I dinosauri non aviari si estinsero a causa dei mutamenti climatici provocati dall’impatto di un enorme asteroide

I rilievi geologici effettuati all'interno del cratere Chicxulub hanno dimostrato che a provocare l'estinzione dei dinosauri non aviari fu, probabilmente, l'enorme di quantità di aerosol di zolfo proiettata in atmosfera dall'impatto dell'asteroide.

420

Sessantasei milioni di anni fa, la Terra ebbe davvero una brutta giornata. Un enorme asteroide della lunghezza di 81 chilometri si è schiantò sulla costa di quello che oggi è il Messico vicino a Chicxulub, un evento che si ritiene abbia scatenato un’ondata di estinzione do massa che ha ucciso il 75% di tutta la vita sulla Terra.

Ora, grazie a un attento lavoro di perforazione nella roccia sotto il cratere Chicxulub, effettuato per estrarre preziosi campioni dai 500 ai 1.300 metri sotto il fondo del mare, i geologi sono riusciti a ricostruire ciò che accadde in quel fatidico giorno.

Fu un evento estremo. Roccia fusa, carbone di legna e una curiosa assenza di zolfo nei nuclei sono alcune delle firme rivelatrici dell’evento di impatto.

È un registro esteso di eventi che siamo riusciti a recuperare dall’interno del punto d’impatto“, ha affermato il geofisico Sean Gulick dell’Università del Texas. “È come se un testimone oculare ci raccontasse cosa è avvenuto quel giorno“.

L’impatto dell’asteroide scatenò uno tsunami che alto diverse centinaia di metri, scaricando roccia e sporcizia nel cratere a un ritmo tremendo – circa 130 metri di materiale furono depositati in un solo giorno, preservando una vera e propria registrazione ambientale dell’area all’interno e intorno al cratere nei primi minuti e ore dopo l’impatto.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

campione di baseUna sezione di uno dei campioni principali. (Programma internazionale di scoperta dell’oceano)

Innanzitutto, il sito dell’impatto era un inferno infuocato. Poi, l’intero pianeta si è congelato, provocando l’evento di estinzione Cretaceo-Paleogene, che segna la fine del periodo Cretaceo e la scomparsa dei dinosauri non aviari.

Non tutti i dinosauri sono morti quel giorno, ma molti dinosauri hanno fatto“, ha  detto Gulick

La roccia fusa indica che l’asteroide colpì con la forza di 10 miliardi di bombe atomiche, incendiando foreste per migliaia di chilometri e innescando uno tsunami che ha raggiunse l’attuale Illinois.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quando le acque dello tsunami si ritirarono, trascinarono con sé un mucchio di materiale,  compresa la terra (indicata dalla presenza di biomarcatori associati ai funghi del suolo) e carbone da alberi bruciati, riempiendo con questo materiale gran prte del cratere appena formatosi.

Questi eventi avrebbero già avuto un impatto drammatico sugli ecosistemi vicini, ma è quello che è successo dopo che ha davvero cambiato il mondo. L’indizio sta in ciò che i ricercatori non hanno trovato lì.

Nei campioni estratti c’era una significativa assenza di minerali contenenti zolfo, dove normalmente ci si aspetterebbe di trovarli. Ciò suggerisce che le rocce  furono vaporizzate dall’impatto, espellendo enormi quantità di aerosol di solfato nell’atmosfera, dove bloccarono la luce del Sole, provocando un lungo periodo di buio e un inverno nucleare che raffreddò drammaticamente le temperature della Terra negli anni successivi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Secondo i calcoli dei ricercatori, circa 325 miliardi di tonnellate di zolfo sarebbero state espulse dall’impatto. Si tratta di quattro ordini di grandezza superiori allo zolfo emesso durante l’eruzione del Krakatoa del 1883, che rafreddò l’intero globo per cinque anni.

Lo zolfo, quindi, secondo gli scienziati, è stato il vero assassino – probabilmente aiutato da un’intensa attività vulcanica, forse innescata dall’impatto.

Il vero assassino deve essere atmosferico“, ha detto Gulick . “L’unico modo per provocare un’estinzione di massa globale come questa è un effetto atmosferico“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La ricerca è stata pubblicata in PNAS.