6.2 C
Rome
sabato, Novembre 26, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaL'esperimento del suicidio quantistico

L’esperimento del suicidio quantistico

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

L’esperimento del suicidio quantistico è un esperimento mentale poco conosciuto condotto per evidenziare alcune delle possibilità più oscure della nostra realtà e le osservazioni scientifiche di cui siamo venuti a conoscenza.
Al confine tra il vero romanzo horror e la fantascienza, l’esperimento del suicidio quantistico è qualcosa che terrorizza, qualcosa che è uscito direttamente da un episodio di ai confini della realtà.

Nell’esperimento di suicidio quantistico non muori mai

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Conosciamo tutti abbastanza bene il concetto scientifico di Werner Heisenberg del “Principio di Indeterminazione” che funge da fondamento di quello che sarebbe diventato l'”Esperimento di suicidio quantistico“. Per ogni evenienza, bisogna munirsi di un piccolo sfondo delle idee scientifiche necessarie che servono come strutture da cui è stato costruito l’esperimento del suicidio quantistico.


L’idea alla base del Principio di Indeterminazione è la proposizione che qualsiasi oggetto non può essere misurato sia in posizione che in velocità allo stesso tempo, nemmeno in teoria. Tutto ciò che “è” o può essere misurato può essere misurato solo approssimativamente, poiché posizione e velocità dipendono l’una dall’altra, si potrebbe essenzialmente misurare solo con precisione l’una o l’altra.
Il Principio di Indeterminazione di Heisenberg è servito come le radici di un altro famoso esperimento mentale nel mondo della meccanica quantistica, il Gatto di Schrödinger, che utilizza il Principio di Indeterminazione di Heisenberg sotto forma di una domanda: quando una cosa cessa di esistere come sovrapposizione di stati e diventa ufficialmente l’una o l’altra delle possibilità che potrebbe essere?

Sovrapposizione quantistica

La sovrapposizione quantistica afferma fondamentalmente che qualsiasi oggetto esiste in più stati possibili tutti in una volta, e solo quando viene effettivamente osservato da un agente cosciente all’interno dell’universo che una determinata posizione e velocità solidifica nella realtà.
In questo momento, la sedia dietro di me nella mia camera da letto mentre scrivo questa storia potrebbe essere stata rovesciata dal cane. La sovrapposizione quantistica afferma che la sedia è con tutta probabilità rovesciata e NON rovesciata allo stesso tempo, ed è solo quando la guardo e vedo di persona che in realtà assume una forma definita, fino ad allora, è sospesa nella sua “sovrapposizione“. L’idea è che la realtà, a livello quantistico, è in realtà una realtà sfocata, simile a una zuppa di particelle strana, sfocata, sfumata, più che a oggetti densi e concreti di livello macro a cui siamo abituati.

Il gatto di Schrödinger

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’esperimento del gatto di Schrödinger utilizza questo principio ed è un esperimento mentale in cui un gatto teorico viene rinchiuso in una scatola d’acciaio con un elaborato gruppo di aggeggi per cui c’è una probabilità di circa 50/50 che il gatto muoia all’interno della scatola in 1 ora, quasi come una strana versione di un fisico quantistico del film Saw.

Schrödinger prosegue poi dicendo che il gatto teorico sarebbe tecnicamente sia vivo che morto all’interno della scatola per circa 1 ora fino a quando non abbiamo aperto la scatola e abbiamo visto da soli, a quel punto, il gatto avrebbe preso forma e qualunque cosa sia successa sulla macro-level, la scala della realtà in cui viviamo e sperimentiamo ogni singolo giorno.
Il suicidio quantistico prende l’osservatore dall’esperimento del gatto e lo mette nella scatola.

Suicidio Quantico

Ora diciamo che l’interpretazione a molti mondi della sovrapposizione è vera, ciò significa che per ogni singolo istante della nostra vita, TUTTI i possibili risultati sono accaduti da qualche parte nel multiverso.
Se hai fallito un test al liceo che ti ha riportato indietro di un anno, in un altro mondo là fuori nel multiverso quantistico, hai superato quel test e hai continuato a vivere una vita molto diversa.
Possiamo moltiplicare questo “multiverso” in un’infinità di mondi sbalorditivi in ​​cui letteralmente tutto ciò che potrebbe esserti successo, è accaduto da qualche parte.

Ora supponiamo che tu abbia preso una pistola in questo momento, che te l’abbia messa alla testa e hai premuto il grilletto. C’è qualche piccola probabilità che il proiettile sia un disastro, che il proiettile non spari e che in realtà tu sopravviva.
Se dividiamo questo possibile scenario in due tenendo conto di ciascuna delle molteplici possibilità nell’interpretazione dei mondi multipli della meccanica quantistica, diciamo che in questo mondo lo sperimentatore è morto (motivo per cui NON ti suggerisco di provarlo a casa), e in qualche universo lontano da qualche parte sono sopravvissuti, quello che è sopravvissuto sarebbe stato chiamato la seconda iterazione. La prima iterazione dello sperimentatore è morta, la seconda è sopravvissuta.

Ora è qui che le cose si complicano davvero: cosa succede quando la seconda iterazione preme di nuovo il grilletto? Diciamo che la seconda iterazione è morta, ma ora c’è un’altra scissione e una terza iterazione che è sopravvissuta tentando di spararsi alla testa due volte. E ancora una volta, possiamo dire che la terza iterazione preme il grilletto DI NUOVO. Il terzo sarebbe morto, e ne sarebbe venuto fuori un quarto che ora è sopravvissuto a diversi tentativi di suicidio.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Se ci pensiamo, secondo la nostra scienza più concreta, ovvero la meccanica quantistica, da qualche parte c’è una versione di te che semplicemente non ce la fa più, ha preso una pistola, gliel’ha puntata alla testa e ha provato a premere il grilletto, ma sopravvissuto. Così hanno provato di nuovo e sono sopravvissuti di nuovo. E ancora, e ancora, e ancora, e ancora, e avanti all’infinito, perché c’è una piccola frazione di probabilità che si insinua ogni singola volta, ogni volta con una nuova iterazione in cui ciò che ha la minima possibilità di accadere è realmente accaduto, dove vai avanti all’infinito e sei completamente immortale, perché tutte le cose che avrebbero potuto ucciderti, in realtà ti hanno ucciso da qualche altra parte, in qualche altro universo. Sei quell’iterazione che sopravvive a tutto nella tua vita e non muore mai? L’unico modo per scoprirlo è aspettare e vedere, perché noi siamo i partecipanti all’interno della scatola in questo mondo, non il gatto.

E questo è l’esperimento del suicidio quantistico. L’esperimento è stato in realtà inventato alla fine degli anni ’80 da diverse persone indipendentemente l’una dall’altra, Hans Moravec nel 1987 e Bruno Marchal nel 1988, per poi essere ripreso e sviluppato da Max Tegmark nel 1998 come un modo per contrastare le due idee dominanti della meccanica quantistica, l‘interpretazione di Copenaghen della meccanica quantistica e l’ Interpretazione a molti mondi

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti