Le impronte di ominidi rinvenute a Creta due anni fa potrebbero rivoluzionare la storia dell’uomo

Il nostro parente di milioni di anni fa che ha lasciato le impronte viveva durante il Miocene, in un momento in cui l'intero Mar Mediterraneo si era prosciugato. Il mondo scientifico si trova ora di fronte all'idea che queste piccole impronte sull'isola greca sono le più antiche lasciate da esseri simili agli umani in Europa

0
26871
Indice
Il paleontologo Gerhard Gierlinski, ricercatore presso l’Istituto geologico polacco, ha scoperto lungo le coste mediterranee della città di Trachilos qualcosa che potrebbe sconvolgere il suo mondo e provocato una reazione rabbiosa da parte di alcuni ricercatori che erano convinti che gli umani si siano evoluti esclusivamente in Africa.
Gierlinski ha chiesto ai colleghi di Polonia, Svezia, Grecia, Stati Uniti e Regno Unito, tra cui il dottor Per Ahlberg, le loro opinioni su ciò che vedeva come impronte simili a quelle umane trasformate in fossili su una roccia piatta lungo la riva.
1 s2.0 S001678781730113X gr9
Le impronte di 5,6 milioni di anni trovate a Trachilos, Creta. Foto: the Conversation

Il team di esperti è giunto alla conclusione che, in effetti, le tracce sono state lasciate da antichi antenati umani 5,6 milioni di anni fa, confermando che sono di gran lunga le impronte di ominide più antiche mai scoperte in Europa.

file 20170811 13511 tyosgd
Grafico che mostra le impronte più antiche del mondo. Articolo originale ristampato con il permesso di theconversation.com/us

