mercoledì, Ottobre 4, 2023
migliori casino non aams
HomeMedicinaAlcuni unguenti possono rimuovere le macchie della pelle e prevenire i tumori

Alcuni unguenti possono rimuovere le macchie della pelle e prevenire i tumori

I tumori della pelle sono il tipo più comune di cancro negli Stati Uniti. Ogni giorno, a circa 9.500 persone negli Stati Uniti viene diagnosticato un tumore della pelle. Il cancro della pelle è classificato in tre tipi: carcinoma a cellule basali, carcinoma a cellule squamose e melanoma

I tumori della pelle sono il tipo più comune di tumore negli Stati Uniti. Ogni giorno, a circa 9.500 persone negli Stati Uniti viene diagnosticato un tumore della pelle. Il cancro della pelle è classificato in tre tipi: carcinoma a cellule basali, carcinoma a cellule squamose e melanoma.

Il melanoma, la forma più letale di tumore della pelle, si sviluppa nei melanociti, le cellule che producono la melanina, il pigmento che dà colore alla pelle. Sebbene la causa esatta dei melanomi sia sconosciuta, l’esposizione alle radiazioni ultraviolette, sia che provengano dalla luce solare che da altre fonti, sembra aumentare il rischio di sviluppare un melanoma. Inoltre, le persone che hanno molti nei o nei anormali hanno maggiori probabilità di sviluppare un tumore della pelle.

Un neonato su 20.000 nasce con un nevo gigante congenito, che è un grosso neo pigmentato che può coprire gran parte del viso e del corpo. A causa dell’aspetto del neo e del potenziale rischio che si trasformi in tumore della pelle nel futuro, molti genitori scelgono di sottoporre i propri figli a un intervento chirurgico importante per rimuovere l’intera lesione, che può provocare cicatrici grandi e permanenti. I ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) hanno sviluppato più modelli preclinici di questa condizione e li hanno utilizzati per dimostrare che diversi unguenti possono essere applicati sulla pelle per far regredire le lesioni. Un farmaco topico può anche proteggere contro lo sviluppo di un tumore della pelle. I loro risultati sono stati pubblicati sulla rivista Cell il 12 maggio 2022.

Gli obiettivi del nostro studio erano lo sviluppo di una serie di modelli animali progettati per chiarire le caratteristiche biologiche chiave di queste lesioni e per testare trattamenti farmacologici non chirurgici sulla pelle, con l’obiettivo di far recedere le cellule del nevo, eliminando così la necessità di trattamenti chirurgici“, afferma l’autore senior David E. Fisher, MD, Ph.D., direttore del programma sul melanoma dell’MGH Cancer Center e direttore del Centro di ricerca sulla biologia cutanea dell’MGH.

I modelli utilizzavano topi modificati per esprimere un gene chiamato NRAS, che contiene una mutazione nota per causare la maggior parte dei nevi giganti congeniti nelle persone, nonché topi con innesti cutanei trapiantati contenenti nevi giganti congeniti umani. Fisher e i suoi colleghi hanno utilizzato questi modelli per esaminare le varie fasi di questi nevi al fine di comprendere meglio come si originano e si sviluppano. Inoltre, quando gli scienziati hanno utilizzato gli animali per valutare le applicazioni topiche di farmaci singoli o combinati che inibiscono le vie di segnalazione note per essere attivate da mutazioni NRAS, hanno scoperto che molti dei trattamenti provocavano significative regressioni del nevo. infine, a seguito di tre trattamenti con un farmaco che innesca un tipo di risposta infiammatoria dopo somministrazione topica sulla pelle, i nevi sono completamente regrediti.

Si spera che questi risultati preparino le basi per ulteriori perfezionamenti volti a testare direttamente tali trattamenti per la pelle su pazienti con nevi giganti congeniti“, afferma Fisher. “Questo lavoro includerà ulteriori studi sulla sicurezza, potenziali ulteriori miglioramenti dell’efficacia e ulteriori analisi dei meccanismi sottostanti. Gli obiettivi generali sono prevenire il melanoma in questi pazienti e anche evitare i problemi di deturpazione da queste lesioni“.

Riferimento: “Terapia topica per la regressione e la prevenzione del melanoma dei nevi giganti congeniti” di Yeon Sook Choi, Tal H. Erlich, Max von Franque, Inbal Rachmin, Jessica L. Flesher, Erik B. Schiferle, Yi Zhang, Marcello Pereira da Silva, 1999: Alva Jiang, Allison S. Dobry, Mack Su, Sharon Germana, Sebastian Lacher, Orly Freund, Ezra Feder, Jose L. Cortez, Suyeon Ryu, Tamar Babila Propp, Yedidyah Leo Samuels, Labib R. Zakka, Marjan Azin, Christin E. Burd, Norman E. Sharpless, X. Shirley Liu, Clifford Meyer, William Gerald Austen Jr., Branko Bojovic, Curtis L. Cetrulo Jr., Martin C. Mihm, Dave S. Hoon, Shadmehr Demehri, Elena B. Hawryluk e David E. Fisher, 12 maggio 2022, cell.
DOI: 10.1016/j.cell.2022.04.025


RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular