Il safari virtuale aiuta l’Africa e la sua fauna selvatica

La recente pandemia ha infierito su tantissime realtà e ha messo in ginocchio molti lavoratori. L'Africa ha subito un grande deficit con il turismo inesistente. Per compensare questa enorme lacuna e per conservare la fauna selvatica è nato il Safari virtuale, per aiutare la gente che vive di questo, ma anche gli animali e la natura

530

Il Coronavirus ha messo in crisi tantissimi lavori, soprattutto quelli che hanno a che fare con il turismo. La scorsa estate, oltre il 90% dei tour operator di safari ha riferito infatti di aver perso il 75% o più della propria attività annuale a causa del Covid-19. La pandemia ha inferto un colpo devastante a un settore in piena espansione solo sei mesi prima.

Quando furono messi in atto protocolli di quarantena di emergenza, i lodge dovettero porre fine ai safari, non solo perché i clienti non stavano effettuando nuove prenotazioni, ma anche perché i safari programmati venivano costantemente cancellati.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Tony Mobile Safari in Botswana ha perso più di 150 clienti previsti. Mankwe Wildlife Reserve in Sud Africa ha visto tutti i clienti annullare. Mofeg Travel and Tours in Ghana gestisce normalmente sette tour all’anno; Ma nel 2020 è stato possibile averne solo uno.

Jarryd du Preez, un ranger di safari presso la Phinda Private Game Reserve in Sud Africa per la compagnia di tour e oltre, afferma che i dipendenti di lodge e società di safari in tutta l’Africa, la maggior parte dei quali sono residenti nelle comunità rurali, stanno soffrendo delle ricadute.

Stanno sostenendo se stessi, i loro genitori, i figli delle loro sorelle“, ha spiegato du Preez, aggiungendo: “C’è una regola pratica in Africa che se sei in grado di sostenere finanziariamente una persona nella comunità, dieci persone ne traggono beneficio, perché è così che sono culturalmente. Circa l’80% dei posti di lavoro e del reddito di queste comunità proviene dalle riserve“.

Il bracconaggio e i deficit delle società

La maggior parte dei lodge safari e delle compagnie turistiche reinvestono i propri guadagni nella conservazione, si occupano ad esempio di vaccinare i ghepardi e proteggere i rinoceronti in modo che i bracconieri non li uccidano. Senza gli ospiti che pagano per i tour, questi sforzi si sono praticamente interrotti.

Il bracconaggio è penetrato nei punti caldi dei turisti in tutto il continente, come il Sud Africa nord-occidentale e le regioni del Botswana ad alto rischio di rinoceronti, e le riserve e i centri di conservazione sono un’emorragia. Sede di 291 animali, l’Uganda Wildlife Conservation Education Center, utilizza le sue entrate, solo circa 25 mila euro nel 2018, per prendersi cura e nutrire gli animali. Questa organizzazione, ad esempio, sta ora affrontando un deficit di 42 mila euro.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il safari virtuale aiuta gli africani

Per compensare parte del reddito mancante e per portare l’attenzione tanto necessaria agli sforzi di conservazione in questo momento, molte compagnie di safari si sono orientate verso esperienze virtuali, sia che si tratti di guardare un safari registrato con un ospite dal vivo o di cavalcare in tempo reale su social media.

& Beyond ha iniziato a addebitare una tariffa per alcuni dei suoi programmi virtuali, generando 207 euro per esperienza a persona, che vengono immediatamente destinati alle esigenze di conservazione e ad aiutare le comunità locali a procurarsi cibo e attrezzature di protezione personale per il virus.

Altri, come Singita, una società di lodge di gioco incentrata sulla conservazione che gestisce 15 lodge e campi in Sud Africa, Zimbabwe, Tanzania e Ruanda, sperano che le offerte virtuali ispirino le persone a sostenere i loro partner di conservazione senza scopo di lucro.

Il safari virtuale è una soluzione per chi non può permettersi quello reale

La pandemia di Covid-19 sta mettendo la conservazione sotto un’enorme pressione“, afferma Lindy Rousseau, chief marketing officer di Singita, in un comunicato alla stampa, spiegando che: “Se il turismo crolla, l’effetto a catena potrebbe minacciare di spazzare via decenni di lavoro proattivo di conservazione nel continente. Se l’ecoturismo smette di finanziare il lavoro di conservazione dei partner senza scopo di lucro, aumenta la probabilità di caccia illegale e bracconaggio“.

Du Preez spera, tuttavia, che la portata dei safari virtuali porterà a una mentalità ambientale positiva che aiuterà a lungo termine, ed infatti ha dichiarato: “Una delle cose davvero fantastiche di queste offerte virtuali è che siamo in grado di interagire con persone che non potrebbero mai permettersi di venire in Africa, che non potrebbero mai permettersi di fare un safari. Ma ogni singola persona là fuori può fare la differenza per la fauna selvatica e la conservazione. E credo che questi safari virtuali, senza dubbio, abbiano reso le persone più consapevoli dell’ambiente che li circonda“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Safari virtuali e game drive per aumentare la consapevolezza sulla conservazione

& Beyond ha introdotto un’intera lista di offerte virtuali per i visitatori che attualmente non sono in grado di raggiungere i 29 lodge e le due riserve dell’azienda in 13 paesi africani, tra cui Botswana, Mozambico, Namibia, Sud Africa e Zanzibar.

