I Picrodontidi non erano primati, rivela un nuovo studio

Una nuova ricerca ha rivelato che i picrodontidi, piccoli mammiferi estinti, non sono imparentati con i primati

0
118
I Picrodontidi non erano primati, rivela un nuovo studio
I Picrodontidi non erano primati, rivela un nuovo studio

Una nuova ricerca ha rivelato che i picrodontidi, piccoli mammiferi estinti, non sono imparentati con i primati. Questa scoperta, che è stata effettuata esaminando un cranio picrodontide con scansioni TC avanzate, ha ribaltato decenni di ipotesi ed ha evidenziato l’impatto della tecnologia moderna in paleontologia.

Modello tridimensionale dell'unico cranio picrodontide conosciuto nelle viste dall'alto (a sinistra) e dal basso (a destra). La tecnologia di scansione TC ha rivelato ossa del cranio precedentemente sconosciute (colorate a destra) che hanno contribuito a dimostrare che i picrodontidi non sono primati come si credeva in precedenza. Credito: Giordania Crowell
Modello tridimensionale dell’unico cranio picrodontide conosciuto nelle viste dall’alto (a sinistra) e dal basso (a destra). La tecnologia di scansione TC ha rivelato ossa del cranio precedentemente sconosciute (colorate a destra) che hanno contribuito a dimostrare che i picrodontidi non sono primati come si credeva in precedenza. Credito: Giordania Crowell

Un nuovo studio ha rivelato che i picrodontidi, una famiglia estinta di mammiferi placentari vissuta diversi milioni di anni dopo l’estinzione dei dinosauri, non sono primati come si è creduto in precedenza.

Il team di ricerca che ha determinato la scoperta è composto da Jordan Crowell, un dottorato di ricerca in antropologia, candidato al CUNY Graduate Center; Stephen Chester, Professore associato di antropologia al Brooklyn College e al Graduate Center; e John Wible, curatore dei mammiferi presso il Carnegie Museum of Natural History. Lo studio, pubblicato sulla rivista Biology Letters della Royal Society, ha risolto un dibattito paleontologico di oltre 100 anni, contribuendo a dipingere un quadro più chiaro sull’evoluzione dei primati.

Ripensare alla classificazione dei Picrodontidi

Negli ultimi 50 anni, i paleontologi hanno creduto che i picrodontidi, che erano più piccoli di un topo e probabilmente hanno mangiato cibi come frutta, nettare e polline, fossero primati in base alle caratteristiche dei loro denti, ma utilizzando la moderna tecnologia di scansione TC per analizzare l’unico cranio picrodontide conservato conosciuto nel Mammalian Evolutionary Morphology Laboratory del Brooklyn College, Crowell, l’autore principale dello studio, ha determinato che non sono strettamente imparentati con i primati. 

“Mentre i picrodontidi condividevano le caratteristiche dei loro denti, le ossa del cranio, in particolare l’osso che circonda l’orecchio, sono diverse da quelle di qualsiasi primate vivente o dei parenti fossili stretti”, ha spiegato Crowell. “Questo suggerisce che i picrodontidi e i primati hanno sviluppato, indipendentemente dei loro denti, somiglianze per diete simili. Lo studio ha evidenziato anche l’importanza di rivisitare vecchi esemplari con tecniche aggiornate per esaminarli”.

Jordan Crowell, un dottorato di ricerca in antropologia. Il candidato del CUNY Graduate Center ha lavorato con la moderna tecnologia di scansione TC per analizzare il cranio del picrodontide nel Mammalian Evolutionary Morphology Laboratory del Brooklyn College. Credito: Richard Petrias
Jordan Crowell, un dottorato di ricerca in antropologia. Il candidato del CUNY Graduate Center ha lavorato con la moderna tecnologia di scansione TC per analizzare il cranio del picrodontide nel Mammalian Evolutionary Morphology Laboratory del Brooklyn College. Credito: Richard Petrias

Il Professore emerito Frederick Szalay dell’Hunter College e del Graduate Center della CUNY, che nel 1968 per primo ha classificato in modo convincente i picrodontidi come primati sulla base delle prove ricavate dai denti fossili, è stato un collega del professore Stephen Chester. Szalay ha studiato i denti dell’unico cranio picrodontide conosciuto, (nominato Zanycteris paleocenus), per le sue ricerche, lo stesso cranio che il team ha esaminato con la nuova tecnologia che ha portato alla loro scoperta.



Zanycteris paleocenus uno dei picrodontidi, piccoli mammiferi estinti
Zanycteris paleocenus uno dei picrodontidi, piccoli mammiferi estinti

“Il cranio di Zanycteris è stato preparato e parzialmente sommerso nel gesso intorno al 1917, quindi i ricercatori che hanno studiato questo importante esemplare presso il Museo Americano di Storia Naturale, non erano consapevoli di quanta anatomia cranica fosse nascosta negli ultimi 100 anni”, ha dichiarato Chester. “La scansione micro-CT ha rivoluzionato il campo della paleontologia e ha consentito ai ricercatori di scoprire molto di più sui fossili precedentemente studiati e ospitati nelle collezioni dei musei di storia naturale”, ha concluso.

La ricerca è stata finanziata dalle sovvenzioni ottenute da Chester e Crowell attraverso il Brooklyn College dalla National Science Foundation e dalla Leakey Foundation. Chester e Crowell stanno attualmente lavorando su diversi ulteriori progetti di ricerca finanziati e esternamente incentrati su come i primati e altri mammiferi si sono evoluti in seguito all’estinzione dei dinosauri. Il team sta anche incoraggiando gli studenti universitari a contattarli in merito alle opportunità di ricerca finanziata nel Laboratorio di morfologia evolutiva dei mammiferi.

2