10.4 C
Rome
giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeMedicinaI comuni farmaci per il cuore sono collegati a un maggiore rischio...

I comuni farmaci per il cuore sono collegati a un maggiore rischio di infarto durante la stagione calda

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Per le persone con malattia coronarica, i beta-bloccanti sono farmaci importanti che possono migliorare la sopravvivenza e la qualità della vita. Allo stesso modo, l’aspirina e altri farmaci antipiastrinici possono ridurre il rischio di infarto.

Tuttavia, tali protezioni potrebbero ritorcersi contro durante gli eventi di tempo caldo, un momento in cui gli attacchi di cuore sono già più probabili. Un nuovo studio pubblicato il 1° agosto sulla rivista Nature Cardiovascular Research ha rilevato che, tra le persone che soffrono di attacchi cardiaci non fatali associati al caldo, una parte enorme assume questi farmaci per il cuore.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I pazienti che assumono questi due farmaci hanno un rischio maggiore“, ha affermato Kai Chen, assistente professore presso il Dipartimento di Epidemiologia (salute ambientale) della Yale School of Public Health e primo autore dello studio. “Durante le ondate di caldo, dovrebbero davvero prendere precauzioni“.

Tali precauzioni di sicurezza includono strategie di raffreddamento come l’uso dell’aria condizionata.

L’inquinamento atmosferico, il freddo e altri fattori ambientali esterni possono scatenare attacchi di cuore. Ci sono prove crescenti che suggeriscono che anche il caldo può farlo. Tuttavia, gli epidemiologi stanno ancora lavorando per identificare quali gruppi di persone sono più vulnerabili a questi estremi ambientali.

Metodi

Utilizzando un registro, i ricercatori hanno analizzato 2.494 casi in cui le persone hanno subito un infarto non fatale ad Augusta, in Germania, durante i mesi caldi (da maggio a settembre) tra il 2001 e il 2014.

Avevano già dimostrato in ricerche precedenti che l’esposizione al caldo o al freddo rendeva più probabili gli attacchi di cuore. Basato su quella ricerca, l’attuale studio ha esaminato l’uso di farmaci da parte dei pazienti prima dell’infarto.

Hanno analizzato i dati in un modo che ha consentito ai pazienti di fungere da controllo. Ciò è stato fatto confrontando l’esposizione al calore nel giorno dell’infarto rispetto agli stessi giorni della settimana nello stesso mese. Cioè, se una persona ha avuto un infarto il terzo giovedì di giugno, i ricercatori hanno confrontato la loro esposizione alla temperatura quel giorno con la loro esposizione alla temperatura in altri giovedì di “controllo” di giugno.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Due farmaci legati al rischio

Si è scoperto che gli utenti di farmaci beta-bloccanti o farmaci antipiastrinici hanno maggiori probabilità di avere attacchi di cuore durante i giorni più caldi rispetto ai giorni di controllo. L’uso di farmaci antipiastrinici è stato associato a un aumento del rischio del 63% e dei beta-bloccanti a un aumento del 65%. Le persone che assumevano entrambi i farmaci hanno evidenziato un rischio maggiore del 75%. I non utilizzatori di questi farmaci del gruppo di controllo non hanno manifestato maggiori probabilità di avere un infarto nelle giornate calde.

Sebbene mostri un’associazione, lo studio non dimostra che questi farmaci abbiano causato gli attacchi di cuore, né che rendano le persone più vulnerabili agli attacchi di cuore. È possibile che abbiano aumentato il rischio di attacchi cardiaci innescati dal caldo, ma è anche possibile che la malattia cardiaca sottostante dei pazienti spieghi sia le prescrizioni che la maggiore suscettibilità all’infarto durante la stagione calda.

Tuttavia, un indizio suggerisce una correlazione con i farmaci.

Quando i ricercatori hanno confrontato i pazienti più giovani (da 25 a 59 anni) con quelli più anziani (da 60 a 74 anni), hanno scoperto, come previsto, che i più giovani erano un gruppo più sano, con tassi più bassi di malattia coronarica. Eppure i pazienti più giovani che assumevano beta-bloccanti e farmaci antipiastrinici erano più suscettibili all’infarto correlato al calore rispetto ai pazienti più anziani, nonostante i più anziani avessero più malattie cardiache.

Un altro indizio che questi due tipi di farmaci possono rendere le persone più vulnerabili: per la maggior parte, altri farmaci per il cuore non hanno mostrato una connessione con attacchi di cuore legati al calore (un’eccezione erano le statine. Se assunte da persone più giovani, le statine erano associate a un rischio triplicato di infarto nelle giornate calde).

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ipotizziamo che alcuni dei farmaci possano rendere difficile la regolazione della temperatura corporea“, ha detto Chen che ha in programma di cercare di districare queste relazioni negli studi futuri.

I risultati suggeriscono che con il progredire del cambiamento climatico, gli attacchi di cuore potrebbero diventare un rischio maggiore per alcune persone con malattie cardiovascolari.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Riferimento: “Triggering of myocardial infarction by heat exposure is modified by medication intake” di Kai Chen, Robert Dubrow, Susanne Breitner, Kathrin Wolf, Jakob Linseisen, Timo Schmitz, Margit Heier, Wolfgang von Scheidt, Bernhard Kuch, Christa Meisinger, Annette Peters , Gruppo di studio KORA e Alexandra Schneider, 1 agosto 2022, Nature Cardiovascular Research .
DOI: 10.1038/s44161-022-00102-z

Articoli più letti