I sentimenti dei cani

Le intuizioni che emergono stanno confermando cose che molti proprietari di cani sospettavano da tempo e stanno cambiando radicalmente ciò che gli scienziati pensavano di sapere sui cani

0
959
I sentimenti dei cani
I sentimenti dei cani

Probabilmente è impossibile sapere esattamente cosa sta pensando il tuo cane. Ma alcuni anni fa, Gregory Berns, un neuroscienziato della Emory University, ha deciso di provare a scoprirlo comunque.

Il catalizzatore è stato il minuscolo carlino Newton di Bern, un cagnolino dal colore fulvo con un carattere amichevole. Ogni notte per più di un decennio, Newton si infilava nel letto con Berns e sua moglie e infilava la sua testa nell’incavo dell’ascella del neuroscienziato, prima di addormentarsi e cominciare a russare sonoramente. Questa routine è continuata anche dopo che Newton è diventato così artritico da dover fare affidamento su un carrello con ruote minuscole attaccato alle zampe posteriori per trainarsi e ncessitava di aiuto per entrare nel letto.

Quando alla fine Newton morì alla veneranda (per un cane) età di 14 anni, Berns fu così devastato che iniziò a rimuginare sulla natura della loro relazione. Sì, aveva davvero amato intensamente quel piccoletto. Ma Newton, si chiese, aveva provato la stessa cosa per lui? Berns cercò di non soffermarsi sulla questione. Era triste contemplare la possibilità che per Newton la loro relazione potesse ridursi a nient’altro che una brama di dolcetti per cani o un nuovo giocattolo da masticare.

FE Cani 01 BANDIERA
Un Jack Russel Terrier. STUDIO/GETTY

Pochi mesi dopo, mentre guardava al telegiornale un cane addestrato che partecipava all’operazione militare per catturare Osama bin Laden, Berns ebbe un’illuminazione. Se un cane poteva rimanere calmo durante un raid militare, forse sarebbe stato possibile addestrare il suo nuovo cucciolo a rimanere fermo in una macchina per la risonanza magnetica abbastanza a lungo da scansionare il suo cervello e vedere come pensa.

Da allora, Berns ha scansionato il cervello di oltre 100 cani, ha pubblicato i risultati in due libri e si è affermato come pioniere nel campo di ricerca in rapida crescita chiamato “cognizione canina“, che sta rivelando nuove intuizioni sui comportamenti spesso enigmatici dei nostri favolosi amici pelosi a quattro zampe.

Le intuizioni che emergono stanno confermando cose che molti proprietari di cani sospettavano da tempo e stanno cambiando radicalmente ciò che gli scienziati pensavano di sapere sui cani. Lungi dall’essere creature stupide con un buon naso, come si pensava in precedenza, sono in realtà intelligenti in modi specifici che li rendono ideali come collaboratori e compagni. Nel corso dei millenni, si sono evoluti per essere animali cooperativi, dotati del meccanismo neurale per comprendere idee astratte e complesse dinamiche sociali. Sono in grado di leggere e valutare le emozioni umane con grande precisione, possono comprendere alcune lingue e sono persino in grado di emettere segnali rudimentali.



La nuova scienza dei cani sta anche affrontando la domanda in modo più evidente nelle menti di Bern e dei proprietari di cani di tutto il mondo: il mio cane mi ama davvero?

I cani non sono manichini

Gli esseri umani addomesticano i cani da almeno 32.000 anni, oltre 10.000 anni in più rispetto ai cavalli. Oggi solo gli Stati Uniti ospitano circa 90 milioni di cani (circa uno ogni quattro americani), molti dei quali hanno proprietari che li trattano come mini-persone, vestendoli con impermeabili, maglioni e stivaletti (il mercato globale dell’abbigliamento per animali domestici ha superato i 5,2 miliardi di dollari nel 2021). Confidano i loro segreti più profondi, riorganizzano i programmi delle vacanze per soddisfare le loro idiosincrasie e li ricoprono di doni e lussi come cucce per cani e giocattoli di pelle grezza da mordere.

