L’ESA recluta astronauti, ecco i requisiti

L'esa recluta astronauti come primo passo in questa nuova era di esplorazione spaziale umana. Molte persone possono aver sognato di diventare un astronauta fin dall'infanzia, ma quali sono i requisiti?

1666

L’Esa recluta astronauti. Le candidature potranno essere presentate dal 31 marzo 2021 per otto settimane, seguite da un processo di selezione in sei fasi per identificare la prossima generazione di astronauti europei.

Entro il 2030, gli esseri umani cammineranno di nuovo sulla superficie della Luna, viaggeranno su Marte e potenzialmente si godranno vacanze suborbitali. La nuova era spaziale fornirà enormi vantaggi a tutti noi. Promuoverà le tecnologie mentre troviamo modi per vivere in modo sostenibile oltre il pianeta Terra, creerà posti di lavoro entusiasmanti e genererà nuove opportunità socioeconomiche.

Il reclutamento di nuovi astronauti è il primo passo in questa nuova era di esplorazione spaziale umana. Molte persone possono aver sognato di diventare un astronauta fin dall’infanzia, ma quali sono i requisiti?

L’esa recluta astronauti: il criterio di selezione

Diventare un astronauta non è facile. L’Esa recluta astronauti con profili e background diversi, vediamo quali sono i requisiti minimi.

I candidati devono essere esperti in discipline scientifiche, con una laurea in fisica, biologia, chimica, matematica, ingegneria o medicina. Devono aver dimostrato capacità operative e di leadership e, preferibilmente, avere esperienza di volo. inoltre, ci sono molte altre abilità che possono costituire titolo preferenziale per la selezione, come aver fatto corsi di sopravvivenza, il lavoro di squadra e l’adattabilità, l’autocontrollo e la conoscenza delle lingue.

L’Esa ha ampliato i suoi criteri riguardanti l’abilità fisica dei richiedenti, incoraggiando le persone con disabilità fisiche a fare domanda se possiedono le altre caratteristiche.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le sfide fisiche

I progressi della tecnologia ci hanno permesso non solo di portare gli esseri umani nello spazio, ma anche di vivere nello spazio.

Advertisement

Tuttavia, missioni spaziali prolungate presenteranno sfide molto maggiori per la salute e le prestazioni umane rispetto alle sfide attualmente affrontate dagli astronauti. Distanza, durata, isolamento e operazioni sempre più autonome senza precedenti saranno combinate con una lunga esposizione a condizioni di gravità diverse rispetto Terra, come l’assenza di gravità o la gravità parziale sulla Luna e su Marte.

Lo spazio è un ambiente ostile per la salute umana, con temperature estreme, mancanza di pressione atmosferica, microgravità, radiazioni cosmiche solari e galattiche e micrometeoriti ad alta velocità che possono bucare le paratie delle capsule spaziali.

Quello delle radiazioni è considerato uno dei rischi principali del volo spaziale. Sulla Terra, il campo magnetico e l’atmosfera del pianeta ci proteggono dalla maggior parte delle particelle che sfrecciano nello spazio. Anche una breve esposizione alle radiazioni spaziali può essere estremamente pericolosa per la salute. È stato dimostrato che le radiazioni aumentano il rischio di cancro, danneggiano il sistema nervoso centrale, alterano le funzioni cognitive, riducono il controllo motorio e influenzano il comportamento.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Anche la transizione dalla gravità della Terra a un’altra è più complicata di quanto sembri. L’esposizione alla gravità non terrestre porta a drammatici cambiamenti strutturali e funzionali nella fisiologia umana, comprese alterazioni nei sistemi cardiovascolare, neurale e muscolo-scheletrico.

Vivere in microgravità sulla Stazione Spaziale Internazionale, ad esempio, comporta problemi con la pressione arteriosa, provocando una migrazione di fluidi dalle gambe verso la parte superiore del corpo e la testa: per questo motivo gli astronauti hanno il volto gonfio. Anche la vista peggiora a causa dei cambiamenti di pressione nel cervello. Sono stati notati cambiamenti nei muscoli, che si atrofizzano a causa del loro mancato utilizzo, e nelle ossa, che perdono circa il 15% della loro densità strutturale.

Le sfide mentali

Tra i problemi più critici affrontati dagli esseri umani nei voli spaziali di lunga durata ci sono le sfide cognitive, psicologiche e psicosociali. Vivere in uno spazio ristretto, lontano da casa, in condizioni di microgravità, per lunghi periodi con altre persone non è un compito facile.

Affrontare la microgravità è estremamente difficile per il cervello umano. Durante i primi giorni di assenza di gravità, tra il 40% e il 60% degli astronauti sperimenta una condizione chiamata malattia dell’adattamento spaziale. Ciò provoca vertigini, mal di testa, sudorazione fredda, affaticamento, nausea e vomito. Le conseguenze variano da un lieve disagio a prestazioni cognitive compromesse. Per questo motivo, durante i primi giorni di missioni spaziali non sono consentite attività extra-veicolari o passeggiate nello spazio.

Advertisement

Sono stati osservati anche cambiamenti psicosociali negli astronauti. Alcuni hanno mostrato una ridotta capacità di comunicare, meno interazioni con gli altri membri dell’equipaggio e la tendenza a essere più concentrati su se stessi. Il declino motivazionale, la stanchezza e le tensioni sociali potrebbero essere facilmente innescate dall’isolamento e dalla reclusione in un ambiente straordinario, altamente impegnativo e pericoloso per la vita.

Non sorprende, quindi, l’attenzione prestata dalle agenzie spaziali ai requisiti cognitivi e psicologici nella selezione dei nuovi astronauti. L’ESA recluta astronauti selezionando persone in grado di dimostrare una buona capacità di ragionamento, memoria e concentrazione, capacità di lavorare con gli altri, basso livello di aggressività e stabilità emotiva per far fronte al livello di stress e alle emergenze che possono sorgere durante il volo spaziale.

Il volo spaziale di lunga durata ha rivelato una moltitudine di sfide per gli equipaggi che operano in ambiente spaziale. Anni di formazione fisica e psicologica, nonché supporto medico e operativo in volo, forniranno agli astronauti strumenti eccellenti per far fronte agli stress dell’ambiente del volo spaziale. Non è un lavoro facile, ma sicuramente un’opportunità irripetibile.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Advertisement