La sedentarietà non è così dannosa 

Stare seduti fa così male alla mente? Un nuovo studio della Colorado State University suggerisce che anche le persone che passano molto tempo in modo sedentario possono avere buone capacità cognitive 

0
12092

Ci hanno sempre detto e ridetto che stare troppo seduti fa male, e che per mantenersi attivi mentalmente e in salute bisogna fare attività fisica. Sicuramente è vero, lo sport e le piccole passeggiate ci fanno bene, ma un recente studio ha evidenziato come anche stare molte ore seduti durante la giornata non faccia poi così male, se mentre stiamo seduti ci dedichiamo ad attività intellettuali.

Infatti un esercizio fisico regolare aiuta a ridurre il rischio di malattie croniche, ma quando si parla di cervello e cognizione, questa recente ricerca sugli anziani, suggerisce che un po’ di sedentarietà non è cosi deleteria, a patto che vengano rispettati i parametri di riferimento dell’attività fisica di base.

Ricerca su 228 anziani tra 60 e 80 anni

La ricerca viene dalla Colorado State University, e porta il nome dell’assistente professor Aga Burzynska, del Dipartimento di sviluppo umano e studi sulla famiglia della CSU. Il ricercatore ha esaminato l’associazione tra l’attività fisica misurata dal sensore e le prestazioni cognitive in un campione di 228 anziani sani, di età compresa tra 60 e 80 anni.

Pubblicati in “Psychology and Aging” , i risultati hanno mostrato che, come previsto, gli adulti che si sono impegnati in attività da moderata a vigorosa avevano migliori capacità di velocità, memoria e ragionamento. Tuttavia, i dati hanno anche rivelato che gli adulti che hanno trascorso più tempo sedentario hanno ottenuto risultati migliori nei compiti di vocabolario e ragionamento. Lo studio potrebbe essere una buona notizia per una popolazione di americani che trascorrono una notevole quantità di tempo seduti per lavoro e per svago.

Misure sensibili

L’associazione tra una maggiore attività fisica e una migliore salute cardiovascolare e metabolica è ben documentata, ma il legame tra le diverse intensità di attività fisica quotidiana e la salute cognitiva è meno compreso, soprattutto negli anziani.



Sappiamo che invecchiando, anche se non abbiamo alcun deficit cognitivo, le persone dai 60 anni in su mostrano già alcune diminuzioni nella velocità, nel funzionamento esecutivo e nella memoria. Tali diminuzioni rientrano totalmente in un intervallo normale, ma questo studio è stato cercando di capire come i nostri comportamenti e le nostre abitudini possono essere correlati con i risultati cognitivi in ​​età avanzata“, ha detto Burzynska.

Ciò che differenzia questo studio dagli altri è il modo in cui i ricercatori hanno misurato l’attività fisica quotidiana, utilizzando sensori scientificamente convalidati che sono precisissimi. Altri studi si basano su dati auto-riportati per misurare l’attività fisica, “e sappiamo già che alle persone piace sopravvalutare i loro movimenti quotidiani e sottovalutare il tempo che trascorrono seduti“, ha detto Burzynska.

Sono stati testati 16 compiti cognitivi

Se chiedi alle persone quanto tempo siano rimaste sedute oggi, risponderanno forse da 2 a 3 ore, quando la realtà è più simile a 6 a 8 ore “, ha detto il ricercatore Burzynska. Inoltre, laddove altri studi potrebbero utilizzare solo una o due misure della cognizione e una definizione generale di attività fisica, lo studio di Burzynska ha utilizzato un’ampia valutazione che ha testato 16 compiti cognitivi. Inoltre, hanno misurato e controllato fattori socioeconomici e di salute, come la condizione occupazionale, il livello di reddito, la capacità aerobica, la pressione sanguigna e problemi di mobilità.

Il nostro studio ha misure di qualità piuttosto elevata che non possono essere eseguite veloci e sporche“, ha detto Burzynska. Gli anziani che hanno partecipato allo studio hanno indossato il sensore sull’anca per un arco di sette giorni, durante i quali il sensore ha catturato il tempo quotidiano trascorso seduti o in condizioni di attività fisica da moderata a vigorosa.