Gli scienziati che studiano gli animali tendono a storcere il naso davanti alla cognizione del cane. Questo atteggiamento era guidato in parte dall’errata convinzione che l’addomesticamento avesse ammutolito i cani. In un famoso esperimento del 1985, i ricercatori dell’Università del Michigan hanno scoperto che i lupi potevano sbloccare il meccanismo di un cancello dopo aver visto un essere umano farlo ma i cani domestici non erano sembrati in grado di fare altrettanto. Avevano concluso che i cani erano stupidi.

Tutto ciò è cambiato alla fine degli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000, grazie a una serie di esperimenti rivoluzionari degli etnografi Vilmos Csányi e Ádám Miklósi e dei loro collaboratori all’Università Eötvös Loránd di Budapest.

Csányi e sua moglie stavano facendo un’escursione invernale sulle montagne ungheresi e si sono fermati ad accarezzare un randagio particolarmente socievole. Il cane li seguì per otto chilometri nella neve prima che Csányi lo prendesse in braccio e lo portasse a casa. Flip, come lo chiamavano, era bianco e marrone e aveva le gambe tozze e somigliava a un Ewok, un simpatico bipede peloso di Star Wars. Flip è diventato rapidamente un membro indispensabile della famiglia e ha conquistato tutti i loro amici e familiari. Cosa c’era in questo “maschio sfocato di bassa statura, sicuramente unarazza mista“, si chiedeva Csányi, che lo rendeva così magnetico.

FE Cani 04
Da sinistra, un chihuahua e un mastino. FLASHPOP/GETTY; CIAD LATTA/GETTY

Flip sembrava essere la prova vivente che la saggezza convenzionale sui cani – che non erano intelligenti – era sbagliata. La capacità dei cani di insinuarsi con successo nella vita dei loro proprietari umani sembrava un’incredibile impresa di magia evolutiva. “I cani sono abbastanza intelligenti da adattarsi a sopravvivere in una famiglia umana, che in realtà è un compito piuttosto complicato“, ricorda Miklósi. “I lupi non possono farlo. Stabilire una relazione sociale specifica con un’altra specie è piuttosto impegnativo“.

Csányi e Miklósi hanno deciso di esaminare il processo attraverso il quale uomini e cani creano forti legami emotivi. In quanto etologi, conoscevano l’ampia letteratura scientifica sull'”attaccamento“, il processo mediante il quale genitori e figli di specie diverse formano legami emotivi duraturi.

I proprietari umani e i loro cani, hanno teorizzato, formano legami allo stesso modo, avvicinandosi attraverso un processo che imita quello di un genitore umano e di un figlio.
La loro teoria è stata ispirata in parte dal comportamento tenuto in casa da Flip, che ha colpito Csányi come stranamente familiare. “Quando i miei figli avevano 2 o 3 anni, volevano tutta la mia attenzione. Volevano toccarmi, volevano che li toccassi“, ricorda. Il comportamento di Flip era “molto simile“.

In un primo esperimento, Miklósi e Csányi hanno collocato i cani e i loro proprietari in una stanza sconosciuta con cose interessanti da esplorare e hanno preso appunti. I cani ed i loro proprietari hanno mostrato comportamenti praticamente identici a quelli che gli psicologi dello sviluppo avevano osservato da tempo nei neonati umani e nelle loro madri. I cani usavano i proprietari come base sicura, avventurandosi fuori e tornando mentre esploravano il nuovo ambiente, rimanendo sempre connessi attraverso il contatto visivo e osservando attentamente i segnali. L’implicazione era chiara: i cani hanno compreso il sistema umano progettato per rispondere alla carineria e al legame.

