La natura ricicla la spazzatura e crea diamanti

I diamanti più profondi della Terra sono comunemente costituiti da ex organismi viventi che sono stati effettivamente riciclati a più di 400 chilometri sotto la superficie

0
1575
Indice

I diamanti più profondi della Terra sono comunemente costituiti da ex organismi viventi che sono stati effettivamente riciclati a più di 400 chilometri sotto la superficie, ha scoperto una nuova ricerca Curtin.

La ricerca, pubblicata su Nature’s Scientific Reports, ha scoperto che sia i diamanti trovati nelle rocce oceaniche che i cosiddetti diamanti continentali super-profondi condividevano un’origine comune di carbonio organico riciclato nelle profondità del mantello terrestre.

L’autore principale, il dott. Luc Doucet, dell‘Earth Dynamics Research Group di Curtin all’interno della School of Earth and Planetary Sciences, ha affermato che i risultati hanno offerto una visione affascinante delle gemme più costose del mondo.

“Dando un nuovo significato alla vecchia spazzatura per fare tesoro dell’adagio, questa ricerca ha scoperto che il motore della Terra trasforma effettivamente il carbonio organico in diamanti a molte centinaia di chilometri sotto la superficie“, ha affermato il dott. Doucet.

“Il lancio di rocce dal mantello più profondo della Terra, chiamate pennacchi del mantello, riporta i diamanti sulla superficie terrestre tramite eruzioni vulcaniche affinché gli umani possano apprezzarli come gemme ricercate”.

Mentre il riciclaggio sta diventando una necessità moderna per la nostra sopravvivenza sostenibile, siamo rimasti particolarmente sorpresi di apprendere, attraverso questa ricerca, che Madre Natura ci ha mostrato come riciclare con stile per miliardi di anni”.

I tre tipi principali di diamanti naturali includono diamanti oceanici, continentali super profondi e litosferici, formati a diversi livelli del mantello con una miscela variabile di carbonio organico e inorganico.

Il co-autore John Curtin Distinguished Professor Zheng-Xiang Li, capo dell‘Earth Dynamics Research Group, ha affermato che la ricerca ha fornito un modello che spiega la formazione e la posizione di tutti e tre i principali tipi di diamanti.

“Questa è la prima volta che tutti e tre i principali tipi di diamanti sono stati collegati a pennacchi di mantello, rocce calde in mongolfiera guidate dalla tettonica delle placche e dal ciclo del supercontinente dalla Terra più profonda”, ha detto il professor Li.

“Questa ricerca non solo aiuta a comprendere il ciclo del carbonio della Terra, ma ha anche il potenziale per svelare più segreti della storia dinamica della Terra attraverso il monitoraggio delle posizioni passate dei pennacchi e dei superpennacchi del mantello. Ciò può essere ottenuto mappando la distribuzione sia continentale che di diamanti oceanici.”

Tuttavia, il professor Li ha affermato che è rimasto un mistero il motivo per cui i diamanti formati nella cosiddetta “zona di transizione del mantello“, profonda da 400 a 600 chilometri, utilizzassero solo carbonio organico riciclato .

“Questo potrebbe avere qualcosa a che fare con l’ambiente fisico-chimico che si trova lì”, ha detto il professor Li. “Non è raro che una nuova scoperta scientifica sollevi più domande che richiedono ulteriori indagini”.

2