un filosofo è preferibile a quella di un grande politico “perché è più autonoma e comporta meno esigenze esterne“. Come Socrate, Marco Aurelio crede che il male sia una forma di ignoranza e che una fiducia incrollabile nella ragione possa tenere a bada entrambi. Come Socrate, anche l’imperatore crede che l’esercizio dell’autocontrollo porti sia alla libertà che alla felicità. Poiché i desideri corporei non possono mai essere soddisfatti in modo permanente, le persone dovrebbero praticare la moderazione piuttosto che l’eccessiva indulgenza. Marco Aurelio richiama i dialoghi platonici:

Ciò che è registrato di Socrate si adatterebbe esattamente a lui: potrebbe ugualmente astenersi o godere di ciò che molti sono troppo deboli per astenersi e troppo autoindulgenti nel godere. Essere forti, sopportare e in entrambi i casi essere sobri appartengono all’uomo dallo spirito perfetto e invincibile.

Questo spirito perfetto e invincibile, spiega l’imperatore, è la ricompensa finale per coloro che vivono una vita virtuosa, perché li rende invulnerabili al dolore, alla sofferenza, al disagio e ad altre emozioni così negative che la filosofia stoica cerca di annullare. “Sempre che tu stia facendo il tuo dovere”, conclude Marco Aurelio, “dovrebbe essere indifferente per te se hai freddo o piacevolmente caldo, se sei sonnolento o hai abbastanza sonno, se stai per morire o stai facendo qualsiasi cosa”.

Lo spirito invincibile dell’imperatore gli ha permesso di sopportare difficoltà e superare sfide che avrebbero schiacciato uomini meno virtuosi. Accettando l’indifferenza sia della natura che della storia, l’unico vero re-filosofo di Roma si mantenne composto mentre saltava da una campagna militare all’altra, affrontava i tradimenti di amici intimi ed elaborava la morte dei suoi cari.

Di conseguenza, non è ricordato solo come un grande imperatore, ma anche come un uomo buono.

2