Negli ultimi anni, gli scienziati hanno esteso questa linea di ricerca. Quando un cane e un essere umano sono legati, ogni tocco e ogni contatto visivo fa sì che i loro corpi rilascino il potente ormone ossitocina, la “chimica dell’amore” che promuove anche il legame tra madre e figlio ed è noto per abbassare la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna. Le coccole aumentano i livelli dell’ormone dopamina, a volte indicato come sostanza chimica del benessere, e delle endorfine sia nei cani che negli esseri umani.

Altri studi hanno scoperto che i cani hanno sviluppato da due a tre volte più muscoli facciali a contrazione rapida rispetto ai lupi, il che conferisce loro una maggiore libertà di espressione. Uno speciale muscolo facciale consente loro di allargare gli occhi come fanno i bambini umani, suscitando le stesse voci acute e le stesse espressioni facciali che i genitori usano con i bambini. I cani nei rifugi che sono più bravi a fare questi occhi da “cucciolo” hanno più successo nel trovare nuove case. I cani a cui viene somministrata ossitocina, nel frattempo, tendono a guardare di più i loro proprietari, il che fa sì che i proprietari guardino loro, innescando un circolo virtuoso di più rilascio e legame di ossitocina e dopamina.

La capacità dei cani di legare con membri di altre specie non è limitata agli umani, come ti dirà qualsiasi proprietario di cane che abbia anche un gatto. Nel suo libro del 2005, If Dogs Could Talk, Csányi descrive un cane simile a un bassotto di nome Jumpy i cui proprietari cucinavano spesso stufato di coniglio, una prelibatezza che Jumpy apprezzava da anni. Poi, una Pasqua, presero un coniglio vivo che diventò temporaneamente il compagno di giochi preferito di Jumpy. Quando trasformarono quel coniglio in stufato, non solo Jumpy lo ha riconosciuto e si è rifiutato di mangiare il suo nuovo amico, ma ha fatto uno “sciopero della fame silenzioso e triste per tre giorni“, ha scritto Csányi. Da allora Jumpy ha rifiutato di mangiare carne di coniglio.

Intelligenza Sociale

Non è solo che i cani sono così carini che non possiamo resistergli. La ricerca ha anche confermato che i cani sono programmati per la cooperazione e l’amicizia, notevolmente in sintonia con le nostre emozioni e limitazioni e, sembra sempre più chiaro, sono capaci di apprendere e ricordare rituali e informazioni complessi.

Da parte sua, Csányi ha subito notato quanto velocemente Flip sembrasse afferrare e adattarsi alle regole della casa. La casa di Csányi era piena zeppa di piccoli oggetti. Sebbene Flip fosse energico e “incline all’eccitazione“, non aveva mai rovesciato o rotto nulla. Quando Csányi ordinava a Flip di prendere un oggetto da un tavolo, per esempio una palla o un giocattolo, lo afferrava invariabilmente con “squisita cura”. E se, durante il processo, qualcos’altro veniva accidentalmente spostato, si “fermava immediatamente e chiedeva aiuto guardandolo o abbaiando“.

Questo tipo di comportamento ha portato Csányi e Miklósi a mettere in discussione l’iconico esperimento del Michigan che confronta l’intelligenza dei cani domestici e dei lupi. Forse i cani erano in grado di aprire il meccanismo del cancello dopo aver visto gli umani farlo ma,  semplicemente, non volevano infrangere le regole.

Csányi e Miklósi hanno reclutato 28 cani e i loro proprietari e hanno allestito un complicato aggeggio che richiedeva ai cani di tirare i manici di piatti di plastica dall’altra parte di un recinto di filo metallico per ottenere la carne. I cani all’aperto, che trascorrono la maggior parte del loro tempo in cortile e quindi sono presumibilmente più abituati ad agire in modo indipendentente, sono stati più rapidi dei loro cugini che vivevano al chiuso di circa un terzo del tempo, mentre i cani domestici più obbedienti aspettavano dai loro proprietari il permesso di passare attraverso la recinzione. Dopo averlo ottenuto, tuttavia, hanno eguagliato le prestazioni dei loro cugini più indipendenti.

Per comprendere quanto i cani possono capire, gli sperimentatori hanno nascosto cibo in uno tra numerosi contenitori, quindi hanno portato i cani nella stanza e hanno chiesto loro di indovinare quale contenitore conteneva il cibo. Per aiutarli, i ricercatori hanno offerto vari spunti, fissando, annuendo o indicando il contenitore corretto. Quando i ricercatori usano questi test sui neonati umani, questi ultimi si accorgono rapidamente dei suggerimenti. Le scimmie e gli scimpanzé, al contrario, non ci riescono senza un addestramento approfondito. I cani, come i bambini piccoli, imparano velocemente. Presto imparano a prestare attenzione ai gesti.

Gli esperimenti di puntamento hanno fornito la prima prova diretta del fatto che i cani hanno la capacità intellettuale non solo di comprendere idee astratte, ma anche di attribuire motivazioni a membri di una specie completamente diversa, secondo Evan MacLean, un biologo evoluzionista e scienziato cognitivo che è il fondatore e direttore dell’Arizona Canine Cognition Center. Ha anche suggerito che lo studio dei cani potrebbe darci un’idea della socialità e di ciò che ha permesso agli esseri umani di avere così tanto successo.

FE Cani 05
Da sinistra, un meticcio, un essere umano con un terrier.SENSORSPOT/GETTY; FLASHPOP/GETTY

Se ci pensi, indicare è un tipo di comportamento fondamentalmente cooperativo“, spiega MacLean. “Se ti faccio notare qualcosa, come essere umano, quando stai cercando di capire cosa significa, tu senza pensarci presumi che io abbia un movente cooperativo. So qualcosa del mondo che tu non sai, e il motivo per cui lo sto facendo è perché voglio aiutarti in qualche modo. Questo è un comportamento cooperativo alla base. Altri animali non possono farlo”.

I cani prestano molta attenzione non solo ai gesti umani, ma anche alle espressioni facciali umane. Negli ultimi anni, i ricercatori hanno dimostrato che i cani possono distinguere espressioni di felicità, rabbia e disgusto. Possono dire quando una persona è triste o allegra. I loro cuori battono più forte quando vedono foto di volti espressivi rispetto a quelli neutri. Evitano le facce arrabbiate e prestano maggiore attenzione a quelle spaventate.

Tutto ciò aiuta a spiegare perché i cani guida sono così efficaci nell’aiutare i non vedenti a muoversi nel mondo ed evitare di immettersi nel traffico e come i cani da terapia possono confortare bambini traumatizzati, detenuti che scontano l’ergastolo per crimini violenti, anziani che cadono nella demenza e studenti universitari stressati, questo perché possono leggere le emozioni umane e rispondere in modo appropriato.

Buoni giudici di carattere

Stanno crescendo le prove che l’intelligenza dei cani non si limita all’intelligenza sociale ed emotiva. Apparentemente si estende anche a comportamenti molto più complessi.

I cani sono in grado di esprimere giudizi rapidi e simultanei sulla gentilezza o sulla potenziale disponibilità degli umani che incontrano, proprio come apparentemente fece Flip quando decise di adottare Csányi e sua moglie su quella montagna ungherese. Sembrano anche in grado di accumulare ricordi sofisticati su singole persone e di utilizzare tali informazioni per guidare il comportamento.

Negli esseri umani, la capacità di valutare il carattere è fondamentale, emergendo già a cinque mesi. Zachary Silver, che ha recentemente conseguito il dottorato di ricerca a Yale e aprirà presto un laboratorio all’Occidental College, recentemente ha utilizzato coppie di attori per testare la capacità dei cani di esprimere giudizi sui personaggi. Un attore finge di rubare un blocco appunti o di danneggiare attivamente qualcun altro, mentre l’altro è più amichevole, consegnando a qualcuno un blocco appunti che sta cercando. Entrambi gli attori offrono quindi contemporaneamente un regalo al cane. Dei 37 cani testati, due terzi hanno preferito prendere il cibo dall’attore simpatico. Altri esperimenti hanno scoperto che i cani alla fine smettono di seguire i segnali di individui umani che troppo spesso li fuorviano.

