Il sistema stellare di origine della cometa interstellare potrebbe essere simile al nostro

Gli studi in corso sulla cometa interstellare 2I/Borisov che sta attraversando il nostro sistema solare sembrano dimostrare che la composizione chimica del suo sistema stellare di origine sia simile a quella del nostro.

519

Gli astronomi di tutto il mondo stanno studiando la cometa interstellare 2I / Borisov, l’oggetto interstellare che sta visitando il nostro sistema solare, con l’obiettivo di apprendere su di esso il più possibile.

Queste osservazioni stanno già fornendo affascinanti intuizioni sulla cometa, incluso il fatto che il suo sistema solare di origine potrebbe non essere così diverso dal nostro, cosa in qualche modo attesa ma non scontata.

I ricercatori dell’Istituto di Astrofisica delle Canarie hanno pubblicato sulla rivista non peer review Research Notes della AAS uno studio dove si afferma che la polvere emessa da 2I / Borisov è simile in composizione a quella delle comete provenienti dal nostro sistema solare.

Un altro studio, condotto dai ricercatori della Queen’s University di Belfast e pubblicato sul server di prestampa arXiv, ha determinato che il gas che circonda l’oggetto interstellare è simile a quello delle nostre comete.

E quando osserviamo la quantità di gas che vediamo, rispetto alla quantità di particelle di polvere che viene espulsa anche dalla cometa, sembra anche abbastanza simile“, ha detto il ricercatore Alan Fitzsimmons in un’intervista Scientific American.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ovviamente, è ancora presto per affermare che il sistema stellare natale di 2I/ Borisov è come il nostro o no, ma gli astronomi sono eccitati da entrambe le prospettive.

Se il sistema stellare di origine fosse come le cose che abbiamo nel nostro sistema solare, vorrebbe dire che i processi che vediamo in atto sono qui da noi sono più tipici di quanto pensassimo“, ha detto il ricercatore della Queen’s University di Belfast Michele Bannister a Science Alert. “Se invece dovessimo capire che è molto diverso, questo ci direbbe che nei sistemi esoplanetari può esservi una chimica che si svolge in un modo abbastanza diverso di quanto non vediamo.”

Questo ci obbligherebbe a rivede molti dei parametri attualmente consolidati nella ricerca della vita oltre il nostro sistema solare.

Fonte: Science Alert

---L'articolo continua dopo la pubblicità---