Confermata attività vulcanica su Venere

Adesso abbiamo la certezza: l’attività vulcanica su Venere non è più una fantasia. Una nuova ricerca ha provato il fenomeno. Per la precisione lo studio ha identificato una bocca vulcanica di quasi un miglio quadrato che ha cambiato forma e che nel lontano 1991 è addirittura cresciuta in soli otto mesi.

Sebbene i pianeti non siano considerati “vivi” in senso biologico, gli scienziati si riferiscono a un pianeta come “vivo” quando è geologicamente attivo. Un pianeta geologicamente attivo può avere un nucleo dinamico, attività vulcanica o movimento tettonico. Gli scienziati pensavano che Venere fosse un pianeta geologicamente morto, ma questa nuova ricerca è una forte prova che è ancora geologicamente attivo.

Venere non ha una tettonica a placche 

Venere, sebbene simile alla Terra per dimensioni e massa, differisce notevolmente in quanto non ha una tettonica a placche. I confini delle placche superficiali mobili della Terra sono i luoghi principali dell’attività vulcanica. Una nuova ricerca del professor Robert Herrick dell’Istituto geofisico di Fairbanks dell’Università dell’Alaska ha rivelato una bocca vulcanica di quasi un miglio quadrato che ha cambiato forma ed è cresciuta nell’arco di otto mesi nel 1991.

I cambiamenti su tale scala sulla Terra sono associati all’attività vulcanica, sia attraverso un’eruzione dallo sfiato o attraverso un movimento di magma sotto di esso che provoca il collasso delle pareti e l’espansione del medesimo sfiato. La ricerca è stata pubblicata di recente sulla rivista Science

Le ricerche di Herrick 

Herrick ha studiato le immagini scattate nei primi anni ’90 durante i primi due cicli di imaging della sonda spaziale Magellano della NASA. Fino a poco tempo fa, confrontare le immagini digitali per trovare nuovi flussi di lava richiedeva troppo tempo. Di conseguenza, pochi scienziati hanno cercato nei dati di Magellano la formazione delle caratteristiche. Herrick ha affermato: “È solo nell’ultimo decennio circa che i dati di Magellano sono stati disponibili a piena risoluzione, mosaicati e facilmente manipolabili da un investigatore con una tipica postazione di lavoro personale”

La nuova ricerca si è concentrata su un’area contenente due dei più grandi vulcani di Venere, Ozza e Maat Mons. Herrick ha detto: “Ozza e Maat Mons sono paragonabili per volume ai più grandi vulcani della Terra, ma hanno pendenze più basse e quindi sono più diffuse”. Maat Mons contiene la bocca espansa che indica l’attività vulcanica.

Herrick ha confrontato un’immagine di Magellano di metà febbraio 1991 con un’immagine di metà ottobre 1991 (entrambe possono essere visualizzate come immagine in evidenza dell’articolo) e ha notato un cambiamento in uno sfiato sul lato nord di un vulcano a scudo a cupola che fa parte del complesso di Maat Mons. Ebbene, lo sfiato era cresciuto da una formazione circolare di poco meno di 1 miglio quadrato a una forma irregolare di circa 1,5 miglia quadrate.

Cosa si è notato in Maat Mons?

L’immagine successiva indica invece che le pareti della bocca si sono accorciate, forse alte solo poche centinaia di piedi, e che la bocca era quasi piena fino all’orlo. I ricercatori ipotizzano che un lago di lava si sia formato nella bocca durante gli otto mesi tra le immagini, anche se non è noto se il contenuto fosse liquido o raffreddato e solidificato.

I ricercatori hanno fatto la seguente ipotesi: un crollo non vulcanico, innescato da un terremoto, delle pareti della bocca potrebbe aver causato l’espansione. Hanno tuttavia notato che i crolli delle bocche di questa portata sui vulcani della Terra sono sempre stati accompagnati da eruzioni vulcaniche vicine; il magma si ritira da sotto la bocca perché sta andando da qualche altra parte.

Herrick ha detto che la superficie di Venere è geologicamente giovane, soprattutto rispetto a tutti gli altri corpi rocciosi ad eccezione della Terra e della luna di Giove, Io.

FONTE: Science

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

Il cervello dei bambini potrebbe mostrare come sesso e genere siano diversi

Sesso e genere sono spesso confusi o equiparati nelle...

BYD Dolphin Stile, Prestazioni e Sostenibilità in un’Auto Elettrica Compatta

Introduzione Nell'era moderna, la sostenibilità non è solo una scelta,...

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

Offerte Amazon di oggi: soundbar tv super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Funghi: mappata per la 1a volta la distribuzione

La scoperta delle dinamiche di spazi e stagionali prevedibili...

Articoli correlati

Popular Categories