Se parliamo di intelligenza sociale, i cani sono molto simili agli umani nel modo in cui ragionano sul mondo sociale“, afferma Silver.

Naturalmente, i proprietari di cani lo sanno già. Ad esempio, la maggior parte delle persone che hanno cani timidi sanno che i loro animali domestici spesso osservano da vicino le loro interazioni con estranei ed è più probabile che si avvicinino amichevolmente a qualcuno dopo aver visto il loro proprietario avere un’interazione positiva. Eppure sembrano capire che la relazione è diversa: non sembrano mai voler seguire a casa gli amici umani, non importa quanto familiari e amati, se quegli amici non risiedono con i loro principali caregiver.

Con i cani, la comunicazione va in entrambe le direzioni. In una versione rivista dell’esperimento di puntamento, i proprietari lasciavano la stanza mentre i ricercatori nascondevano il cibo in bella vista dei cani. In genere, quando un proprietario tornava e gli veniva chiesto di cercare il cibo, il cane provava a segnalare correndo avanti e indietro tra il nascondiglio e il proprietario o usando gli occhi per indicare la posizione.

L’entusiasmo dei cani per aiutare i loro proprietari è stato chiaro a Csányi un giorno quando fece una brutta caduta su una scala ghiacciata. Flip corse al suo fianco, lo leccò e rimase con lui finché non riuscì ad alzarsi. Per anni, poi, ogni volta che gelavano gli stessi gradini, Flip faceva in modo di trovarsi al fianco del suo proprietario e lo osservava attentamente finché non avevano oltrepassato la zona di pericolo. Durante l’estate, tuttavia, Flip sembrava capire che il pericolo era assente.

L’abbaiare è un’altra efficace via di espressione. In un esperimento con un mudis ungherese, un cane da pastore che assomiglia a pastori tedeschi e border collie, Miklósi ha registrato i cani mentre giocavano con altri cani, anticipando il cibo, incontrando un intruso e molte altre situazioni. Quando ha riprodotto le registrazioni ai volontari e ha chiesto loro di indovinare la situazione, i proprietari e i non proprietari hanno indovinato un terzo delle volte, circa il doppio del tasso di possibilità.

FE Cani 02
Da sinistra, un essere umano con un carlino e un border collie. FLASHPOP/GETTY; CIAD LATTA/GETTY

Quando i cani vocalizzano, esprimono davvero diversi tipi di stati interiori“, afferma Milóski. “Cercano di comunicare qualcosa sulle loro emozioni“.

I cani sembrano avere una grande capacità di apprendere nuovi modi di esprimersi. Miklósi ha dimostrato che con un po’ di addestramento, i cani possono essere indotti a imitare spontaneamente un’ampia gamma di azioni umane, come inchinarsi, saltare, sollevare un arto, girare in tondo, persino imparare a far funzionare una macchina che distribuisce palline.

I limiti dei cani “geniali”.

Unao sheepadoodle di nome Bunny ha recentemente attirato otto milioni di follower su TikTok per la sua apparente padronanza del linguaggio. Bunny sembra esprimere i suoi bisogni e desideri premendo i pulsanti su un tappetino, originariamente progettato per aiutare i bambini con difficoltà di comunicazione, legati a parole specifiche, come “camminare”. I ricercatori della UC San Diego stanno attualmente valutando le affermazioni e studiando la misura in cui i non umani possono utilizzare questi strumenti per comunicare.

Sembra una cosa sciocca di TikTok, ma la domanda su quanto i cani possono capire – e perché alcuni cani capiscono più di altri – è una delle aree più calde della ricerca attuale.

