10.4 C
Rome
giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeBiologiaScoperto il modo in cui l'intestino comunica con il cervello

Scoperto il modo in cui l’intestino comunica con il cervello

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il modo in cui il “secondo cervello”, il sistema nervoso enterico nel nostro intestino, comunica con il nostro primo cervello è stata una delle domande più impegnative affrontate dai neuroscienziati fino ad ora.

Una nuova ricerca della Flinders University ha scoperto come le cellule specializzate all’interno dell’intestino possono comunicare sia con il cervello che con il midollo spinale, cosa che, fino ad ora, era rimasto un grande mistero. “L’asse intestino-cervello consiste nella comunicazione bidirezionale tra il cervello e l’intestino, che collega i centri emotivi e cognitivi del cervello con le funzioni intestinali periferiche”, afferma l’autore dello studio, il professor Nick Spencer del College of Medicine and Public Health. “I recenti progressi della ricerca hanno descritto l’importanza del microbiota intestinale nell’influenzare questi percorsi, ma dovevamo ancora scoprire come funziona la comunicazione”.

Lo studio rivela una scoperta rivoluzionaria sul modo in cui le cellule enterocromaffini comunicano con le terminazioni nervose sensoriali. “All’interno della parete intestinale si trovano cellule specializzate chiamate cellule enterocromaffine (EC) che producono e rilasciano ormoni e neurotrasmettitori in risposta a particolari stimoli che vengono ingeriti quando mangiamo”, afferma il professor Spencer.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Queste cellule EC rilasciano la stragrande maggioranza della serotonina nel corpo, quindi il nostro studio ha scoperto un indizio importante su come il cibo che mangiamo stimoli il rilascio di serotonina, che quindi agisce sui nervi per comunicare con il cervello. C’è una connessione diretta tra i livelli di serotonina nel nostro corpo e la depressione e come ci sentiamo. Quindi, capire come le cellule EC intestinali comunicano con il cervello è di fondamentale importanza”.

Correlato: Respirare attraverso l’intestino

Il team ha fatto la scoperta utilizzando una tecnica di tracciamento neuronale sviluppata nel loro laboratorio, non utilizzata in nessun’altra parte del mondo, che consente loro di vedere con chiarezza le terminazioni nervose sensoriali nella parete intestinale.
La tecnica ha permesso ai ricercatori di vedere che le cellule EC probabilmente rilasciano sostanze attraverso un processo di diffusione, che poi agisce sui nervi sensoriali che comunicano con il cervello.

Non è stata trovata alcuna connessione fisica diretta tra le cellule EC e le terminazioni nervose sensoriali, contrariamente ad alcuni suggerimenti. “L’intestino è l’unico organo con un proprio sistema nervoso, noto come Sistema Nervoso Enterico o secondo cervello. Ora abbiamo una migliore comprensione di come il “secondo cervello” comunica con il “primo cervello””, afferma il professor Spencer.

L’articolo “L’asse intestino-cervello: relazione spaziale tra nervi afferenti spinali e cellule di enterocromaffina contenenti 5-HT nella mucosa del colon di topo” di Kelsi N. Dodds, Lee Travis, Melinda A. Kyloh, Lauren A. Jones, Damien J Keating, e Nick J. Spencer è pubblicato nell’American Journal of Physiology-Gastrointestinal and Liver Physiology. DOI: 10.1152/ajpgi.00019.2022.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Correlati:

Articoli più letti