Fluido e Cognizione Cristallizzata

La valutazione cognitiva ha spinto i partecipanti a selezionare modelli, riempire gli spazi vuoti e identificare le forme, tra le altre attività, i cui risultati hanno aiutato i ricercatori a valutare se c’era una correlazione tra attività fisica e cognizione fluida e cristallizzata.

Le cosiddette capacità “fluide, come velocità e memoria, capacità di problem solving e ragionamento, tendono a diminuire durante l’età adulta; tuttavia, i partecipanti allo studio che si sono impegnati in un’attività fisica da moderata a vigorosa hanno ottenuto risultati migliori con i compiti fluidi, suggerendo che l’esercizio potrebbe evitare alcuni degli effetti tipici dell’invecchiamento cerebrale.

La maggior parte dei partecipanti allo studio non ha trascorso una quantità significativa di tempo nell’attività fisica; infatti, i dati hanno mostrato che, in media, la maggior parte dei partecipanti trascorreva meno del 2,7% del tempo impegnato in attività da moderate a intense. Gli anziani che invece sedevano più ore ogni giorno hanno ottenuto risultati migliori in attività basate sulla conoscenza, come i test di vocabolario o la comprensione della lettura. Queste abilità “cristallizzate tendono a rafforzarsi con l’età man mano che gli adulti acquisiscono più conoscenza ed esperienza.

Stare seduti e impegnati intellettualmente

È interessante notare che i ricercatori non hanno osservato alcuna associazione tra attività fisiche leggere, come fare il bucato, cucinare o altre faccende domestiche, e la cognizione. Sebbene la sostituzione della sedentarietà con una leggera attività fisica sia stata raccomandata per una migliore salute metabolica, non ci sono prove di tale relazione a livello cognitivo.

I ricercatori ipotizzano che quando le persone sono sedentarie, è probabile che siano impegnate in attività educative e stimolanti, come leggere, giocare o assistere a spettacoli teatrali, che potrebbero servire a aumentare la cognizione cristallizzata.

C’è questa grande spinta nella salute e nel benessere che stare seduti fa sempre male al tuo corpo, che essere un teledipendente non fa bene“, ha detto Burzynska, aggiungendo che: “Sebbene i nostri studi precedenti abbiano indicato che il cervello di coloro che passano più tempo seduti può invecchiare più velocemente, sembra che a livello cognitivo anche il tempo seduto possa essere significativo“.

Come trascorrere il tempo stando seduti

Tuttavia, sono necessari studi futuri per determinare esattamente come i partecipanti hanno trascorso il loro tempo seduti prima che si possano trarre conclusioni definitive sull’attività sedentaria e sulla salute cognitiva.

Burzynska afferma che lo studio rafforza la raccomandazione che l’esercizio fisico regolare fa bene alla salute generale, ma per quegli anziani che potrebbero non essere in grado di essere fisicamente attivi, impegnarsi in attività più impegnative dal punto di vista cognitivo può anche essere un’opzione.

“Non credo che suggerirei in alcun modo che dovremmo impegnarci di più a stare seduti, ma penso che cercare di essere fisicamente attivi il più possibile e assicurarmi che tu sia stimolato nel tuo tempo sedentario, che non sia passato solo a alla TV, che questa combinazione potrebbe essere il modo migliore per prendersi cura del tuo cervello “, ha detto lo studioso aggiungendo: “Spero che mandi un messaggio positivo per quelli di noi che hanno avuto limitate opportunità di esercizio durante la pandemia“.

Nella ricerca della salute del cervello a lungo termine, sembra che l’equilibrio sia la risposta. “Quando ti alleni, goditi il ​​tuo esercizio. Forse a volte pensi: sì, ora vado a sedermi e godermi un libro davvero buono“, ha aggiunto Burzynska.

Quello che si è evinto dalla ricerca è che sicuramente lo sport e l’attività fisica in generale fanno bene, ma anche stare seduti diverse ore non fa male al nostro cervello se in quelle ore ci dedichiamo ad attività stimolanti intellettualmente. Infatti la lettura di un buon libro, la visione di un bel film o di un documentario, fare le parole crociate, un puzzle, giocare a scacchi, a dama, scrivere, ricamare o anche semplicemente fantasticare con la mente, sono tutte cose che non fanno male, ma che aumentano le capacità cognitive. Un buon equilibrio tra attività fisica e sedentarietà è la giusta formula per il benessere.

Fonte: https://www.sciencedaily.com/releases/2020/10/201016114924.htm

2