La dieta mediterranea previene il rischio di demenza?

La dieta mediterranea è buona e nutriente, ricca di verdure, legumi e frutta. Il 16 novembre 2010 l'Unesco l'ha iscritta nella Lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità

289
La dieta mediterranea previene il rischio di demenza?
La dieta mediterranea previene il rischio di demenza?

La dieta mediterranea è buona e nutriente, ricca di legumi, verdure e frutta. Il 16 novembre 2010 l’Unesco l’ha iscritta nella Lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Nonostante le grandi proprietà essa sembra non prevenire il rischio di demenza.

A suggerirlo uno studio ventennale proveniente dalla Svezia. Precedenti studi sui potenziali benefici cognitivi della cosiddetta dieta mediterranea, definita in senso lato come una dieta ricca di verdure, legumi, frutta, pesce e grassi insaturi, come l’olio d’oliva, e povera di latticini, carni rosse e grassi saturi, hanno ottenuto risultati contrastanti, secondo il National Institute on Aging (NIA) del National Institutes of Health.

Dieta mediterranea: salutare, ma non influenza il rischio di demenza

Da precisare come due studi del 2019 sulla rivista JAMA che includevano migliaia di persone e decenni di follow-up non hanno trovato prove che la dieta mediterranea riduca il rischio di demenza o che la qualità della dieta influisca sul rischio di demenza, in generale.

Il nuovo studio svedese getta ulteriori dubbi sui benefici della dieta a sostegno del cervello. La prima autrice della ricerca, la dottoressa Isabelle Glans, membro dell’unità di ricerca sulla memoria clinica presso l’Università di Lund in Svezia, ha riferito a WordsSideKick.com: “Non abbiamo trovato alcuna associazione tra le abitudini alimentari convenzionali o l’adesione a una dieta mediterranea e la successiva incidenza di demenza“.

Questi risultati, che sono in linea con quelli trovati in studi precedenti di dimensioni e lunghezza simili, sono stati pubblicati il ​​12 ottobre sulla rivista Neurology. Detto questo, simile a molti studi precedenti, la ricerca si è basata su dati dietetici auto-riferiti dai partecipanti, che potrebbero non essere del tutto accurati e possono in qualche modo distorcere l’interpretazione dei risultati.

Gli studi dei coniugi Keys

Il fisiologo Ancel Keys e sua moglie, la biochimica Margaret Keys, hanno studiato la dieta mediterranea. Le analisi di Ancel si sono concentrate sul legame tra le diete maschili e il loro rischio di infarto e ictus. La ricerca ha suggerito che le diete povere di grassi saturi proteggono dalle malattie cardiovascolari e Ancel e Margaret hanno tratto ampia ispirazione dalla cucina greca, italiana e da altre cucine mediterranee per scrivere i loro popolari libri di dieta, secondo quanto riferito da The Conversation.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

In teoria, proteggendosi dalle malattie cardiovascolari, la dieta mediterranea potrebbe ridurre indirettamente il rischio di demenza, secondo la NIA. Questo perché l’accumulo di placca nelle arterie (aterosclerosi), ictus, ipertensione, glicemia alta e diabete possono aumentare il rischio di demenza e mantenere una dieta sana può aiutare a ridurre il rischio di queste condizioni.

Advertisement

Cosa dice lo studio svedese

Come precisa Sciencealert.com lo studio svedese  non ribalta completamente quanto scritto sopra, ma suggerisce che la dieta da sola non esercita un’influenza notevole sul corso della funzione cognitiva in età avanzata.

Il dottor Nils Peters, specialista in neurologia presso lo Stroke Center Klinik Hirslanden di Zurigo, Svizzera, e Benedetta Nacmias, professore associato di neurologia all’Università di Firenze, hanno scritto in un articolo del 12 ottobre pubblicato su Neurology: “La dieta come fattore singolare potrebbe non avere un effetto sufficientemente forte sulla cognizione, ma è più probabile che sia considerata come un fattore incorporato con vari altri, la cui somma può influenzare il corso della funzione cognitiva”. 

Questi altri fattori includono l’esercizio fisico regolare; evitare di fumare; bere solo con moderazione; e tenendo sotto controllo la pressione sanguigna, hanno scritto. In particolare, l’evidenza suggerisce che un’attività fisica regolare e un controllo costante della pressione sanguigna sono protettivi contro il declino cognitivo e che questi fattori sono probabilmente più influenti della dieta, secondo la NIA.

L’esperimento

La nuova ricerca ha incluso i dati di circa 28.000 persone che hanno preso parte al Malmö Diet and Cancer Study, uno studio lanciato nella città svedese di Malmö negli anni ’90. All’inizio dello studio, i partecipanti avevano in media 58 anni; a quel tempo fornivano dati dietetici sotto forma di un diario alimentare di una settimana; un questionario dettagliato sulla frequenza e la quantità con cui hanno consumato vari alimenti; e un’intervista sulle loro abitudini alimentari.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sulla base di queste informazioni, il team di ricerca ha “valutato” ogni partecipante in base a quanto rigorosamente si è attenuto alle raccomandazioni dietetiche svedesi standard o a una versione specifica della dieta mediterranea.

Nei successivi 20 anni, a 1.943 persone, ovvero il 6,9% dei partecipanti, è stata diagnosticata una qualche forma di demenza. Queste diagnosi includevano le due forme più comuni di demenza: la demenza correlata al morbo di Alzheimer (AD) e la demenza vascolare, che deriva da uno scarso flusso sanguigno al cervello.

I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che si attenevano a una dieta convenzionale o alla dieta mediterranea non avevano un’incidenza inferiore di alcun tipo di demenza rispetto ai partecipanti che non aderivano bene. Inoltre, non hanno trovato alcun legame tra la dieta e un marcatore specifico del morbo di Alzheimer , che hanno esaminato in circa settecentoquaranta partecipanti con declino cognitivo.

Advertisement

Advertisement