La mente vagabonda non è un bug

L'esclusione dall'ambiente che ci circonda consente ai pensieri di fluire liberamente e in modo creativo. Questa è una funzione necessaria del cervello e può favorire il rilassamento

548

Grazie a un semplice elettroencefalogramma (EEG) utilizzato per misurare l’attività cerebrale di volontari impegnati in compiti che richiedevano una normale concentrazione, i ricercatori hanno identificato alcuni segnali che svelano quando la mente non è concentrata sul compito in corso e vaga senza meta, soprattutto dopo essersi concentrati alla soluzione di un problema specifico.

Lo studio ha rivelato nello specifico, un incremento delle onde alfa nella corteccia prefrontale di oltre due dozzine di partecipanti quando i loro pensieri passavano da un argomento all’altro, lasciando una firma elettrofisiologica del pensiero spontaneo e non vincolato. Le onde alfa sono ritmi cerebrali lenti la cui frequenza varia da 9 a 14 cicli al secondo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nel frattempo, segnali cerebrali più deboli noti come P3 sono stati osservati nella corteccia parietale, offrendo inoltre un marker neurale quando le persone non prestano attenzione al compito da svolgere.

“Per la prima volta, abbiamo prove neurofisiologiche che distinguono diversi modelli di pensiero interno, permettendoci di comprendere le varietà di pensiero centrali per la cognizione umana e di confrontare il pensiero sano e quello disordinato”, afferma Robert Knight, professore di psicologia e neuroscienze dell’Università della California, Berkeley e autore senior del nuovo studio, che apparirà negli Atti della National Academy of Sciences.

I risultati suggeriscono che l’esclusione dall’ambiente che ci circonda consente ai pensieri di fluire liberamente e in modo creativo. Questa è una funzione necessaria del cervello e può favorire il rilassamento.

Inoltre, i marcatori EEG che rilevano il fluire dei pensieri quando il cervello è a riposo possono aiutare ricercatori e medici a rilevare determinati modelli di pensiero, anche prima che i pazienti siano consapevoli di dove stanno vagando le loro menti.

“Questo potrebbe aiutare a rilevare modelli di pensiero legati a uno spettro di disturbi psichiatrici e dell’attenzione”, dice l’autrice principale Julia Kam, assistente professore di psicologia presso l’Università di Calgary. Ha avviato lo studio come ricercatrice post-dottorato nel laboratorio di neuroscienze cognitive di Knight presso l’UC Berkeley.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Se ti concentri sempre sui tuoi obiettivi, puoi perdere informazioni importanti. E così, avere un processo di pensiero di libera associazione che genera in modo casuale ricordi ed esperienze immaginative può portarti a nuove idee e intuizioni”, afferma il coautore Zachary Irving, assistente professore di filosofia presso l’Università della Virginia che ha esplorato le basi psicologiche e filosofiche “del vagabondaggio” come studioso postdottorato alla UC Berkeley. La teoria filosofica di Irving “del vagabondaggio” mentale è servita da modello alla metodologia dello studio.

“I neonati e le menti dei bambini piccoli sembrano vagare costantemente, e quindi ci siamo chiesti quali funzioni potrebbero servire”, dice la coautrice Alison Gopnik, psicologa dello sviluppo e studiosa di filosofia, e coautrice dello studio. “Il nostro articolo suggerisce che il vagabondaggio mentale è una caratteristica tanto positiva della cognizione quanto un capriccio e spiega qualcosa che tutti sperimentiamo”.

Lo studio, ha esaminato 39 adulti ai quali è stata insegnata la differenza tra quattro diverse categorie di pensiero: correlato al compito, liberamente in movimento, deliberatamente vincolato e vincolato automaticamente.

Ai partecipanti sono stati messi degli elettrodi sulla testa che avevano la funzione di misurare la loro attività cerebrale mentre davanti a uno schermo eseguivano dei semplici compiti con sequenze casuali di riconoscimento che richiedevano la loro attenzione.

Una volta terminata la sessione, è stato chiesto loro di valutare su una scala da uno a sette, se i loro pensieri durante l’attività erano correlati all’attività, si muovevano liberamente, deliberatamente vincolati o automaticamente vincolati.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un esempio di pensieri estranei al compito e che si muovono liberamente sarebbe se uno studente, invece di studiare per un esame imminente, si trovasse a pensare di aver ricevuto un buon voto in un compito, poi si rendesse conto di non aver ancora preparato la cena e poi che avrebbe dovuto fare più esercizio e infine ricordando la sua ultima vacanza, spiega Kam.

Le risposte alle domande sui processi di pensiero sono state quindi divise in quattro gruppi e confrontate con l’attività cerebrale registrata.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quando i partecipanti allo studio hanno raccontato di avere pensieri che si muovevano liberamente da un argomento all’altro, hanno mostrato una maggiore attività delle onde alfa nella corteccia frontale del cervello, questo modello è legato alla generazione di idee creative. I ricercatori hanno inoltre trovato prove di segnali cerebrali P3 minori durante i pensieri fuori dal compito.

“La capacità di rilevare i nostri modelli di pensiero attraverso l’attività cerebrale è un passo importante verso la generazione di potenziali strategie per regolare il modo in cui i nostri pensieri si sviluppano nel tempo, una strategia utile sia per le menti sane che per quelle disordinate”, afferma Kam.