Le incredibili capacità rigenerative degli squali

Gli squali hanno capacità autorigenerative speciali: a un esemplare è ricresciuta in poco tempo un'intera pinna dorsale

0
240
Le incredibili capacità rigenerative degli squali
Le incredibili capacità rigenerative degli squali

Gli squali hanno poteri curativi inimmaginabili. Un team di scienziati ha scoperto come un esemplare sia riuscito a far ricrescere la sua pinna dorsale, gravemente compromessa, probabilmente in seguito a un attacco da parte di umani. L’episodio è avvenuto nei pressi di Giove, in Florida.

Tutto è iniziato nel giugno 2022, quando a un esemplare di squalo, conosciuto come Carcharhinus falciformis, è stata applicata un’etichetta satellitare sulla pinna dorsale in maniera tale che i ricercatori potessero seguirne la migrazione. Alcune settimane dopo, un individuo tolse via l’etichetta, lasciando il povero pesce con una ferita profonda. Ad accorgersi che qualcosa non andava fu il subacqueo locale, John Moore, che contattò i ricercatori. 

Le capacità rigenerative degli squali: le dichiarazioni di Chelsea Black 

Chelsea Black è una studentessa di dottorato presso l’Università di Miami. La studiosa ha spiegato a WordsSidesKick.com cosa accadde in seguito alla segnalazione di John Moore: “Gli ho detto che sarebbe stato impossibile perdere l’etichetta satellitare sulla pinna dorsale … È stato allora che mi ha inviato la prima foto che mostrava l’enorme buco dove prima c’era l’etichetta”. Black non si aspettava di rivedere lo squalo, poiché la ferita era estesa e non riusciva più a rintracciare l’animale. Ma, sorprendentemente, quasi un anno dopo, lo squalo è tornato nelle stesse acque ed è stato fotografato con una nuova pinna, anche se leggermente tozza.

Lo shock della studiosa

“È stato scioccante!” Ha detto Black. “La mia prima reazione è stata di sollievo per il fatto che lo squalo fosse ancora vivo, poiché si trattava di una ferita traumatica che avrebbe potuto influenzare la sua capacità di nuotare o creare un’infezione significativa”. Questa è la prima volta che i ricercatori osservano un Carcharinus falciformis cui è ricresciuta la pinna dorsale e solo il secondo caso registrato di rigenerazione della pinna dorsale in qualsiasi squalo, secondo lo studio, pubblicato il 14 dicembre sul Journal of Marine Sciences

Le caratteristiche del Carcharinus

Secondo il Museo di Storia Naturale della Florida, questo tipo di squali cresce fino a circa 3 metri di lunghezza e vivono negli oceani Atlantico, Pacifico e Indiano. Sono vulnerabili all’estinzione a causa della pesca eccessiva, ma è illegale catturarli o ucciderli in Florida. Le ferite dell’esemplare attaccato nel 2022 erano tagli precisi che tracciavano il contorno dell’etichetta satellitare, quindi la spiegazione più plausibile è che gli esseri umani abbiano deliberatamente rimosso l’etichetta con un oggetto appuntito, secondo lo studio. Black non sa chi ha rimosso l’etichetta ma dubita che la sua intenzione fosse quella di aiutare lo squalo.



Catturato da un pescatore?

“È più probabile che lo squalo sia stato catturato da un pescatore e che questi abbia tagliato l’etichetta per cercare di venderlo, o semplicemente non volessero che gli scienziati lo studiassero”, ha detto Black. “Gli squali possono essere visti come un fastidio per alcune persone, quindi puoi immaginare che ci sia un gruppo di persone che non vorrebbe che aumentassimo le misure di conservazione”.

Black ha documentato la rara rigenerazione delle pinne analizzando le fotografie dei subacquei scattate a 322 giorni di distanza. Le fotografie hanno rivelato che lo squalo ha perso il 20,8% della pinna nella ferita iniziale ed è guarito fino all’87% delle sue dimensioni originali, secondo lo studio.

Come è possibile una simile rigenerazione?

I ricercatori stanno ancora imparando come gli squali rigenerano le loro pinne perché è un fenomeno osservato molto raramente. Black pensa che la nuova pinna sia per lo più tessuto cicatrizzato, ma non ne è sicura poiché nessuno ha mai sezionato una pinna di squalo rigenerata. Come spiega Live Science, gli squali subiscono naturalmente molte lesioni, spesso dovute ad aggressioni e tentativi di predazione da parte di altri squali, quindi si sono evoluti per guarire rapidamente. Secondo lo studio, i loro trucchi curativi includono risposte antinfiammatorie immediate alle lesioni.

2