Un massiccio iceberg ha rilasciato 150 miliardi di tonnellate di acqua dolce nell’oceano

152 miliardi di tonnellate di acqua dolce - equivalenti a 20 Loch Ness o 61 milioni di piscine olimpioniche, sono entrate nei mari intorno all'isola sub-antartica della Georgia del Sud

601

152 miliardi di tonnellate di acqua dolce – equivalenti a 20 Loch Ness o 61 milioni di piscine olimpioniche, sono entrate nei mari intorno all’isola sub-antartica della Georgia del Sud quando il megaiceberg A68A si è sciolto in 3 mesi nel 2020/2021, secondo un nuovo studio.

Nel luglio 2017, l’iceberg A68A si è staccato dalla piattaforma di ghiaccio Larsen-C nella penisola antartica e ha iniziato il suo epico viaggio di 3,5 anni e 4000 km attraverso l’Oceano Antartico. Con un’estensione di 5719 chilometri quadrati, un quarto delle dimensioni del Galles, era il più grande iceberg sulla Terra quando si è formato e il sesto più grande mai registrato.

Intorno a Natale 2020, l’iceberg ha ricevuto un’attenzione diffusa mentre si spostava in modo preoccupante vicino alla Georgia del Sud, sollevando preoccupazioni che potesse danneggiare il fragile ecosistema dell’isola.

I ricercatori del Center for Polar Observation and Modeling (CPOM) e British Antarctic Survey (BAS) hanno utilizzato misurazioni satellitari per tracciare l’area dell’iceberg A68A e il cambiamento di spessore durante il suo ciclo di vita. Gli autori mostrano che l’iceberg si era sciolto abbastanza mentre andava alla deriva per evitare di danneggiare il fondo del mare intorno alla Georgia del Sud incagliandosi.

Tuttavia, un effetto collaterale dello scioglimento è stato il rilascio di ben 152 miliardi di tonnellate di acqua dolce in prossimità dell’isola, un disturbo che potrebbe avere un profondo impatto sull’habitat marino dell’isola.

Per i primi due anni della sua vita, l‘A68A è rimasto vicino all’Antartide nelle fredde acque del Mare di Weddell e ha sperimentato poco lo scioglimento. Tuttavia, una volta iniziato il suo viaggio verso nord attraverso il Passaggio di Drake, ha viaggiato attraverso acque sempre più calde e ha iniziato a sciogliersi. Complessivamente, l’iceberg si è assottigliato di 67 metri dal suo spessore iniziale di 235 m, con un tasso di scioglimento in forte aumento mentre si è spostava nel Mare di Scozia intorno alla Georgia del Sud.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---


Laura Gerrish, specialista in GIS e mappatura presso BAS e coautrice dello studio, ha dichiarato:

“L’A68 era un iceberg assolutamente affascinante da seguire dalla sua creazione fino alla sua fine. Misurazioni frequenti ci hanno permesso di seguire ogni movimento e rottura  mentre si muoveva lentamente verso nord e nel Mare di Scozia, dove ha poi guadagnato velocità e si è avvicinato molto all’isola della Georgia del Sud“.

Se la chiglia di un iceberg è troppo profonda può rimanere bloccata sul fondo del mare. Questo può essere dirompente in diversi modi; i segni di sfregamento possono distruggere la fauna e l’iceberg stesso può bloccare le correnti oceaniche e le rotte di foraggiamento dei predatori.

Tutti questi potenziali esiti erano temuti quando l’A68A si è avvicinato alla Georgia del Sud. Tuttavia, questo nuovo studio rivela che si è scontrato solo brevemente con il fondale marino e si è rotto poco dopo, rendendolo meno rischioso in termini di blocco. Quando ha raggiunto le acque poco profonde intorno alla Georgia del Sud, la chiglia dell’iceberg si era ridotta a 141 metri sotto la superficie dell’oceano, abbastanza poco profonda da evitare il fondale marino che è profondo circa 150 metri.

Tuttavia, l’ecosistema e la fauna intorno alla Georgia del Sud avranno sicuramente risentito dell’impatto della visita del colossale A68A. Quando gli iceberg si staccano dalle piattaforme di ghiaccio, vanno alla deriva con le correnti oceaniche e il vento mentre rilasciano acqua di disgelo fresca e fredda e sostanze nutritive mentre si sciolgono. Questo processo influenza la circolazione oceanica locale e favorisce la produzione biologica attorno all’iceberg. Al suo apice, l’iceberg si stava sciogliendo a una velocità di 7 metri al mese e in totale ha rilasciato l’incredibile cifra di 152 miliardi di tonnellate di acqua dolce e sostanze nutritive.

Anne Braakmann-Folgmann, ricercatrice presso il CPOM e dottoranda presso la School of Earth and Environment dell’Università di Leeds, è l’autrice principale dello studio, ha dichiarato:

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Si tratta di un’enorme quantità di acqua di scioglimento e la prossima cosa che vogliamo imparare è se ha avuto un impatto positivo o negativo sull’ecosistema intorno alla Georgia del Sud”.

“Poiché l’A68A ha preso una rotta comune attraverso il Passaggio di Drake, speriamo di saperne di più sugli iceberg che seguono una traiettoria simile e su come influenzano gli oceani polari”.

Il viaggio dell’A68A è stato tracciato utilizzando le osservazioni di 5 diversi satelliti. Il cambiamento dell’area dell’iceberg è stato registrato utilizzando una combinazione di immagini di Sentinel-1, Sentinel-3 e MODIS. Nel frattempo, la variazione di spessore dell’iceberg è stata misurata utilizzando l’altimetria CryoSat-2 e ICESat-2. Combinando queste misurazioni, sono stati determinati l’area, lo spessore e la variazione di volume dell’iceberg.

Tommaso Parrinello, Mission Manager di CryoSat presso l’Agenzia Spaziale Europea, ha dichiarato:

“La nostra capacità di studiare ogni movimento dell’iceberg in modo così dettagliato è grazie ai progressi nelle tecniche satellitari e all’uso di una varietà di misurazioni. I satelliti di imaging registrano la posizione e la forma dell’iceberg e i dati delle missioni di altimetria aggiungono una terza dimensione poiché misurano l’altezza delle superfici sotto i satelliti e possono quindi osservare come un iceberg si scioglie“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---