La crisi climatica condiziona la scelta di avere un figlio

Un sondaggio esclusivo del Guardian ha rilevato che quasi un quinto delle donne esperte di clima hanno risposto che ha scelto di non avere figli, o di averne meno, a causa della crisi climatica che affligge il mondo.

Crisi climatica

Essere madri con la crisi climatica che incombe

Tali decisioni sono state estremamente difficili, hanno detto. La dottoressa Shobha Maharaj, esperta degli effetti della crisi climatica di Trinidad e Tobago, ha scelto di avere un solo figlio, un maschio che ora ha sei anni: “Scegliere di avere un figlio è stata e continua ad essere una lotta”, ha detto.

Crisi climatica
La crisi climatica condiziona la scelta di avere un figlio

Maharaj ha detto che la paura di quello che avrebbe riservato il futuro di suo figlio, così come l’aggiunta di un altro essere umano al pianeta, erano parte della lotta: “Quando cresci su una piccola isola, diventa parte di te. Le piccole isole stanno già subendo un impatto molto negativo, quindi c’è questo costante senso di perdita imminente e non volevo trasferirlo a mio figlio”.

Mio marito tuttavia è la persona più orientata alla famiglia che conosco“, ha detto Maharaj: “Quindi questo era un compromesso: un figlio, non di più. Chissà, forse mio figlio crescendo sarà qualcuno che potrà aiutarmi a trovare una soluzione?”.

L’indagine del Guardian

Il Guardian ha contattato ogni autore principale o redattore contattabile di tutti i rapporti del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici dal 2018. I rapporti dell’IPCC sono il gold standard della conoscenza sul clima. Degli 843 contattati, 360 hanno risposto alla domanda sulle decisioni di vita, un tasso di risposta elevato.

Novantasette scienziate hanno risposto, di cui 17, tra cui donne provenienti da Brasile, Cile, Germania, India e Kenya, affermando di aver scelto di avere meno figli. Tutti gli scienziati intervistati, tranne l’1%, avevano più di 40 anni e due terzi avevano più di 50 anni, il che riflette le posizioni di alto livello che avevano raggiunto nelle loro professioni. Un quarto degli intervistati erano donne, la stessa percentuale degli autori complessivi dei rapporti dell’IPCC.

I risultati rispondono a una domanda sulle principali decisioni personali prese in risposta alla crisi climatica da parte degli scienziati che ne sanno di più e che si aspettano che le temperature globali superino gli obiettivi internazionali nei prossimi anni. Il 7% degli scienziati maschi che hanno risposto hanno affermato di non aver avuto figli o di averne avuto meno di quanti ne avrebbero altrimenti avuti.

La maggior parte delle scienziate intervistate aveva preso le proprie decisioni sui bambini nei decenni passati, quando erano più giovani e il grave pericolo del riscaldamento globale era meno evidente.

Le esperte hanno affermato di non voler aumentare la popolazione umana globale che sta imponendo un pesante tributo ambientale al pianeta, e alcuni hanno anche espresso timori per la crisi climatica in cui un bambino potrebbe ora dover vivere.

Crisi climatica

Il ruolo dell’aumento della popolazione mondiale nella distruzione della natura e nella crisi climatica è da decenni un argomento controverso. La pubblicazione di The Population Bomb del Prof. Paul Ehrlich nel 1968, menzionata da molti scienziati nelle loro risposte al sondaggio, è stata un punto critico particolare.

Il dibattito ha suscitato in passato accuse di razzismo, poiché le nazioni con una popolazione in rapido aumento sono in gran parte quelle dell’Africa e dell’Asia. Il controllo obbligatorio della popolazione non fa parte dell’odierno dibattito popolazione-ambiente, con migliori opportunità educative per le ragazze e accesso alla contraccezione per le donne che vogliono che sia vista come una politica efficace e umana.

Parmesan, del centro ecologico del CNRS in Francia, ha dichiarato: “Quando ho fatto la mia scelta, era molto chiaro nella comunità ecologica che la crescita della popolazione umana era un problema: la conservazione della biodiversità dipendeva assolutamente dalla stabilizzazione della popolazione”.

La Professoressa Regina Rodrigues, oceanografa dell’Università Federale di Santa Catarina in Brasile, che ha scelto di non avere figli, è stata influenzata dalla crisi climatica che ha visto nella città costiera in rapida espansione vicino a San Paolo dove è cresciuta.

