La fusione nucleare sta arrivando: siamo pronti a gestire i problemi che potrebbe causare?

Sfruttare l’energia derivante dalla fusione nucleare, ovvero la combinazione dei nuclei contenuti negli atomi, potrebbe essere determinante nel passaggio a un sistema energetico globale decarbonizzato.

Fusione nucleare

La fusione nucleare è sicura?

Poiché le questioni relative al cambiamento climatico e alla sicurezza energetica stanno diventando sempre più importanti, la promessa di una fonte di energia apparentemente “pulita“, “abbondante” e “sicura, come la fusione nucleare, diventa sempre più allettante.

In risposta, l’industria della fusione nucleare sta crescendo rapidamente e l’idea che la fusione sia “a 30 anni di distanza e lo sarà sempre” sta iniziando a perdere credibilità man mano che la tecnologia supera la fase sperimentale.

È troppo facile però generare entusiasmo attorno a una soluzione apparentemente ideale alle sfide della società e la realizzazione dell’energia da fusione potrebbe entrare in conflitto con i problemi che si propone di risolvere.

I problemi che potrebbero sorgere

Contestualizzare questa esagerazione ed esplorare le aree in cui potrebbero sorgere queste tensioni è fondamentale per garantire che la tecnologia si sviluppi in modo eticamente corretto e possa apportare un beneficio netto alla società se si dimostra praticabile.

L’attrattiva di una fonte energetica a zero emissioni di carbonio, a basso spreco, affidabile e relativamente sicura, come la fusione nucleare, è evidente. È inquadrata sullo sfondo della crescente domanda globale di energia e nel contesto del cambiamento climatico. Tutto questo richiede una transizione verso un sistema energetico pulito.

Si pensa ampiamente che l’energia da fusione nucleare sarebbe in grado di colmare le lacune delle fonti energetiche esistenti. Ad esempio, eviterebbe l’intermittenza delle energie rinnovabili, dato che la fornitura di energia solare ed eolica è imprevedibile, dipendente com’è dalle condizioni meteorologiche.

La fusione evita anche i rifiuti radioattivi di lunga durata, i problemi di sicurezza e le preoccupazioni pubbliche relative all’energia da fissione nucleare convenzionale. Aiuterebbe a mitigare il costo del carbonio e le emissioni di gas serra dai combustibili fossili.

L’energia da fusione nucleare potrebbe anche placare le preoccupazioni sulla sicurezza energetica perché alcune delle sue risorse chiave sono abbondanti. Ad esempio, il combustibile al deuterio utilizzato in alcuni processi di fusione può essere facilmente ricavato dall’acqua di mare. Questo ridurrebbe la dipendenza dalle importazioni e isolerebbe le nazioni dagli shock del mercato globale.

Questi benefici però potrebbero mascherare questioni etiche più profonde sullo sviluppo della tecnologia e alcuni impatti potenzialmente dannosi. Forse uno degli esempi più chiari di tale tensione riguarda la sostenibilità ambientale. Questo si applica in particolare all’associazione con la mitigazione del cambiamento climatico e la riduzione delle emissioni di gas serra.

Il cambiamento climatico è un problema che si presta all’approccio “techno-fix“, in altre parole, può essere allettante evitare di apportare cambiamenti importanti al nostro comportamento perché pensiamo di poter contare sulla tecnologia per risolvere tutto. Questo è noto come argomento “ostruzione alla mitigazione” .

Mettere a confronto le emissioni di gas serra con la domanda di energia solleva anche questioni di giustizia ed equità. La domanda di energia sta crescendo in alcune regioni, principalmente nel sud del mondo, che hanno contribuito meno all’attuale crisi climatica.

I programmi di fusione nucleare tuttavia sono prevalentemente basati nel nord del mondo. Quindi, se la fusione nucleare si dimostrasse fattibile, coloro che hanno accesso a una tecnologia così trasformativa non sono necessariamente coloro che ne avranno più bisogno.

Il cambiamento climatico è una sfida globale, quindi qualsiasi soluzione proposta deve tenere conto dell’impatto globale. Bisogna impegnarsi per riconoscere il contesto dello sviluppo e incorporare considerazioni di iniquità globale nell’impiego della fusione nucleare se vogliamo affrontare la sfida climatica.

Simili preoccupazioni si possono riscontrare nei materiali utilizzati per l’energia da fusione. Tra questi rientrano minerali critici, tra cui litio, tungsteno e cobalto. L’estrazione e la lavorazione di questi minerali emettono gas serra. In alcuni casi, le operazioni di estrazione si trovano sulle terre delle popolazioni indigene o nelle loro vicinanze, e le catene di fornitura di questi materiali sono immerse in tensioni geopolitiche, con alleanze, collaborazione, competizione e il potenziale per la formazione di monopoli.

Il mercurio, ad esempio, viene utilizzato nella lavorazione del litio per i reattori a fusione nucleare. Non solo l’elemento è dannoso per l’ambiente e tossico, ma dipende in larga parte dalla produzione cinese.

Conclusioni

Il ritmo accelerato dell’energia da fusione aumenta il rischio di trascurare questi potenziali pericoli lungo il percorso. Tuttavia, questo non è un caso in cui dobbiamo applicare freni morali, ma piuttosto cambiare marcia.

Affrontare queste potenziali tensioni etiche richiede un pensiero sistematico durante tutto il processo di sviluppo, dal pensare alle implicazioni delle decisioni di progettazione e delle scelte dei materiali, fino alle strategie di distribuzione eque e alla condivisione delle conoscenze.

L’accesso all’energia è alla base del benessere e dello sviluppo umano e il sistema energetico nel suo complesso ha profondi impatti sociali. Non impegnarsi apertamente con le sfide sociali ed etiche delle tecnologie nuove ed emergenti in questo spazio sarebbe irresponsabile nella migliore delle ipotesi e dannoso nella peggiore. Questo è particolarmente vero quando gli impatti della tecnologia di fusione nucleare possono aggravare le sfide precise che mira a risolvere.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

Pulsar: ne sono state scoperte 10 in Terzan 5

Nel cuore della nostra galassia, la Via Lattea, un...

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

Fusione nucleare: energia del futuro ma non del presente

La fusione nucleare è la fonte di energia più...

Evoluzione: alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria – video

Un team di studiosi della Flinders University e dell’Università di Adelaide in Australia ha scoperto che alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria e che la percentuale dei soggetti che presentano questa caratteristica è in crescita

Articoli correlati

Popular Categories