È iniziato tutto circa un decennio fa con la scoperta di un border collie di nome Chaser traordinariamente intelligente. John Pilley, uno psicologo comportamentale al Wofford College nella Carolina del Sud, ha addestrato Chaser a identificare e recuperare 1.022 giocattoli per nome. Chaser è stato anche in grado di discriminare i verbi usati per descrivere un’azione desiderata, come “tirare” o “prendere”. Quando gli è stato chiesto di andare a prendere un giocattolo specifico di cui Chaser non aveva mai sentito parlare, il cane è stato anche in grado di dedurre quale giocattolo volesse lo sperimentatore conoscendo i nomi di tutti gli altri giocattoli presenti, presumibilmente mediante un processo di eliminazione.

Chaser ha avviato una ricerca tra alcuni ricercatori per trovare altri esempi di “cani geniali” da studiare. Nel 2021, Miklósi, ha creato un sito Web per trovare cani intelligenti (sta ancora cercando candidati) e ha lanciato un concorso per “cani geniali” di alto profilo che è stato coperto dalla CNN e altri media durante la pandemia, mettendo l’uno contro l’altro cani con grandi vocabolari. Finora ha identificato 40 cani da tutto il mondo. Mentre il cane medio può conoscere i nomi di uno o due oggetti, un cane geniale conoscerà da quattro a sei nomi e può impararne rapidamente da 80 a 100 con l’addestramento. Di solito ci vogliono 10 o 15 minuti per imparare il nome di un oggetto e i cani ne conservano la memoria per circa un mese.
Il “trucco cognitivo” con cui imparano rimane un’area attiva di esplorazione e per trarre conclusioni deve prima reclutare più cani.

Alcuni esperti rimangono scettici su molte affermazioni che le persone fanno sulle capacità del loro cane. Amritha Mallikarjun, postdoc presso il Penn Vet Working Dog Center dell’Università della Pennsylvania, specializzato nell’addestramento e nello studio di cani da ricerca e soccorso, anti-bombe e altri cani guida, afferma che, in generale, le persone tendono a sopravvalutare la capacità dei cani di capire un discorso. Miklósi sostiene che solo una percentuale estremamente piccola di cani è in grado di imparare 100 parole o più.

I cani potrebbero non recitare mai Shakespeare, ma sembrano avere un’affinità per lingue diverse. Mallikarjun ha dimostrato che i cani cresciuti in famiglie di lingua inglese mostrano molto più interesse quando le persone parlano in spagnolo (e viceversa), perché, secondo lei, è una novità per loro. “Possono certamente apprendere l’idea che un’espressione parlata corrisponda a un’azione o a un oggetto, ma non possono parlare la lingua” in senso tecnico, afferma Mallikarjun. Nella maggior parte dei casi, i cani capiscono il tono e spesso riescono a capire il significato delle parole dal contesto. Ma la maggior parte dei cani non può effettivamente distinguere tra nomi e verbi senza spunti.

Posso certamente addestrare un cane a premere un pulsante se vuole uscire“, dice. “Posso anche addestrare un cane a suonare un campanello se vuole uscire, che è quello che hanno già fatto molte persone. Oppure puoi semplicemente aspettare che il tuo cane venga da te. Perché generalmente capiamo abbastanza bene i nostri cani“.

All’interno del cervello del cane

Man mano che le tecnologie di imaging cerebrale continuano ad avanzare, stanno offrendo indizi allettanti su ciò che accade nei cervelli canini. I cani vedono il mondo in modi radicalmente diversi rispetto alle persone.

Philippa Johnson, professore associato di diagnostica per immagini al Cornell College of Veterinary Medicine, ha recentemente prodotto il primo atlante del cervello canino. Ha scoperto che le aree temporali del cervello, quelle coinvolte nella memoria episodica e nelle emozioni a lungo termine, sono più o meno paragonabili nei cani a quelle degli umani. Questo spiega come i cani si leghino così bene con gli umani e comprendano le emozioni. Tuttavia, la corteccia frontale di un cane – la sede del ragionamento astratto, della risoluzione dei problemi e del pensiero immaginativo – è molto più piccola di quella che si trova negli esseri umani. Per Johnson, questo suggerisce che i cani sono “molto più presenti” degli umani, beatamente immuni dal preoccuparsi di ciò che accadrà oltre il prossimo pasto o coccole.