Il fatto della limitazione delle risorse mi è stato molto chiaro fin dalla giovane età“, ha spiegato: “Poi ho saputo del cambiamento climatico e mi è stato ancora più chiaro. Sono totalmente soddisfatta nell’insegnare e nel trasmettere quello che so alle persone, non è necessario che sia il mio sangue. Io e mio marito non rimpiangiamo neanche un momento. Entrambi lavoriamo sul clima e stiamo combattendo”.

La professoressa Lisa Schipper, esperta di crisi climatica presso l’Università di Bonn in Germania, ha scelto di avere un figlio. Ha detto che provenendo dal nord del mondo, dove l’impronta di carbonio di ogni persona è molto più grande di quella di chi vive nel sud del mondo, c’è la responsabilità di riflettere attentamente su questa scelta.

Crisi climatica

Onestamente è solo ora che inizio a farmi prendere dal panico per il futuro di mia figlia“, ha detto: “Quando è nata, nel 2013, mi sentivo più ottimista riguardo alla possibilità di ridurre le emissioni. Ora mi sento in colpa per averla lasciata in questo mondo senza la mia protezione, e in colpa per aver avuto un ruolo nel cambiamento del clima. Quindi è desolante”.

Una scienziata indiana che ha scelto di rimanere anonima ha deciso di adottare piuttosto che avere figli propri: “Ci sono troppi bambini in India che non hanno un’equa opportunità e noi possiamo offrirla a qualcuno che è già nato”, ha detto: “Non siamo così speciali da dover trasmettere i nostri geni: i valori contano di più”.

La studiosa ha affermato che i ricchi che scelgono di avere famiglie numerose sono “egocentrici e irresponsabili nei tempi attuali”, citando la bassa mortalità infantile e l’enorme divario tra le emissioni dei ricchi e dei poveri.

I collegamenti tra crisi climatica e scelte di fertilità sono complessi e la ricerca fino ad oggi ha riscontrato scarsa coerenza tra gruppi di età e nazionalità. Secondo un recente studio, la scelta di avere meno figli o di non averne affatto per ragioni ambientali potrebbe essere il risultato di timori sul futuro, sui livelli di popolazione o sulla mancanza delle risorse necessarie per allevare i figli.

Uno studio condotto su americani di età compresa tra 27 e 45 anni, più giovani rispetto agli scienziati dell’IPCC intervistati, ha rilevato che la preoccupazione per il benessere dei bambini in un mondo trasformato dalla crisi climatica è un fattore molto più importante delle preoccupazioni per l’impronta di carbonio della loro prole.

Uno studio di focus group condotto in Svezia su tutte le età ha tuttavia rilevato che pochi hanno cambiato o cambierebbero i loro piani per i bambini a causa delle paure legate al clima. Non c’è stata quasi nessuna ricerca nel sud del mondo. Molti ricercatori hanno notato che alcune donne non hanno la libertà o la capacità di scegliere se avere figli, o quanti averne.

Conclusioni

Sul dibattito sul ruolo della crescita della popolazione nella crisi climatica attuale, Schipper ha concluso: “Quante persone abbiamo è irrilevante se solo una piccola percentuale causa la maggior parte del danno”. Parmesan non è d’accordo, affermando che l’impatto totale è la combinazione del livello di consumo delle persone e del numero totale di persone: “Non scegliere metà dell’equazione e ignorare l’altra metà“.

Crisi climatica

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

In Tendenza

Cosa sono i prodotti a base di CBD e quali sono i loro benefici

Il cannabidiolo, comunemente noto come CBD, è uno dei...

Progetto VIPER: inaspettato nessun lancio nel 2025

Il progetto VIPER (Volatiles Investigating Polar Exploration Rover) della...

Data center e l’IA: ufficiale impatto negativo in 2 ambiti

Negli ultimi anni, i data center e l'IA (Intelligenza...

Guerra del Golfo: scoperta la causa della malattia nei veterani

Uno studio della Griffith University ha rivelato che la...

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Beta finale di Android 15: diagnostica efficace per tutti

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Blazar S5 1803+78: scoperta affascinante variabilità ottica

I blazar sono tra gli oggetti più enigmatici e...

Articoli correlati

Popular Categories