I segreti delle zone blu: vivere una vita lunga e sana è possibile?

Ci sono pochi luoghi nel mondo in cui c'è un'alta concentrazione di centenari, detti zone blu. Cosa hanno in comune e in cosa invece si distinguono?

2950

Quando si parla di centenari o ultracentenari si è soliti associarli alle cosiddette zone blu. Questo termine ebbe origine per la prima volta con l’epidemiologo italiano, Gianni Pes e il demografo belga Michel Poulain, nel periodo in cui stavano studiando i tassi di mortalità in Sardegna.

Contrassegnando regioni di elevata longevità in blu nei primi anni 2000, hanno trovato soggetti con un’aspettativa di vita particolarmente elevata nella provincia di Nuoro. Lavorando con il giornalista americano Dan Buettner, da allora hanno identificato altre regioni in tutto il mondo.

Esse sono: Nicoya in Costa Rica, Sardegna in Italia, Ikaria in Grecia, Okinawa in Giappone e Loma Linda in California. Apparentemente tutte località diverse tra loro.  Ma cos’hanno in comune e come mai c’è un’alta incidenza di centenari?

La dieta. Soprattutto in passato, molte persone nelle zone blu tendevano a mangiare con moderazione. Ad Okinawa, ad esempio, le persone anziane seguono l’antica regola di “Hara hachi bu”, mangiando solo fino a quando lo stomaco è pieno all’80%. (Secondo studi scientifici, ciò si traduce in circa il 10% in meno di calorie rispetto alle attuali raccomandazioni per l’adulto medio).

Questo sembra rallentare l’invecchiamento.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Studi a lungo termine condotti da Rozalyn Anderson, che studia metabolismo e invecchiamento presso l’Università del Wisconsin, hanno dimostrato che i macachi seguono diete “ipocaloriche” e hanno un rischio notevolmente più basso di malattie legate all’età come il cancro, il diabete e le malattie cardiache. Sembrano anche più giovani: la pelliccia dei macachi impiega più tempo a diventare grigia.

la restrizione calorica sembra ridurre l’accumulo di radicali liberi tossici che possono danneggiare le nostre cellule. Alcuni scienziati hanno sostenuto che il corpo sperimenta anche il ridotto consumo calorico come uno stress molto lieve, che sposta la sua attenzione sul mantenimento delle cellule anziché sulla costruzione di nuovi tessuti.

Secondo Diddahally Govindaraju, genetista dell’Università di Harvard, a Boston, nel Massachusetts, questo riduce il rischio di formare mutazioni dannose nel nostro DNA, che potrebbero portare a malattie come il cancro. “La restrizione calorica sembra ridurre il danno al DNA e migliorare la riparazione del DNA”, afferma. “E l’integrità del genoma sembra essere una caratteristica tra i centenari”.

Oltre ad essere abbastanza frugali, le diete nelle Zone Blu sono per lo più a base vegetale, il che può contribuire a una maggiore salute del cuore.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’inclusione sociale. Oltre alle abitudini alimentari, di pari importanza sono le vite sociali di cui godono questi centenari: le persone nelle zone blu tendono a vivere in comunità altamente integrate. Ora è ben accettato che un senso di connessione sociale aiuta a ridurre gli effetti dello stress, mentre la responsabilità di mantenere quelle amicizie incoraggia una maggiore attività mentale e fisica generale. In una meta-analisi, Julianne Holt-Lunstad, psicologa della Brigham Young University, ha scoperto che la qualità delle nostre relazioni è importante per la nostra salute quanto l’esercizio o la dieta.

La religione offre un’importante fonte di connessione sociale nelle zone blu. Le persone di Loma Linda sono per lo più avventiste del settimo giorno, ad esempio, mentre i nicoiani e i sardi sono cattolici, gli Ikariani sono greco-ortodossi e ad Okinawa, i locali praticano la religione Ryukyuan.

