La Cina ha in programma di lanciare una propria sonda verso Marte per l’anno prossimo

Indice

L’agenzia spaziale cinese, sull’onda di entusiasmo che ha fatto seguito al recente sbarco della missione Chang’e-4 sul lato lontano della Luna, sta progettando di inviare una sonda su Marte entro l’anno prossimo.

L’annuncio ha preceduto l’incontro della Conferenza consultiva politica del popolo cinese, essenzialmente un gruppo consultivo governativo composto dai rappresentanti di tutto lo spettro politico cinese. Negli ultimi 60 anni, abbiamo ottenuto molti risultati, ma c’è ancora una grande distanza reale dalle potenze spaziali del mondo. Dobbiamo accelerare il nostro ritmo,” ha dichiarato Wu Weiren, capo progettista del programma di esplorazione lunare della Cina, al China Global Television Network CCTV +. “… la Cina diventerà il terzo paese in grado di svolgere questo compito dopo gli Stati Uniti e la Russia. L’anno prossimo, lanceremo una sonda verso Marte, che entrerà in orbita intorno a Marte, e farà atterrare un lander sulla superficie del pianeta.

La Cina ha lanciato il suo primo satellite nel 1970, ben più tardi di Stati Uniti e Russia, ma ha rapidamente iniziato a recuperare capacità e tecnologia nel settore spaziale. Il primo orbiter lunare cinese, Chang’e 1, è stato lanciato nel 2007 e, più di recente, il lander e il rover Chang’e 4 sono scesi dolcemente vicino al polo sud lunare, sul lato più lontano della Luna. Per la fine di quest’anno è prevista la missione Chang’e 5, che dovrebbe scendere sulla Luna, prelevare dei campioni di terreno e rocce e riportarli sulla Terra.

La missione cinese su Marte si aggiungerebbe ad una serie di missioni della NASA e dell’Agenzia spaziale europea che attualmente esplorano o programmano di visitare il pianeta rosso. L’agenzia spaziale cinese sta pianificando una serie di altre missioni nello spazio profondo prima del 2030, tra cui una verso Giove, secondo la Xinhua.

Questa missione ancora senza nome non sarebbe, però, il primo tentativo della Cina di raggiungere Marte. Nel 2011, l’amministrazione spaziale nazionale cinese (CNSA) tentò di inviare un orbiter chiamato Yinghuo-1 sul pianeta rosso, ma la navicella, collegata alla missione russa Phobos-Grunt, non riuscì a lasciare l’orbita terrestre.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

In Tendenza

Bosone di Higgs: il Modello Standard resiste

Una nuova ricerca ha confermato le previsioni del Modello...

Simulatori quantistici: centri di spin aprono nuove frontiere

I ricercatori della UC Riverside hanno sviluppato simulatori quantistici...

Insetti commestibili: Singapore pioniere con 20 specie

Singapore, nota per la sua cucina variegata e innovativa,...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Articoli correlati

Popular Categories