Chiamato & Beyond Connect, consente agli aspiranti ospiti dell’azienda di prenotare safari virtuali nelle riserve di caccia private di Phinda e Ngala con i ranger, seguire i game drive giornalieri in diretta su Instagram e guardare programmi televisivi regolarmente programmati sulle destinazioni dei safari e sulla conservazione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il gioco unità due volte al giorno livestreamed, dove si può vedere tutta la fauna, dai puma agli elefanti, sono prodotti in collaborazione con gli esperti di radiodiffusione della fauna selvatica WildEarth.

Interazione attiva

Gli spettatori sono in grado di interagire con le guide facendo domande tramite commenti. Si può anche chiedere di girare in un modo specifico nel veicolo per guardare qualcosa per un po’più a lungo. Per le esperienze di safari privato, che vanno da167 a 207 euro, gli ospiti possono chattare direttamente con le guide e ottenere uno sguardo interpretativo più approfondito su ciò che è apparso durante il game drive.

Il fotografo e guida safari Ross Couper dirige i game drive virtuali di Singita dal vivo, attraverso la Sabi Sand Game Reserve in Sud Africa. La società è stata una delle prime ad adottare le unità di gioco virtuali e ha visto il coinvolgimento nei live streaming aumentare di oltre il 400% pochi giorni dopo la messa in onda del primo nella settimana del 23 marzo del 2020.

Ora, la società trasmette anche safari dal vivo dal Serengeti in Tanzania. Gli spettatori possono interagire con Couper tramite Instagram, dove guarderanno i live streaming e incontreranno virtualmente leoni, rinoceronti, cuccioli di elefante e altro ancora.

I live-streaming del safari sono gratuiti ma si possono fare donazioni

I live-streaming del safari sono gratuiti, ma se desideri contribuire monetariamente, fai una donazione al progetto di ristabilimento del rinoceronte nero orientale di Singita, che mira a incrementare la popolazione di rinoceronti neri in pericolo di estinzione nel Serengeti

Come &Beyond, Tswalu Kalahar, la più grande riserva privata in Sud Africa con 400 miglia quadrate, sta collaborando con WildEarth per offrire game drive dal vivo. Lo spettacolo dal vivo, chiamato EcoLive, viene trasmesso due volte al giorno (all’alba e al tramonto ora locale) sul sito Web e sui canali social di Tswalu .

Ad agosto, gli spettatori hanno guardato un leopardo e i suoi cuccioli, una coppia di astri pallidi del sud che cantavano, giraffe e altro ancora. Anche le unità sono interattive; alle domande poste sulle piattaforme social viene data risposta in tempo reale. Coloro che sono interessati a essere coinvolti nella conservazione della fauna selvatica possono visitare il sito web della Fondazione Tswalu.

Game drive dal vivo su Facebook

La Virgin Limited Edition di Richard Branson ospita game drive dal vivo su Facebook ogni mercoledì alle 15:00 ora locale, sia dal campo Mahali Mzuri nel Maasai Mara del Kenya sia dal campo Ulusaba nella Sabi Sand Reserve in Sud Africa.

Gli spettatori possono aggiungere commenti e i ranger leggeranno e risponderanno alle domande. Finora, gli avvistamenti di animali nei safari virtuali hanno incluso elefanti, giraffe, bufali e ghepardi. Molti degli spettatori interagiscono anche tra di loro; tendono a guardare ogni settimana e salutano i vecchi amici del safari e ne fanno di nuovi nella sezione dei commenti.

Le unità di gioco virtuali di Virgin Limited Edition si stanno concentrando sull’annuale Grande Migrazione, facendo un trekking a Mahali Mzuri per intravedere fino a due milioni di gnu, zebre, gazzelle, antilopi e topi mentre passano, così come i leoni, iene e leopardi che cercano un pasto facile tra la folla.

Donazione all’organizzazione benefica Pride ‘n Purpose

Poiché le unità di gioco possono essere guardate gratuitamente sui social media, gli spettatori possono fare una donazione a Pride ‘n Purpose, l’organizzazione benefica di Virgin Limited Edition per le famiglie svantaggiate vicino a Sabi Sand.

Sebbene non siano la stessa cosa delle esperienze di safari interattive, Africam.com ed Explore.org ospitano entrambe una serie di webcam dal vivo che guardano la fauna selvatica in tutta l’Africa.

Si può accedere in qualsiasi momento per dare un’occhiata a qualunque creatura potrebbe essere sullo schermo in quell’istante. Le località di Africam includono il fiume Olifants, la diga di Naledi e il parco degli elefanti di Tembe, tutti in Sud Africa. Explore.org aggrega circa due dozzine di live streaming diversi , tra cui il Mpala Research Center in Kenya, il Gorilla Forest Corridor nella Repubblica Democratica del Congo e Rosie’s Pan in Sud Africa.

Certo non è la stessa cosa che stare in Africa, ma in questo tempo di pandemia e per molti di ristrettezze economiche, può essere una esperienza affascinante, come fare una videochiamata agli animali del safari, e se poi facciamo anche una piccola donazione, possiamo contribuire alla conservazione delle riserve africane.