Scrivendo un articolo per l’ American Journal of Lifestyle Medicine, Buettner ha descritto come tutti, tranne cinque dei 263 centenari della zona blu che aveva intervistato facessero parte di una specie di comunità spirituale. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Oltre alla connessione sociale che possono fornire, le pratiche religiose offrono anche un senso di scopo alla vita e offrono conforto durante il turbamento, che insieme si pensa aggiungano da uno a cinque anni all’aspettativa di vita dei credenti.

Questa è una cattiva notizia per gli atei, ovviamente, ma ci possono essere altri modi in cui le persone senza fede possono godere degli stessi benefici. Alcune città hanno assemblee secolari che offrono tempo per la contemplazione, la meditazione e il supporto sociale da parte di individui affini, che, in teoria, dovrebbero avere molti degli stessi effetti che migliorano la vita senza la necessità dell’intervento divino.

Oltre a queste ampie somiglianze tra le Blue Zone, alcune delle loro stranezze più singolari possono anche darci alcuni suggerimenti sui segreti dell’eccezionale longevità.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quando si tratta degli elementi specifici della dieta, ad esempio, è interessante notare che sull’isola greca di Ikaria, la popolazione è nota per bere qualche tazza di tè e caffè al giorno, e questo sembra essere associato a una riduzione malattie cardiovascolari nella regione.

La scoperta sembrerebbe adattarsi agli studi longitudinali effettuati altrove, dimostrando che bere qualche tazza di queste bevande calde al giorno può ridurre il rischio di problemi come le malattie cardiovascolari. Ciò può essere dovuto al fatto che contengono molti micronutrienti, come magnesio, potassio, niacina e vitamina E, che agiscono come antiossidanti, assorbendo i radicali liberi tossici che possono essere alla base di molte malattie.

Si ritiene che il caffè greco, fatto bollendo una macinatura fine in una pentola alta e stretta, sia particolarmente buono per il corpo poiché rilascia polifenoli, noti come acidi clorogenici, che riducono l’infiammazione in tutto il corpoL’infiammazione contribuisce a molte malattie legate all’età, come lo sviluppo delle placche nelle arterie che portano a infarti e ictus, quindi il consumo regolare di polifenoli anti-infiammatori come gli acidi clorogenici potrebbe ridurre tale danno.

Queste bevande sono anche associate a un minor rischio di diabete di tipo II.

Attraverso vari percorsi, i composti che hanno proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti – come gli acidi clorogenici – sembrano stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue, regolando l’assorbimento di energia delle nostre cellule e impedendo loro di sviluppare insulino-resistenza, un precursore del diabete. “Promuove il benefico metabolismo del glucosio“, afferma Christina Chrysohoou, dell’Università di Atene,autore principale dello studio delle malattie cardiovascolari in Ikaria.

Le bevande contenenti caffeina non sono certamente un elisir di vita garantito. Ma in combinazione con una dieta moderata a basso contenuto calorico, possono contribuire a un’esistenza più lunga e più sana. Come il cibo di Okinawa e della Sardegna, la dieta di Ikaria è particolarmente povera di carne e ricca di frutta e verdura fresca. “Non mangiano nemmeno tanto pesce quanto ci si potrebbe aspettare per le persone che vivono su un’isola”, afferma Chrysohoou.

Analogamente, l’eccezionale longevità dei residenti di Okinawa ha suscitato molto interesse in due dei suoi ingredienti più comuni: la patata dolce e il melone amaro, che possono avere proprietà che prolungano la vita.

Mentre il riso è il carboidrato base per la maggior parte del Giappone, la patata dolce è stata a lungo il carboidrato più comune su Okinawa da quando è stata introdotta per la prima volta nel 1600. A differenza di alimenti come il pane bianco, ha un basso indice glicemico, il che significa che la sua energia viene rilasciata lentamente nel flusso sanguigno. È anche denso di sostanze nutritive come le vitamine A, C ed E: antiossidanti che possono assorbire i radicali liberi dannosi e che riducono anche l’infiammazione.

Il contenuto di potassio delle patate dolci aiuta a ridurre la pressione sanguigna. Il tubero è anche ricco di fibre (che è essenziale per un microbioma intestinale sano) e basso contenuto di colesterolo e grassi saturi, che dovrebbero ridurre il rischio di malattie croniche.

