La tecnologia al servizio dei giochi: tutte le novità

Quello dei videogiochi è un settore che negli ultimi anni ha fatto registrare numeri impressionanti, tanto da raggiungere un valore complessivo a livello globale di quasi 160 miliardi di dollari nell'anno ancora in corso

525

Quando si parla di videogame, oltre ai titoli più innovativi e di recente uscita, è molto facile trovare esempi di giochi dalla lunga tradizione, spesso secolare, oggetto di un’innovazione tecnologica che ne ha favorito il successo anche ai giorni nostri. Nell’epoca del web e dei device mobili tuttofare, non è dunque raro parlare di tecnologie al servizio del gaming. Vediamo in questo articolo alcuni esempi di questo fenomeno e le principali novità per il prossimo futuro.

Gaming, un settore in rapida ascesa

Quello dei videogiochi è un settore che negli ultimi anni ha fatto registrare numeri impressionanti, tanto da raggiungere un valore complessivo a livello globale di quasi 160 miliardi di dollari nell’anno ancora in corso. È evidente che questo fenomeno si rivela particolarmente interessante per gli analisti, che ne studiano i motivi del successo cercando di prevedere anche le future tendenze.
Le tecnologie via via adottate dalle software house e dagli operatori web impegnati nel comparto gaming hanno favorito un’incredibile crescita nel numero degli utenti e reso molto più eterogeneo un mercato che, prima del web, pareva riservato per lo più ai giovani appassionati. Con l’ormai prossima introduzione di alcune importanti novità, questo trend sembra destinato a confermarsi e a evidenziarsi ulteriormente: ecco dunque cosa attendersi di qui a breve.


Giochi sempre più smart: parola d’ordine portabilità

Negli ultimi anni, uno dei fenomeni che ha maggiormente influenzato il mercato dei videogame è stato quello della diffusione di piattaforme e app per device mobili. La portabilità è diventata dunque un tema centrale per le aziende di questo comparto, che puntano sempre di più sulla creazione di sistemi adatti a essere portati ovunque, pur mantenendo un’elevata qualità di grafiche e esperienze di gioco.
In questo senso, grande successo è stato ottenuto da smartphone e tablet, per molti diventati dei veri e propri strumenti di intrattenimento a 360 gradi, ma pare ormai chiara l’intenzione di puntare nuovamente sulle console portatili, che potrebbero coinvolgere soprattutto i nostalgici dei vecchi sistemi di questo genere e coloro che preferiscono un dispositivo dedicato soltanto al gioco. Il boom della console Nintendo Switch sembra aver gettato le basi per questo nuovo percorso, che probabilmente rappresenterà una delle tendenze dei prossimi anni.

Cloud gaming, il divertimento è in streaming

Un’altra delle tecnologie già esistenti, ma destinata a esplodere nel giro di pochissimo tempo, è quella del cloud gaming, ossia la possibilità di giocare ai propri titoli preferiti sfruttando uno spazio virtuale. In sostanza, il cloud gaming sorpassa il vecchio concetto di console per creare vasti cataloghi di videogame fruibili semplicemente sfruttando una connessione a internet.
Grazie al cloud gaming, i videogiochi vengono in un certo senso resi utilizzabili al pari di file audio e video, come accaduto per esempio per gli streaming musicali su Spotify o televisivi e cinematografici su Netflix, a tutto vantaggio dell’utente, che può evitare l’acquisto di un dispositivo fisico e al tempo stesso accedere a una ricca selezione di giochi di vario genere. Un primo passo in questo senso è già stato fatto, ma c’è da attendersi a breve un vero e proprio boom del settore: d’altronde se un colosso come Google ha scelto di investire suon di quattrini sulla piattaforma Stadia un motivo ci deve essere.
vr

Realtà virtuale e realtà aumentata

Molti di noi sono cresciuti giocando di fronte allo schermo di una tv o di un PC, lavorando con l’immaginazione per sentirsi pienamente parte dello scenario visualizzato. Da oggi, tutto questo potrebbe essere completamente sorpassato con la realtà virtuale, una tecnologia già ampiamente utilizzata in alcuni settori specifici, come quelli della ricerca medica, dell’arte e della cultura, e ora applicata anche all’intrattenimento. Con la realtà virtuale, il giocatore entra a far parte pienamente del gioco, muovendosi al suo interno proprio come se si trattasse del mondo reale, il tutto semplicemente sfruttando un visore VR.
La realtà virtuale sembra prossima a entrare in ogni genere di videogame, da quelli di azione a quelli sportivi, rendendo in ogni caso più completa e avvincente l’esperienza di gioco. In quest’ottica, tra i comparti videoludici più attenti alle innovazioni, sicuramente quello dei casino digitali rappresenta un esempio di grande successo e di proattività: è proprio in quest’ambito, infatti, che la tecnologia VR è stata testata e introdotta con largo anticipo allo scopo di migliorare la user experience, per esempio nell’utilizzo delle slot machine come accaduto su Betway, rese sempre più coinvolgenti e dinamiche.
Non meno importante, è infine la realtà aumentata, un’evoluzione della realtà virtuale che arricchisce la percezione sensoriale dell’utente aggiungendo informazioni elettroniche non percepibili con i cinque sensi. Sperimentata con successo nell’app Pokémon Go, questa tecnologia è destinata a essere ampiamente utilizzata anche in ambito marketing per migliorare l’esperienza di shopping online, così come nel settore turistico e in quello dell’insegnamento.

Voce, volto e gesti: le nuove frontiere del riconoscimento

Tra le tecnologie più interessanti al servizio dei videogame, e non solo, bisogna infine citare quelle relative al riconoscimento degli utenti, importanti sia ai fini dell’uso di strumenti di intrattenimento che come metodo altamente sicuro per la protezione dei dati personali.
Gli strumenti oggi a nostra disposizione, anche nell’ambito della domotica, sono in grado di riconoscere la nostra voce e di rispondere ai comandi, fornendoci informazioni in tempo reale oppure permettendoci di scegliere quale musica ascoltare senza toccare il dispositivo, ma anche di leggere i lineamenti del nostro volto e di individuare i nostri gesti. Tali opzioni aprono alla possibilità di giocare in maniera del tutto nuova, per esempio interagendo direttamente con personaggi e altri giocatori, di creare avatar sempre più simili a noi e di trasferire gesti e azioni reali all’interno del gioco stesso, eliminando l’uso di joypad, tastiere e altri controller fisici.