Home Società

Il solarpunk salverà il pianeta?

Il solarpunk, termine, coniato nel 2008, è un movimento artistico che immagina come potrebbe apparire il futuro se vivessimo in armonia con la natura in un mondo sostenibile ed egualitario

2251

Comunità lussureggianti con giardini pensili, villaggi galleggianti, trasporti alimentati da energia pulita e racconti di fantascienza pieni di speranza. Immagina un mondo in cui le tecnologie esistenti vengono impiegate per il bene più grande sia delle persone che del pianeta.

Si chiama solarpunk. Il termine, coniato nel 2008, si riferisce a un movimento artistico che immagina come potrebbe apparire il futuro se vivessimo in armonia con la natura in un mondo sostenibile ed egualitario.

“Il solarpunk è davvero l’unica soluzione all’angolo esistenziale in cui ci siamo ficcati come specie a causa del disastro climatico”, afferma Michelle Tulumello, insegnante di arte solarpunk nello stato di New York.

“Se desideriamo sopravvivere e mantenere con noi alcune delle cose a cui teniamo sulla Terra, ciò comporta un’alterazione fondamentale necessaria nella nostra visione del mondo in cui cambiamo completamente la nostra prospettiva da competitiva a cooperativa”.

Ma quale impatto ha questo fiorente, utopico, movimento sull’industria tecnologica? Sono ispirati? Stanno anche ascoltando?

Verne Global gestisce servizi di data center da un campus in Islanda, alimentato al 100% da energia rinnovabile.

Il chief technology officer dell’azienda, Tate Cantrell, afferma che il paesaggio soprannaturale islandese si adatta perfettamente al solarpunk.

“L’etica del solarpunk abbraccia la tecnologia che scompare nell’ambiente, e la tecnologia alimentata da energia rinnovabile è una parte letterale dell’economia circolare, quella che elimina gli sprechi attraverso l’uso continuo delle risorse. Questa sinergia rende l’energia rinnovabile una manifestazione molto reale di un solarpunk futuro”, sostiene.

Ma non tutte le aziende che lavorano nella green economy sono a conoscenza del movimento.

Daniel Egger è direttore commerciale di Climeworks, un’azienda svizzera che cattura l’anidride carbonica (CO2) direttamente dall’aria utilizzando macchine alimentate da energia rinnovabile o energia da rifiuti.

Le tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS) sono viste da molti come un modo importante per tenere sotto controllo la CO2.

“Il nostro obiettivo è ispirare un miliardo di persone a rimuovere il carbonio dall’aria”, afferma. “Non è sicuramente il nostro obiettivo farlo da soli: dobbiamo far parte di un ecosistema”.

Eppure, nonostante miri ad affrontare il cambiamento climatico e galvanizzare la comunità, Egger afferma che l’azienda non ha molte conoscenze sul solarpunk. “Non è che non apprezziamo ciò che pensano gli altri, ma la sovrapposizione tra Climeworks e solarpunk non è grande”.

Forse le connotazioni anarchiche del punk sono scoraggianti per alcuni?

“Prescrivere alle persone che hanno bisogno di essere più solarpunk è molto meno invitante che incoraggiare le persone a esercitare la propria immaginazione”, afferma Phoebe Tickell, scienziata, designer di sistemi, imprenditrice sociale e co-fondatrice di Moral Imaginations, che lavora con le organizzazioni, comprese le università, i consigli locali e le comunità per incoraggiare a reimmaginare di un mondo migliore.

Usiamo l’immaginazione come la carota sul bastone perché ogni azienda sa che per resistere al futuro ed essere resilienti hanno bisogno di dipendenti creativi, fantasiosi e in grado di essere flessibili e resilienti in un mondo volatile, incerto, complesso e ambiguo.

La nostra speranza è che continuino a creare e ad allinearsi con le visioni solarpunk“, dice.

L’azienda canadese Carbon Upcycling Technologies (CUT) è un’organizzazione che sta sfruttando il solarpunk per comunicare la sua visione. La sua tecnologia a reattore consente la scomposizione del materiale e l’assorbimento di CO2, creando additivi potenziati per calcestruzzo.

Nel 2020, CUT ha lanciato un marchio di consumo, Expedition Air, vendendo prodotti come dipinti e magliette realizzati con materiale catturato dal carbonio. È una mossa radicata nel solarpunk e si basa su un programma Artist in Residence.

Non appena abbiamo iniziato a lavorare con artisti per dimostrare come il materiale in carbonio catturato può essere incorporato in una tale varietà di prodotti, abbiamo iniziato a ricevere richieste da aziende e marchi più grandi che desiderano integrare il nostro materiale nelle loro linee di prodotti già esistenti“, afferma Madison Savilow, capo impresa di Expedition Air.

Uno dei principali fattori trainanti della sua offerta di prodotti artistici e di consumo è consentire ai consumatori di interagire con materiali carbon-tech, afferma, e immaginare un futuro in cui i prodotti e l’arte siano in realtà pozzi di carbonio.

Abbiamo utilizzato prodotti artistici e di consumo per ridurre il rischio di adozione di questo nuovo materiale e avviare conversazioni con aziende che hanno la capacità di produzione di spostare effettivamente l’ago in termini di riduzione del carbonio“.

Ma usare l’arte e l’immaginazione per far agire le aziende più grandi non è sufficiente.

L’ethos del solarpunk sostiene anche la condivisione della conoscenza e la centralità della comunità, non le gerarchie, il profitto e la ricchezza eccessiva per una minoranza. Richiede un cambiamento di sistema. La signora Tulumello dice di conoscere diversi solarpunk che lavorano nel settore tecnologico.

Credo che le nostre opinioni stiano guadagnando terreno. Le startup high-tech piccole, agili ed ecologiche con strutture cooperative saranno il tipo di società che i solarpunk supporteranno. Qualcosa come un modello di business cooperativo e di proprietà dei lavoratori è più probabile che mantenga i suoi principi e il suo impegno per la sostenibilità e la neutralità del carbonio“.

L’etica dell’open source è al centro di molte di queste attività. Un esempio è Open Source Ecology, con sede negli Stati Uniti, che sviluppa macchine industriali, come trattori, forni o produttori di cemento, che possono essere realizzate a una frazione del normale costo commerciale e condivide i suoi progetti online gratuitamente. Il suo scopo è creare un’economia open source.

Ellie Day, programmatrice e appassionata di solarpunk, afferma che qualcosa per essere veramente solarpunk deve essere al di là del profitto.

Certo, il capitalismo può contribuire alla tecnologia, ma le persone devono venire prima del profitto, sempre. Quindi, se le aziende tecnologiche possono aiutare a diffondere l’ethos del solarpunk lavorando con quelli nello spazio senza cambiare ciò che significa, sono d’accordo con quello“.

Solarpunk è in contrasto con molte grandi aziende tecnologiche, ma rimane un’opportunità enorme e non sfruttata sia per ispirare l’innovazione che per comunicare nuove idee, sostengono i suoi sostenitori.

La signora Tickell afferma: “L’industria tecnologica, la giustizia sociale e l’industria ambientale spesso si considerano abbastanza separate e persino in guerra tra loro”.

Il Solarpunk è una narrativa culturale molto potente che potrebbe davvero unire gli sforzi in questi settori in modo allineato“.