L’Europa ha appena sospeso la missione ExoMars 2

L'Agenzia Spaziale Europea (ESA) ha votato all'unanimità di sospendere la fase 2 del programma ExoMars, una missione su Marte organizzata con la Russia che prevedeva l'atterraggio sul Pianeta Rosso del rover Rosalind Franklin. La missione, già rinviata nel 2020 a causa della pandemia di Covid-19, doveva partire nel prossimo mese di settembre 2022, ma il lancio è ora sospeso a tempo indeterminato

361

L’Agenzia Spaziale Europea (ESA) ha votato all’unanimità di sospendere la fase 2 del programma ExoMars, una missione su Marte organizzata con la Russia che prevedeva l’atterraggio sul Pianeta Rosso del rover Rosalind Franklin. La missione, già rinviata nel 2020 a causa della pandemia di Covid-19, doveva partire nel prossimo mese di settembre 2022, ma il lancio è ora sospeso a tempo indeterminato.

Giovedì (17 marzo), il Consiglio dell’ESA ha affermato che a causa della tragedia che si sta verificando in Ucraina a causa dell’invasione russa del 24 febbraio, l’agenzia non può portare avanti “la cooperazione in corso con Roscosmos sulla missione del rover ExoMars con un lancio nel 2022“, riferendosi all’Agenzia spaziale russa e al suo ruolo nella seconda parte del programma ExoMars che prevede l’invio di un rover e di una piattaforma di superficie russa su Marte.

In qualità di organizzazione intergovernativa incaricata di sviluppare e attuare programmi spaziali nel pieno rispetto dei valori europei, deploriamo profondamente le vittime umane e le tragiche conseguenze dell’aggressione all’Ucraina“,  ha affermato l’ESA in una nota. “Pur riconoscendo l’impatto sull’esplorazione scientifica dello spazio, l’ESA è pienamente allineata con le sanzioni imposte alla Russia dai suoi Stati membri“.

La Russia ha sviluppato sia la piattaforma di superficie che il razzo Proton, un sistema di lancio sacrificabile che avrebbe dovuto trasportare le attrezzature ExoMars. Inoltre, “il rover stesso include strumenti russi e unità di riscaldamento a radioisotopi forniti dalla Russia“,  ha riferito Jeff Foust per SpaceNews.

È questa la campana a morto per ExoMars? Non proprio, poiché i funzionari stanno cercando partner alternativi.

La NASA è un’opzione, ha affermato il direttore generale dell’ESA Josef Aschbacher, come riportato da SpaceNews. Circa un decennio fa, l’ESA aveva pianificato di lavorare alla missione con la NASA, ma l’agenzia spaziale statunitense si è ritirata dal programma.

Inoltre, il consiglio ha affermato che Aschbacher dovrebbe iniziare uno studio industriale per esaminare modi alternativi per lanciare ExoMars e posizionare il rover di costruzione europea chiamato Rosalind Franklin sul pianeta.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---


YsNUiASWjbnhqGG6Nh4SYT 1024 80.jDiagramma di ExoMars con il suo Trace Gas Orbiter. (ESA)

Quello che dobbiamo davvero fare è esaminare queste opzioni“, ha detto, come riportato da SpaceNews. “Le opzioni in termini di Europa da sola o Europa con altri partner“.

ExoMars ha il compito di rispondere alla domanda se sia mai esistita vita su Marte. Il lancio del razzo doveva avvenire da Baikonur, in Kazakistan, durante una finestra di 12 giorni a partire dal 20 settembre 2022, con un atterraggio stimato su Marte il 10 giugno 2023.

Una volta sul Pianeta Rosso, il rover sarà in grado di spostarsi sulla superficie, perforare il suolo fino a una profondità di 2 metri, raccogliere campioni e quindi analizzarli con gli strumenti in un laboratorio di bordo, secondo l’ESA.

Poiché l’atmosfera marziana offre poca protezione dalle radiazioni e da una reazione chimica chiamata ossidazione, i campioni sotterranei hanno maggiori probabilità di rivelare composti organici, ha affermato l’ESA. Il rover Rosalind ha sei ruote che possono essere sterzate e guidate ciascuna indipendentemente.