11 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaIl getto del buco nero centrale della Via Lattea potrebbe essere rivolto...

Il getto del buco nero centrale della Via Lattea potrebbe essere rivolto verso la Terra

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

L’interferenza di enormi nuvole di gas caldo ha impedito a lungo agli astronomi di avere una visione chiara della regione attorno al buco nero supermassiccio vicino al nucleo della Via Lattea. Ma ora, usando l’array Atacama Large Millimeter / submillimeter in concerto con altri radiotelescopi in tutto il mondo, i ricercatori hanno visto segni di quello che potrebbe essere un’emissione radio diretta quasi direttamente sulla Terra.

Utilizzando un’interferometria di base molto lunga, che combina i dati di molti strumenti per formare un telescopio virtuale delle dimensioni della Terra, i ricercatori sono stati in grado di mappare le proprietà della diffusione della luce che impedisce una visione nitida del buco nero, noto come Sagittario A *. Sottrarre gli effetti di dispersione ha permesso loro di produrre la prima immagine della regione che circonda il corpo dell’enorme buco nero.

La maggior parte delle emissioni radio di Sgr A * proviene da una fonte estremamente concentrata posta ad appena un 300 milionesimo di grado attraverso la Terra.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questo potrebbe indicare che l’emissione radio è prodotta in un disco di gas in caduta piuttosto che da un getto radio“, ha detto Sara Issaoun, della Radboud University di Nijmegen nei Paesi Bassi. “Tuttavia, ciò renderebbe Sgr A * un’eccezione rispetto ad altri buchi neri con emissioni radio. L’alternativa potrebbe essere che il getto radio sta puntando quasi contro di noi. ”

Heino Falcke, professore di radioastronomia all’Università di Radboud e supervisore del dottorato di Issaoun, inizialmente scettico, ha poi dovuto arrendersi all’evidenza dei dati del Very Large Telescope dell’Osservatorio europeo meridionale, generati con una tecnica diversa, che hanno portato a una conclusione simile. “Forse questo è vero dopotutto e stiamo guardando questa bestia da un punto di vista molto speciale“, ha detto Falcke.

Sgr A * è il buco nero supermassiccio più vicino alla Terra. Tuttavia, è così lontano, circa 26.000 anni luce, che la sua dimensione apparente nel nostro cielo si estende su meno di 100 milionesimi di grado. Per dirla in prospettiva, ha, all’incirca, la dimensione di una palla da tennis sulla Luna vista dalla Terra.

I buchi neri supermassicci sembrano essere caratteristiche comuni dei nuclei galattici, generando un’enorme gravità che risucchia la materia circostante. Parte di quel materiale finisce in un disco rotante prima di entrare a spirale nel buco mentre un’altra parte viene espulsi in direzioni opposte in due raggi relativamente stretti, o getti, a velocità estremamente elevate.

Se l’emissione radio vista da SgrA * proviene da una struttura simmetrica sottostante, o è intrinsecamente asimmetrica, è una questione di intensa discussione“, ha detto Thomas Krichbaum, un membro del gruppo di ricerca.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Fonte: Astronomynow

Articoli più letti