Spazio, la Cina alla conquista della luna

La Cina pensa di costruire, nei prossimi anni, una sua stazione spaziale, una base sulla Luna al fine di sfruttare il suolo del satellite per fini commerciali

253

La missione spaziale della capsula cinese Chang’e 5 è stato un pieno successo; per la prima volta sono stati riportati sula Terra campioni di suolo lunare dopo la missione robotica Luna 24 dell’Unione Sovietica nel 1976.
Inoltre è stato realizzato il primo aggancio automatico tra due veicoli robotici nell’orbita lunare tra la capsula che ha raccolto i campioni sulla Luna e la sonda madre che aspettava in orbita.

Cina, protagonista della esplorazione spaziale

Adesso la Cina è, a pieno titolo, protagonista delle attività di esplorazione spaziale e Wu Yanhua, vice capo della agenzia spaziale cinese, ha affermato che adesso lo scopo principale del suo paese è costruire infrastrutture permanenti sul suolo lunare per passare, successivamente, ad uno sfruttamento del suolo lunare a fini commerciali.
Wu ha affermato che per questi scopi sarà essenziali l’utilizzo di Queqiao, il satellite di collegamento della sonda Chang’e-4, che è in grado di fornire un monitoraggio costante della Luna-Terra e un servizio di comunicazione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’industria spaziale cinese procede spedita verso i suoi obiettivi

Negli ultimi decenni la Cina ha sviluppato in maniera efficace i suoi programmi di esplorazione spaziale, e Wu Yanhua ha svelato gli ambiziosi piani per il futuro.
L’esplorazione lunare del paese includerà quattro missioni intitolate alla dea della luna nella mitologia cinese, Chang’e.
Con la sonda Chang’e-4 nel gennaio la Cina ha effettuato il primo atterraggio robotico dell’uomo sul lato oscuro della luna e adesso l’agenzia e gli scienziati stanno pianificando i dettagli della missione Chang’e-6, che potrebbe essere applicata durante il 14 ° piano quinquennale (2021-25).
La missione Chang’e-6, si propone di recuperare di materiale lunare come Chang’e-5 , e cercherà di estendere la complessità della missione precedente al fine di sviluppare nuove scoperte tecnologiche.
Il luogo di raccolta del campione potrebbe essere il polo sud della luna o anche il lato oscuro della luna, cosa che non è mai stata fatta prima da nessuna nazione.
L’agenzia spaziale Cinese, inoltre, sta pianificando anche le missioni Chang’e-7 e -8 e vorrebbe trasformarle in opportunità per collaborare con agenzie omologhe di altri paesi per studiare la possibilità di costruire una base permanente sulla luna.

Undici lanci spaziali nei prossimi due anni

La Cina nei prossimi due anni ha in programma di effettuare 11 lanci spaziali, tra cui quattro voli di astronavi con equipaggio e quattro voli di astronavi cargo perché il suo scopo principale è la costruzione della sua prima stazione spaziale entro il 2022 circa.
La stazione spaziale si chiamerà Tiangong, che significa palazzo celeste, e avrà una forma a T con un modulo centrale al centro e laboratori su ciascun lato e sarà in grado di ospitare tre astronauti in circostanze normali e fino a sei durante la sostituzione dell’equipaggio.
La stazione spaziale cinese opererà in orbita terrestre bassa a un’altitudine compresa tra 340 e 450 chilometri per più di 10 anni, supportando esperimenti scientifici, tecnologici e applicativi su larga scala.
La Cina sta anche portando avanti la ricerca e lo sviluppo di un razzo da trasporto pesante con equipaggio, la cui capacità di lancio raggiungerebbe 70 tonnellate nell’orbita terrestre bassa (LEO) e 27 tonnellate nell’orbita di trasferimento lunare (LTO).

Anche Marte nei programmi della Cina

La Cina ha lanciato da poco la prima sonda su Marte del paese, nome in codice Tianwen-1, il 23 luglio dal Wenchang Space Launch Center nella provincia di Hainan, nella Cina meridionale, dando il via alla sua esplorazione inter-planetaria.
Attualmente, Tianwen-1 ha percorso 370 milioni di chilometri e ha raggiunto più di 100 milioni di chilometri dalla Terra, secondo l’ultimo aggiornamento della CNSA sulla missione all’inizio di questa settimana.
La sonda dovrebbe arrivare nella gravità del Pianeta Rosso entro la metà di febbraio del prossimo anno e quindi iniziare a orbitare attorno a Marte. E mira ad atterrare sul pianeta entro metà maggio 2021, dove rilascerà un rover per condurre una missione di rilevamento.