Il melone amaro, invece, assomiglia ad un cetriolo, con un sapore simile al tè nero. È usato in una varietà di piatti, dalle insalate e la tempura alle bevande al succo. Come il caffè greco bevuto a Ikaria, contiene composti che possono stabilizzare l’assorbimento e il metabolismo del glucosio , riducendo il rischio di insulino-resistenza e diabete di tipo II.

Il paesaggio. Meno ricercato, ma ugualmente allettante, è la possibilità che il luogo in cui vivono queste persone possa contenere alcuni indizi sulla loro eccezionale longevità.

La Blue Zone sarda, ad esempio, si trova in regioni incredibilmente montuose e incredibilmente belle dell’isola – spesso chiamato “Selvaggio Blu” (Blue Wild) per descrivere il terreno accidentato che spazza direttamente dalla costa. La maggior parte dei centenari che vivono in Sardegna erano lavoratori agricoli, e questo ha portato Pes e Poulain a ipotizzare che i pendii ripidi aumentassero l’attività fisica delle loro già quotidiane esigenze. Erano atleti grazie al paesaggio naturale e ad uno stile di vita tradizionale.

Dall’altra parte dell’Egeo, Chrysohoou è caratterizzato dalla presenza di bassi ma significativi livelli di radioattività nella zona blu di Ikaria. L’isola è essenzialmente divisa in due zone geologicamente distinte: l’est, formata da rocce metamorfiche sedimentarie, e l’ovest, che giace su un letto di granito che rilascia il radon radioattivo nelle sue famose sorgenti.

Sorprendentemente, la longevità della popolazione sembra essere più alta in quelle regioni leggermente radioattive, mentre le persone nell’est hanno una durata della vita leggermente inferiore (i locali sostengono che quelle sorgenti nella parte occidentale dell’isola producano “acqua immortale”). Questa potrebbe essere una semplice coincidenza, ma Chrysohoou indica una ricerca negli Stati Uniti che ha individuato una correlazione tra bassi livelli di radiazione ambientale e longevità.

Gli Stati delle Montagne Rocciose, ad esempio, hanno una prevalenza più bassa di decessi per cancro rispetto agli Stati del Golfo“, afferma Chrysohoou, eppure le radiazioni di fondo nell’Idaho, in Colorado e nel Nuovo Messico sono circa tre volte superiori rispetto alle radiazioni di fondo naturali in Louisiana , Mississippi e Alabama.

Alcuni studi sugli animali hanno anche scoperto che una dose molto bassa di radiazioni può indurre una risposta antinfiammatoria e la riparazione del DNA, probabilmente nello stesso modo in cui il piccolo ma benefico stress della restrizione calorica può innescare meccanismi protettivi all’interno delle cellule.

Per il momento, la scoperta rimane una curiosità. Molti altri studi dovranno confermare che questi schemi non possono essere spiegati da altri fattori e dai loro potenziali meccanismi; Chrysohoou non sta certo suggerendo che le bevande radioattive potrebbero essere l’elisir della giovinezza. “È piuttosto pericoloso aspettarsi che la radioattività faccia bene alla salute”, ammette.

Chiaramente, l’eccezionale longevità delle Zone Blu non può essere limitata a un singolo ingrediente magico, ma è la combinazione di molti fattori, alcuni dei quali sono condivisi tra le regioni e alcuni dei quali sono unici per ogni singolo luogo. Anche se questo potrebbe non essere allettante come la scoperta di un miracoloso elisir anti-invecchiamento o di un superfood, ci sono tuttavia molti modi in cui possiamo imparare da queste scoperte.

Mangiando moderatamente con molta frutta e verdura, facendo esercizio fisico, bevendo caffè e tè e trovando spazio per il conforto spirituale (che si tratti di una chiesa o di una lunga passeggiata in montagna), queste sono tutte cose che possiamo costruire nella nostra vita quotidiana.

Fonte: BBC