La Grande Discordanza e l’enigma del Grand Canyon

Qual è la storia che si cela dietro la caratteristica geologica di uno dei primi parchi nazionali degli Stati Uniti d’America? Si tratta forse di quell’intervallo temporale mancante di milioni di anni che lo ricollegano a Rodinia?

L’enigma, denominato dagli esperti, la Grande discordanza è il misterioso anello mancante dietro la divergenza temporale dell’immensa gola creata dal fiume Colorado nell’Arizona settentrionale.

Sono anni che i Geologi indagano su un fenomeno ultra centenario descritto per la prima volta solo 150 anni fa. Lo sconfinato sito, oggi, potrebbe aver trovato una risposta al grande enigma che per anni molti ricercatori hanno cercato di risolvere.

Le scogliere rosse del sito, permettono di fare un salto nel passato, fino a due miliardi di anni fa. Tuttavia, mancano quelli che potremmo definire elementi chiave che possono svelare quelle peculiarità che si snodano nelle aree dove più di 1 miliardo di anni di rocce sono scomparse dal Grand Canyon, senza lasciare nessuna traccia. Dove sono finite?

A spiegarlo è Barra Peak, autrice principale del nuovo studio e anche studentessa laureata in scienze geologiche alla CU Boulder.

La Grande discordanza è una delle prime caratteristiche geologiche ben documentate del Nord America“, ha riferito Peak. “Ma fino a poco tempo fa, non avevamo molte informazioni su quando o come si è verificato“.

In un articolo, recentemente pubblicato sulla rivista Geology, il team che si occupa della Grande Discordanza, ha scritto che una “serie di piccoli ma violenti eventi di faglia”, potrebbero aver scosso la regione a tal punto da provocare una conseguente rottura e, a sua volta distacco, di un antico super continente chiamato Rodinia.

La Grande Discordanza, le origini

Tutto ciò generò un caos di grandi proporzioni strappando letteralmente la terra intorno al Grand Canyon e la frattura provocò la caduta di rocce e sedimenti nell’oceano.

Le scoperte del team potrebbero aiutare gli scienziati a raccogliere i pezzi mancanti sull’origine della faglia e del dilavamento; ma soprattutto a delucidarli su cosa è successo durante questo periodo critico per il Grand Canyon – oggi una delle principali meraviglie naturali del Nord America.

Abbiamo nuovi metodi analitici nel nostro laboratorio che ci permettono di decifrare la storia nella finestra mancante di tempo attraverso la Grande discordanza “; ha chiarito Rebecca Flowers, coautore del nuovo studio e professoressa di scienze geologiche. “Stiamo facendo questo nel Grand Canyon e in altre località della ‘Grande discordanza’ in tutto il Nord America“.

horseshoe bend 1908283 1280 e1629992571284

È un enigma che risale a molto tempo fa. Il maggiore John Wesley Powell, l’omonimo dell’odierno lago Powell, vide per la prima volta la Grande Discordanza durante la sua famosa spedizione del 1869 in barca lungo le rapide del fiume Colorado.

Peak, che ha completato un simile viaggio di ricerca in rafting, attraverso il Grand Canyon nella primavera del 2021, ha detto che la caratteristica è abbastanza netta e che si può vedere dal fiume.

Ci sono linee bellissime“, ha detto Peak. “Sul fondo, si può vedere molto chiaramente che ci sono rocce che sono state spinte insieme. I loro strati sono verticali. Poi c’è un taglio, e sopra si hanno questi bellissimi strati orizzontali che formano i rilievi e i picchi che si associano al Grand Canyon“.

“Spariti” un miliardo di anni …

La differenza tra questi due tipi di rocce è significativa. Nella parte occidentale del canyon verso il lago Mead, la pietra del basamento ha da 1,4 a 1,8 miliardi di anni. Le rocce che si trovano in cima, invece, hanno solo 520 milioni di anni.

Dal viaggio di Powell, gli scienziati hanno visto prove di periodi simili di tempo perduto in siti in tutto il Nord America.

C’è più di un miliardo di anni che è sparito“; ha affermato Peak. “È anche un miliardo di anni durante una parte interessante della storia della Terra, dove il pianeta sta passando da un ambiente più antico alla Terra moderna che conosciamo oggi“.

Questo grande periodo di transizione viene esplorato dall’équipe di Peak con la termocronologia, cioè traccia la storia del calore nella pietra.

Peak ha spiegato che, quando le formazioni geologiche sono sepolte in profondità nel sottosuolo, la pressione che si accumula sopra di esse può farle diventare più calde. Quel calore, a sua volta, lascia una traccia nella chimica dei minerali in quelle formazioni.

Utilizzando quest’approccio, i ricercatori hanno condotto un’indagine su campioni di roccia raccolti da tutto il Grand Canyon.

A quanto risulta la storia di questa caratteristica può essere più contorta di quanto sembri

La metà occidentale del canyon e la sua porzione orientale (la parte turistica) può aver subito diverse deformazioni geologiche nel corso del tempo.

Circa 700 milioni di anni fa, la roccia del basamento – nel sottosuolo – nella parte occidentale, sembra essere salita in superficie. Nella metà orientale, invece, quella stessa pietra era sotto chilometri di sedimenti.

La differenza è probabilmente dovuta alla disgregazione della Rodinia, una gigantesca massa di terra che ha iniziato a separarsi più o meno nello stesso periodo.

I risultati dell’équipe, suggeriscono che questo grande sconvolgimento può avere strappato a metà orientale (est) e occidentale (ovest) del Grand Canyon in modi e tempi differenti, generando l’incongruenza in tutto il processo .

Il prossimo passo sarà visionare altri siti appartenenti alla Grande Discordanza per comprendere il suo stato generale.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

In Tendenza

Fusione nucleare: energia del futuro ma non del presente

La fusione nucleare è la fonte di energia più...

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Evoluzione: alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria – video

Un team di studiosi della Flinders University e dell’Università di Adelaide in Australia ha scoperto che alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria e che la percentuale dei soggetti che presentano questa caratteristica è in crescita

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Articoli correlati

Popular Categories