Tuttavia, altre aree del cervello sono molto più grandi nei cani che negli umani. Questi includono quelle coinvolte nell’elaborazione visiva, nella funzione motoria fine e nell’olfatto. Johnson ha anche svolto un ampio lavoro di mappatura delle connessioni della “materia bianca” nel cervello canino, che fa luce su quali aree lavorano più spesso in tandem.

Forse, ha identificato una traccia importante nei cani che non è presente negli esseri umani. Fornisce una connessione diretta tra la corteccia visiva e i lobi olfattivi, coinvolti nell’elaborazione degli odori. Ha anche trovato collegamenti diretti, non trovati in nessun’altra specie, tra il naso e il midollo spinale. Un odore che entra nel naso di un cane a volte viene elaborato nelle aree visive del cervello, motivo per cui alcuni cani ciechi sembrano conservare una certa capacità di “vedere”. Più in generale, ciò significa che l’esperienza momento per momento di un cane comporta probabilmente un intricato intreccio di immagini e odori.

In effetti, se i cani hanno un superpotere, oltre alla cognizione sociale, è il loro senso dell’olfatto. Il naso di un cane è un milione di volte più sensibile di quello di un essere umano. La persona media è dotata di cinque milioni di recettori olfattivi, minuscole proteine ​​in grado di rilevare singole molecole di odore, raggruppate in una piccola area nella parte posteriore della cavità nasale. Al contrario, il cane medio ha 300 milioni di recettori olfattivi, 60 volte più degli umani, che si estendono dalle narici fino alla parte posteriore della gola. Secondo alcune stime, il 35% del cervello di un cane è dedicato all’olfatto, rispetto al 5% degli esseri umani.

Ecco perché i cani sono stati usati per secoli per fiutare fuorilegge, esplosivi e droghe, trovare vittime di valanghe e salvare persone intrappolate sotto gli edifici. Negli ultimi anni, sono stati persino addestrati a fiutare il cancro e il COVID-19. Clara Wilson, esperta di olfatto canino presso il gruppo Penn Working Dog, ha scoperto che i cani possono sentire l’odore dello stress umano. Negli esperimenti, ad un cane è stato presentato un pezzo di stoffa tamponato dalla parte posteriore del collo di una persona e, dopo averlo annusato, di solito può dire se a quella persona è stato recentemente chiesto o meno di svolgere un compito difficile.

I cani, osserva Wilson, usano il loro senso dell’olfatto anche per tenere traccia del tempo. Possono distinguere tra un odore vecchio di 12 ore o di quattro ore. È così che sanno quando è ora di uscire a fare una passeggiata e quando il loro proprietario deve tornare a casa dal lavoro. Spesso, durante le passeggiate, fiutano l’urina di altri cani, che contiene abbondanti quantità di informazioni, ad esempio se un cane era in calore, stressato, felice o malato.

Uno studio ha rilevato che i piccoli cani maschi adulti tendono a fare pipì più in alto rispetto alle loro dimensioni corporee rispetto ai cani maschi adulti più grandi per esagerare la loro altezza e capacità competitiva. Ci sono così tante informazioni nella pipì che Wilson ed i suoi colleghi lo chiamano il sistema “pee-mail”.

C’è, ovviamente, un’ampia variabilità tra il cervello di un cane e quello di un altro. Erin Hecht, capo dell’Evolutionary Neuroscience Laboratory e del progetto Canine Brains ad Harvard, ha studiato come l’allevamento umano ha influenzato lo sviluppo del cervello canino. In una ricerca pubblicata nel 2019, ha esaminato 62 cani di razza pura di 33 razze diverse e ha riscontrato differenze sostanziali nelle dimensioni delle diverse regioni e reti cerebrali, a seconda che fossero stati allevati per la caccia, la pastorizia, la guardia o la compagnia.

