Il lancio del primo razzo Elektron di Rocket Lab dagli Stati Uniti è stato posticipato al 2021

Uno dei motivi del ritardo, ha riferito Rocket Lab, è che è in attesa che la NASA certifichi il sistema autonomo di terminazione del volo (AFTS) che verrà utilizzato sul razzo per garantire la sicurezza del lancio

0
569
Indice

Il primo lancio del razzo Electron di Rocket Lab da un sito negli Stati Uniti non avrà luogo fino al 2021 a causa di problemi con il sistema di terminazione del volo che la NASA richiede al razzo per essere utilizzato.
Rocket Lab aveva pianificato di condurre il primo lancio dal suo Launch Complex (LC) 2 a Wallops Island, in Virginia, quest’anno. La società ha completato il sito di lancio nel dicembre 2019, affermando che prevedeva di eseguire il primo lancio di una missione del programma di test spaziali militari statunitensi chiamata STP-27RM, nel secondo trimestre del 2020.
I preparativi per il lancio sono stati rallentati dalla pandemia, ma Rocket Lab ha riferito in primavera che prevedeva un lancio in autunno. La compagnia ha eseguito una prova generale del lancio in primavera, inclusa una prova di accensione statica dei nove motori del primo stadio del razzo.
Uno dei motivi del ritardo, ha riferito Rocket Lab, è che è in attesa che la NASA certifichi il sistema autonomo di terminazione del volo (AFTS) che verrà utilizzato sul razzo per garantire la sicurezza del lancio. La NASA controlla il raggio di lancio presso la Wallops Flight Facility, dove si trova l’LC-2. “Il processo di certificazione è molto più lungo di quanto credessimo e abbiamo sottovalutato la tempistica necessaria“, ha detto Peter Beck, amministratore delegato di Rocket Lab, in un’intervista ad agosto.
Il processo di certificazione è tutt’ora in corso. In un discorso del 10 novembre a un webinar del Maryland Space Business, David Pierce, direttore del NASA Wallops, ha menzionato i preparativi per il primo lancio di Rocket Lab come parte di una panoramica delle attività della struttura. “Siamo davvero orgogliosi del nostro lavoro con Rocket Lab“, ha detto. “Stiamo lavorando duramente per supportare Rocket Lab per un lancio nel ’21“.
Alla domanda sulla certificazione dell’AFTS, Pierce ha affermato che gli ingegneri si erano tenuti nei tempi previsti con lo sviluppo del sistema durante l’estate, nonostante la pandemia. “Quando hanno inviato l’unità per la revisione del software, abbiamo riscontrato alcuni errori“, ha detto. Quella revisione ha coinvolto i team presso la Katherine Johnson Independent Verification and Validation Facility della NASA, la Federal Aviation Administration, la Vandenberg Air Force Base e la Cape Canaveral Air Force Station.
Gli ingegneri stanno ora lavorando per risolvere quei problemi, il numero o la gravità dei quali non ha approfondito. “Ci aspettiamo che, con l’attuale velocità con cui stiamo sviluppando e correggendo gli errori di codice, dovremmo essere pronti a certificare quell’unità nella prima metà del ’21“, ha detto.
Quell’unità, ha aggiunto, sarà disponibile anche per altre società che lanciano da Wallops. “Riconosciamo che si tratta di una tecnologia rivoluzionaria, quindi vogliamo farlo e rilasciarlo all’industria privata non appena sarà sicuro farlo“.
Il portavoce di Rocket Lab, Morgan Bailey, ha confermato il 12 novembre che il completamento dell’AFTS è il passo finale prima che la compagnia sia pronta per il lancio da Wallops. “Il veicolo e la piattaforma sono pronti per il lancio“, ha detto. “Il passo finale è la certificazione della NASA del loro AFTS e la tempistica per il completamento di ciò è guidata dalla NASA“.
L’imminente traguardo di Rocket Lab è il primo tentativo dell’azienda di recuperare il primo stadio di Electron dopo il lancio. La missione, chiamata “Return to Sender“, è ora programmata per il lancio non prima del 18 novembre dal sito di lancio della LC-1 della società in Nuova Zelanda.
La società prevede di condurre i tentativi di recupero come parte dei suoi piani per riutilizzare il primo stadio Electron, inizialmente solo nel suo sito di lancio in Nuova Zelanda. Tuttavia, Beck ha affermato che la società prevede di recuperare i primi stadi anche nei lanci da LC-2.

2