Il nostro parente di milioni di anni fa che ha lasciato le impronte viveva durante il Miocene, in un momento in cui l’intero Mar Mediterraneo si era prosciugato. Il mondo scientifico si trova ora di fronte all’idea che queste piccole impronte sull’isola greca sono le più antiche lasciate da esseri simili agli umani in Europa, ma sono anche molto più antiche di quelle precedentemente trovate in Africa, a Laetoli in Etiopia, che furono lasciate 3.66 milioni di anni fa in un deposito di cenere vulcanica.
Ahlberg, dell’Università svedese di Uppsala, e il suo collega Matthew Robert Bennett, dell’Università di Bournemouth nel Regno Unito, hanno assunto il compito non invidiabile di mettere i loro nomi sul documento scientifico pubblicato sulla scoperta delle impronte.
Successivamente, Ahlberg descriverà ciò che accadde in seguito come “sei anni e mezzo di una specie di inferno”. Il loro documento, pubblicato su Proceedings of the geologists Association, può essere letto facendo clic qui.
In un’intervista esclusiva concessa a Greek Reporter, ad Ahlberg è stato chiesto cosa è successo dopo la pubblicazione dell’articolo del 2017, e se questa scoperta è stata deliberatamente ignorata e scartata dal momento che potrebbe essere politicamente scorretta o andare contro la teoria “africana” dell’origine umana.
Poco dopo la pubblicazione abbiamo preso contatto con il gruppo di Madelaine Böhme a Tubinga e i suoi colleghi in Bulgaria e Canada, che hanno lavorato sugli scarsi e frammentari reperti fossili di ominini miocenici europei”, ha raccontato. “L’animale chiave su quel lato è Graecopithecus, noto da una sola mascella inferiore trovata vicino ad Atene e per un dente più alcuni altri pezzi rinvenuti in Bulgaria.”
In breve, la comunità paleoantropologica tradizionale non ha praticamente reagito, ha semplicemente deliberatamente ignorato la faccenda perché non si adatta alla narrativa prevalente.
La scorsa primavera a Creta è stato filmato il materiale per un importante documentario televisivo che tratta le prove emergenti sulla presenza precoce di ominidi in Europa, e anche per prelevare campioni per la datazione paleomagnetica della località di Trachilos”, ricorda Ahlberg. “La datazione attuale, basata su microfossili chiamati foraminifera, è robusta ma non terribilmente precisa; vorremmo essere in grado di definirla meglio”.
“Avevamo intenzione di andare avanti abbastanza rapidamente con documenti di follow-up che descrivevano le impronte più in dettaglio e stabilivano la data in modo più preciso, ma varie cose si sono messe in mezzo. Madelaine e il suo team si sono concentrati su nuovi scavi e nuove scoperte in Baviera (Danuvius guggenmosi , una scimmia del miocene molto vicina al comune antenato di ominidi e scimpanzé) e in Bulgaria – e poi è arrivata la pandemia di coronavirus. Quindi, al momento, tutto è un po’ in stasi, ma intendiamo riprendere la storia ”, aggiunge Ahlberg.
Alla domanda se il finanziamento importantissimo dello scienziato fosse stato influenzato dalla controversa natura dei risultati, risponde negativamente. “I miei finanziatori (la Fondazione Knut & Alice Wallenberg) sono contenti che io stia facendo scienza sana ed entusiasmante, e quindi continuano a supportarmi. Inoltre … la maggior parte della mia ricerca non riguarda i primi ominidi, ma con altre cose di lunga data come l’origine dei vertebrati a mascelle e il passaggio dai pesci agli animali terrestri. In queste aree sono uno dei ricercatori leader a livello mondiale“.
Nel suo articolo originale, Ahlberg aveva affermato che “spetta ora ai ricercatori del settore intraprendere la ricerca di più tracce“. A quanto pare, da allora non sono state fatte ulteriori scoperte di impronte in quest’area.
Quanto al perché no, il ricercatore risponde “Non posso dirtelo; dovresti chiedere a quelle persone perché hanno preso le loro decisioni particolari. Tuttavia, il team Böhme è molto attivo nella ricerca di nuovi fossili di scimmie e corpi di ominidi provenienti dal Miocene d’Europa, quindi questo sicuramente porterà avanti la storia“.
Nel suo precedente articolo, pubblicato su The Conversation, in cui sostiene che “l’essenza stessa della scienza è la prospezione, la scoperta, l’inferenza basata sulle prove e il dibattito“, il giornalista greco gli ha chiesto come possono avvenire progressi scientifici se queste cose vengono evitate.
Bene“, ha risposto il ricercatore, “la risposta ovvia è che non può. Tuttavia, nell’area dei primi ominidi, le cose non sono così brutte. Le voci che sostengono una presenza di ominidi nel Miocene d’Europa stanno diventando più forti. Una pietra miliare particolarmente importante in questo senso è stata la pubblicazione del documento Danuvius, non su qualche rivista minore, ma su Nature”.
Allo stesso modo, il membro del team Böhme David Begun, che ha sede a Toronto, ha scritto un libro abbastanza autorevole sulle scimmie del miocene d’Europa chiamato, deliziosamente, ‘Il vero pianeta delle scimmie’. Questo sta suscitando molta attenzione. Quindi, mentre ci sono ancora molte persone che non stanno ascoltando e che senza dubbio vorrebbero che stessimo zitti, il dibattito, di fatto, è tutt’altro che chiuso”.
Ci sono sempre persone di mentalità aperta e abbastanza curiose da permettere alle nuove prospettive di affermarsi, anche se spesso solo dopo una lunga lotta. Ciò che più preoccupa è che il finanziamento della ricerca in alcune aree sta diventando fortemente legato all’adesione a paradigmi particolari, perché quel genere di cose può davvero soffocare l’innovazione. Sono stato estremamente fortunato ad avere finanziamenti sufficienti e liberamente disponibili per perseguire idee che mi interessano, anche se sono impopolari per alcuni“.
Traduzione e adattamento di Giampiero Muzi.
Fonte: GreekReporter.com

2