13.3 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeEsplorazione SpazialeLe donne sono più adatte ai viaggi nello spazio

Le donne sono più adatte ai viaggi nello spazio

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Le donne hanno da sempre dimostrato di essere capaci di fare qualsiasi cosa, compresa la conquista dello spazio, dimostrando che nemmeno il cielo può essere un limite, per il loro successo. La prima passeggiata spaziale tutta al femminile, presso la Stazione Spaziale Internazionale è stata effettuata precisamente un anno fa, nell’ottobre del 2019. Ma deve ancora esserci una prima donna sulla Luna (o su Marte).  Nonostante gli enormi progressi nel campo dell’aeronautica spaziale, ad oggi oltre l’80% degli astronauti sono ancora uomini. La classe 2013 di astronauti in arrivo è stata la prima a raggiungere una divisione 50/50 tra donne a uomini. Eppure secondo gli scienziati ci sarebbero più vantaggi nei viaggi extraterrestri femminili piuttosto che maschili.

Vantaggi a mandare donne nello spazio 

Ci sono alcuni motivi che suggeriscono che le donne astronaute possono avere prestazioni migliori degli uomini sotto alcuni aspetti. Innanzitutto le donne sono più leggere: inviare troppo peso nello spazio richiede carburante, costando molto denaro. Avere più donne nell’equipaggio potrebbe aiutare a ridurre il costo dei viaggi nello spazio.
Le donne hanno bisogno di meno calorie e utilizzano meno risorse: quando si manderanno esseri umani su Marte, potrebbe essere una buona idea avere più donne nell’equipaggio, perché richiedono dal 15 al 25% di calorie in meno rispetto agli uomini. Inoltre consumano meno energia, nonostante possiedano livelli di attività simili. Poi poiché le donne sono (in media) più piccole degli uomini, producono meno rifiuti (CO2 ed escrezioni corporee), rendendo più facile il riciclaggio per i sistemi dei veicoli spaziali.
I viaggi spaziali influenzano uomini e donne in modo diverso: a causa degli effetti della microgravità e delle radiazioni, i viaggi nello spazio possono avere diverse implicazioni sulla salute degli astronauti. Sembra che gli uomini siano meno colpiti dalla cinetosi spaziale rispetto alle donne, ma gli uomini sono più veloci a sperimentare una diminuzione dell’udito. Gli uomini hanno anche un rischio maggiore di problemi di vista, mentre le donne tendono ad avere più infezioni del tratto urinario.
Ma la cosa più importante è che le donne possono partorire: un’idea per la colonizzazione a lungo termine dello spazio è inviare un equipaggio di sole donne su Marte o in altre colonie. Ciò ridurrebbe i costi di viaggio, poiché un equipaggio di sole donne si riproduce nel tempo con mezzi artificiali. Le donne hanno già dimostrato di essere grandi astronaute. Tuttavia, non ci sono ancora stati studi sufficienti per concludere se le donne debbano costituire la maggior parte, o totalmente, dei primi coloni nello spazio.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La prima donna nello spazio

Valentina Vladimirovna Tereshkova è nata in Russia nel 1937. All’età di 18 anni, lavorando in una fabbrica tessile, ha progettato un paracadute, in quanto aveva la passione per il paracadutismo. All’inizio degli anni ’60, i programmi spaziali sovietici e americani erano entrambi impegnati a raggiungere traguardi nell’esplorazione spaziale, tentando di mettere in secondo piano il loro avversario. Nel tentativo di battere gli Stati Uniti nell’invio della prima donna nello spazio, i funzionari sovietici selezionarono Tereshkova per diventare la prima donna nello spazio.
Tereshkova fu lanciata nello spazio il 16 giugno 1963, a bordo della navicella spaziale Vostok 6. Dopo 3 giorni, Vostok 6 rientrò nell’atmosfera, culminando con un lancio  con il paracadute sulla Terra dopo essere stata espulso a 6 mila metri d’altezza. (Questo era lo standard per i cosmonauti all’epoca).
Dopo il suo storico volo spaziale, Valentina Tereshkova ha ricevuto l’Ordine di Lenin (la più alta onorificenza nazionale dell’Unione Sovietica) e il premio Eroe dell’Unione Sovietica. Nel 1966, Tereshkova è diventata membro del Soviet Supremo, il parlamento nazionale dell’URSS, e ha servito come rappresentante sovietica di numerose donne internazionali organizzazioni ed eventi. Non è mai più entrata nello spazio e il suo è stato l’ultimo volo spaziale di una donna cosmonauta fino agli anni ’80.

Nel 1978 le prime 6 astronaute nel programma spaziale statunitense 

Sebbene le donne si siano formate con successo come astronaute americane negli anni ’60, ci sono voluti 15 anni prima che gli Stati Uniti accettassero pienamente le donne nel loro corpo di astronauti. Nel 1978, la NASA ha approvato sei donne per diventare le prime donne astronaute del programma spaziale statunitense. Una di loro era Sally Ride, una dottoressa in fisica che entrò a far parte dell’equipaggio della STS-7 il 30 aprile 1982, servendo come specialista di missione. È stata anche la prima donna astronauta americana a tornare nello spazio una seconda volta, nel 1984.
Ride ha di nuovo fatto la storia quando è diventata la prima donna americana a volare nello spazio una seconda volta il 5 ottobre 1984, con la missione navetta STS-41G, dove faceva parte di un equipaggio di sette membri che ha trascorso otto giorni nello spazio. Un’altra donna, la specialista di missione Kathryn D.Sullivan, faceva parte di quell’equipaggio, rendendolo il primo volo spaziale della NASA con due donne a bordo (Sullivan divenne la prima donna americana a camminare nello spazio durante quella missione). Successivamente, più di 59 donne, tra cui cosmonaute, astronaute, specialisti del carico utile e cittadini stranieri, hanno volato nello spazio e molte altre donne astronaute si stanno preparando a prendere il loro primo volo oltre la Terra.
Fonte:https://thenextweb.com/syndication/2020/10/24/heres-why-scientists-think-women-are-better-suited-to-space-travel/

Articoli più letti