Una rete includeva regioni di ricompensa del cervello coinvolte nel legame sociale con gli esseri umani, nella formazione e nell’apprendimento delle abilità. Queste regioni sono più pronunciate nelle razze da compagnia “piccole”, come il maltese e lo Yorkshire terrier. Una seconda rete, associata all’olfatto e al gusto attivo nel perseguimento di un obiettivo, è più ampia nei cacciatori di profumi, come beagle e basset hound. Una terza serie di aree, utilizzate per il movimento degli occhi, la visione, la navigazione spaziale e le aree motorie coinvolte nel movimento attraverso un ambiente fisico, è più grande nei cani allevati per la caccia a vista, come Whippet e Weimaraner.

Una quarta rete comprende regioni cerebrali di ordine superiore che potrebbero essere coinvolte nell’azione e nell’interazione sociale, comprese le aree che sembrano attivarsi quando ai cani vengono presentati volti umani e vocalizzazioni, anch’esse collegate a razze da compagnia come il maltese e lo Yorkshire terrier. Una quinta serie di regioni coinvolte nella paura, nello stress e nell’ansia, che regolano le risposte comportamentali e ormonali a fattori di stress e minacce ambientali, è ben sviluppata nelle razze storicamente utilizzate per il combattimento, inclusi boxer e bulldog. E una sesta rete, coinvolta nell’elaborazione dell’olfatto e della vista, è collegata a cani con funzioni storiche di polizia e militari come boxer e pincher di doberman.

C’è molta più variazione nel cervello dei cani che in qualsiasi altra specie“, dice. “E quindi questo è il risultato dell’allevamento umano. Li abbiamo fatti in questo modo, e diverse razze di cani hanno cervelli che sono in qualche modo precablati per eccellere in diverse aree“.

È una sfida capire come pensano i cani e com’è il mondo per loro, perché si sono evoluti per farci pensare che sono come noi“, aggiunge. “Si sono evoluti per imitare la psicologia umana in qualche modo. Ciò non significa necessariamente che questo sia effettivamente ciò che sta accadendo nei loro cervelli. Dobbiamo provare a toglierci i nostri occhiali colorati umani per capire cosa sta succedendo con loro, ed è difficile farlo“.

Il mio cane mi ama?

Tutti i risultati della ricerca nel mondo su quanto i cani capiscano il linguaggio, leggano l’intento umano e siano acuti giudici del carattere non hanno soddisfatto Gregory Berns. Cercava ancora una risposta alla sua grande domanda su Newton. Quando il suo amato carlino lo guardava con quegli occhi da cucciolo, era vero amore?

Poiché Newton aveva già attraversato il Rainbow Bridge, Berns rivolse la sua attenzione al successore di Newton, un terrier domestico di nome Callie. Ha insegnato a Callie a stare ferma in uno scanner fMRI. Berns le ha dato da mangiare, l’ha elogiata e l’ha lasciata sola nell’enorme macchina a forma di ciambella e ha monitorato le aree di ricompensa del suo cervello per vedere quando si illuminavano di più.

I risultati sono stati inequivocabili: le parole gentili di Berns hanno illuminato i centri di ricompensa di Callie tanto quanto i dolcetti, dimostrando che Callie – e per estensione Newton – lo amava tanto, se non di più, di un delizioso pezzo di cibo.

Quando le persone vogliono sapere ‘cosa sta pensando il mio cane’, penso che quello che stanno chiedendo sia, ‘il mio cane mi ama?’“, dice Berns. “La risposta è ‘assolutamente.’ È straordinariamente simile a come viviamo la relazione. Hanno questi legami sociali con noi, e li trovano intensamente gratificanti“.

La scienza, in questo caso, ci sta dicendo ciò che già sapevamo.

2