4.5 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeZoologiaI grandi squali bianchi temono un solo predatore

I grandi squali bianchi temono un solo predatore

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Nessun’altra creatura marina è temuta tanto quanto gli squali bianchi. Con il suo corpo snello ottimizzato per la caccia, i suoi denti aguzzi e la sua (in qualche modo immeritata) fama di amare la carne umana, il grande squalo bianco (Carcharodon carcharias) è ampiamente considerato come uno dei principali predatori dell’oceano. Ed è vero, lo è – ma c’è qualcosa che anche lui teme.

Dal 2017, gli scienziati hanno documentato che gli squali bianchi sono diventati estremamente rari al largo delle coste del Sud Africa, dove di solito si radunavano. Inizialmente, la strana scomparsa è stata attribuita all’attività umana, come la pesca eccessiva.

Ora, una nuova ricerca ha confermato in dettaglio il vero colpevole: una coppia di orche (Orcinus orca), che caccia gli squali per nutrirsi dei loro fegati, nutrienti e ricchi di vitamine.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La cittadina di pescatori di Gansbaai, sulla costa sudafricana, era una sorta di mecca per gli avvistatori di squali, così densamente popolata di predatori che la vicina isola di Dyer è considerata la capitale mondiale dello squalo bianco. Negli ultimi anni, tuttavia, la presenza di questi squali è andata diminuendo.

Inoltre, dal 2017, otto grandi squali bianchi si sono arenati a Gansbaai, sette dei quali senza fegato (e alcuni senza cuore) – il segno tipico dell’attacco di un’orca. Le ferite su questi squali sono distintive e sono state ricondotte alla stessa coppia di orche. È probabile, credono gli scienziati, che la coppia sia responsabile dell’uccisione di molti altri squali bianchi le cui carcasse non sono arrivate a riva.

Sappiamo da altri studi che la presenza di orche può scacciare i grandi squali bianchi. Uno studio del 2020 ha scoperto che i grandi squali bianchi fuggono immediatamente dalle acque di caccia preferite al largo della costa di San Francisco se un’orca fa la sua comparsa nella regione.

In un nuovo studio, utilizzando l’avvistamento a lungo termine e i dati di tracciamento degli squali etichettati, un team di scienziati guidato dalla biologa marina Alison Towner del Dyer Island Conservation Trust ha dimostrato che le orche sono la ragione per cui gli squali stanno iniziando a evitare quelli che una volta erano alcuni dei loro posti preferiti.

“In seguito ad un attacco di orche a Gansbaai, i singoli grandi squali bianchi non sono apparsi per settimane o mesi”, ha spiegato Towner.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quello a cui sembra che stiamo assistendo, tuttavia, è una strategia di evitamento su larga scala (piuttosto che su scala ridotta), che rispecchia ciò che vediamo usato dai cani selvatici nel Serengeti in Tanzania, in risposta alla maggiore presenza di leoni. Più le orche frequentano questi siti, più a lungo i grandi squali bianchi stanno alla larga.”

Nel corso di cinque anni, il team ha rintracciato 14 squali che erano stati contrassegnati dal GPS mentre fuggivano dall’area dopo l’arrivo delle orche. Gli avvistamenti di grandi squali bianchi sono diminuiti, in modo abbastanza significativo, in diverse baie.

Solo due volte prima i grandi squali bianchi sono stati segnalati come assenti per una settimana o più a Gansbaai dall’inizio della registrazione: un periodo di una settimana nel 2007 e un periodo di tre settimane nel 2017. Le nuove assenze, hanno detto i ricercatori, sono senza precedenti. Inoltre, stanno alterando l’ecosistema.

Gli squali rame (Carcharhinus brachyurus) si stanno trasferendo nelle aree da cui si allontanano gli squali bianchi per riempire la nicchia ecologica vuota. Questi squali sono solitamente predati dagli squali bianchi; senza i bianchi in giro, le orche stanno invece dando la caccia ai rame. E, in particolare, lo stanno facendo con l’abilità di predatori che hanno accumulato grande esperienza nella caccia ai grandi squali bianchi, secondo i ricercatori.

Tuttavia, l’equilibrio è fondamentale negli ecosistemi marini e, ad esempio, senza gli squali bianchi che limitano il numero delle foche del Capo, queste possono predare i pinguini africani in pericolo di estinzione o competere per i piccoli pesci pelagici che mangiano. Questo è un impatto dall’alto verso il basso ma abbiamo anche pressioni trofiche “dal basso verso l’alto” dovute alla vasta rimozione di abalone, che pascolano le foreste di alghe attraverso le quali queste specie sono tutte collegate“, ha affermato Towner.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per dirla semplicemente, anche se questa è solo un’ipotesi per ora, c’è solo una certa pressione che un ecosistema può sopportare e gli impatti delle orche che rimuovono gli squali sono probabilmente di portata molto più ampia“.

Vale anche la pena considerare i motivi per cui le orche potrebbero cacciare gli squali. I loro fegati sono ricche fonti di nutrimento, enormi, carnosi e pieni di grassi e olio che gli squali usano per sostenere i loro lunghi viaggi migratori attraverso l’oceano. Ma non è chiaro come le orche lo abbiano scoperto o perché potrebbero cercare i fegati di squalo come fonte di nutrimento preferita.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

È possibile, ipotizzano gli scienziati in un articolo che non è stato ancora pubblicato, che alcune orche si stiano adattando a cacciare preferenzialmente gli squali, forse in risposta al calo del numero delle loro prede preferite. Tuttavia, dato che le grandi popolazioni di squali bianchi stanno diminuendo in tutto il mondo, la pressione aggiuntiva di un predatore efficiente è motivo di preoccupazione.

Correlato: Il re degli squali: il megalodonte

Le orche stanno prendendo di mira i grandi squali bianchi subadulti, che possono avere un ulteriore impatto su una popolazione di squali già vulnerabile a causa della loro lenta crescita e della loro strategia per la storia della vita a maturazione tardiva“, ha detto Towner.

Una maggiore vigilanza utilizzando la scienza dei cittadini (ad es. relazioni dei pescatori, navi turistiche), così come studi di localizzazione continui, aiuteranno a raccogliere maggiori informazioni su come queste predazioni possono influenzare l’equilibrio ecologico a lungo termine in questi complessi paesaggi marini costieri“.

La ricerca del team è stata pubblicata sull’African Journal of Marine Science.

Articoli più letti