I cambiamenti indotti alla vista e alle capacità motorie dalla permanenza nello spazio

Le scansioni hanno mostrato una maggiore quantità di tessuto nel cervelletto: la parte del cervello responsabile dell'equilibrio, della coordinazione e della postura.

2781

Un recente studio ha esaminato il cervello di otto cosmonauti russi maschi circa sette mesi dopo il loro ritorno da lunghe missioni alla Stazione Spaziale Internazionale. I ricercatori hanno scoperto piccoli cambiamenti nel cervello dei cosmonauti che sembrerebbero indicare una maggiore abilità e destrezza ma una vista leggermente più debole.
In effetti, sembrano avere acquisito una sorta di nuova abilità motoria“, ha detto in un’intervista a Business Insider Steven Jillings, l’autore principale dello studio. I ricercatori hanno utilizzato una risonanza magnetica a 3D nel loro studio.
Le scansioni hanno mostrato una maggiore quantità di tessuto nel cervelletto: la parte del cervello responsabile dell’equilibrio, della coordinazione e della postura. Ma le scansioni hanno anche mostrato che le persone che vivono nello spazio potrebbero avere problemi a vedere da vicino. Entrambi questi cambiamenti potrebbero essere potenzialmente di lunga durata.
Qualsiasi cervello umano, che sia stato nello spazio o meno, può adattarsi a nuovi ambienti ed esperienze. Molti atleti, ad esempio, acquisiscono capacità motorie specifiche direttamente correlate al loro sport. “Questo cambiamento non sembra reversibile con il cessare della necessità ma sembra essere duraturo“.
In media, i cosmonauti russi coinvolti nello studio hanno trascorso sei mesi a bordo della stazione spaziale. I ricercatori si aspettavano di vedere cambiamenti temporanei nel cervello dei cosmonauti, ma sono stati sorpresi di scoprire che le capacità motorie migliorate erano ancora lì diversi mesi dopo il loro ritorno sulla Terra.
La difficoltà nello studio di questi cosmonauti è che non hai davvero un riferimento, niente sulla Terra a cui possa essere paragonato“, ha detto Jillings. “È possibile che questi cosmonauti si adatteranno all’ambiente spaziale più rapidamente quando effettueranno una nuova missione“.
Molti studi precedenti hanno rivelato che gli astronauti sperimentano cambiamenti fisici in condizioni di microgravità, incluse la perdita di massa muscolare ed un calo della densità ossea.
Astronauti e cosmonauti sulla ISS in genere si esercitano più di due ore al giorno per combattere questo processo. Nei primi periodi a bordo della ISS alcuni e hanno problemi di coordinazione mentre il loro corpo si adatta all’ambiente a microgravità.
Una differenza importante tra la vita nello spazio e sulla Terra è che il nostro sangue e i fluidi corporei normalmente si muovono contro la forza di gravità verso il basso, mentre nello spazio i fluidi corporei degli astronauti si spostano verso l’alto. Il nuovo studio ha scoperto che la microgravità fa sì che anche il cervello si sposti verso l’alto. Questo a sua volta ridistribuisce i fluidi in cui il cervello galleggia.
Secondo Jillings, il suo studio ha trovato prove che il fluido potrebbe accumularsi dietro l’occhio, causando gonfiore. Ciò potrebbe compromettere la visione da vicino degli astronauti, provocando una condizione chiamata sindrome neuro-oculare associata al volo spaziale.
Uno studio del 2012 aveva rilevato lo stesso effetto tra molti astronauti della NASA: fino al 60% di quelli studiati ha affermato di vedere meno chiaramente a bordo della ISS. La NASA invia anche occhiali da vista nello spazio nel caso in cui la visione di un astronauta cambi.
Ma, secondo Jillings, c’è ancora molto da imparare su questo fenomeno, soprattutto perché non tutti gli astronauti o cosmonauti tornano sulla Terra con una cattiva vista e la maggior parte degli astronauti studiati ha sviluppato una visione alterata solo da un occhio. Alcuni recuperano completamente la vista poco dopo il ritorno sulla Terra.
Inoltre, molti cosmonauti russi di base hanno una vista estremamente acuta, quindi anche dopo aver completato un periodo nello spazio, la loro visione è ancora normale rispetto alla persona media.
Il fatto che vediamo un piccolo calo probabilmente significa che ci sono alcuni effetti comuni a tutte le persone che trascorrono sei mesi nello spazio“, ha detto Jillings. Gli studi ora stanno cercando di determinare fino a che punto le alterazioni della vista potrebbero essere permanenti.
Uno studio dell’Università del Texas ha scoperto che, ad un anno dal ritorno sulla Terra, il gonfiore nel cervello degli astronauti persiste. Ma, secondo Jillings, non ci sono ancora studi di follow-up a lungo termine per vedere per quanto tempo questa condizione perdura.
Non ci sono molti studi che esaminano il cervello degli astronauti“, ha detto.
Nel complesso, ha aggiunto Jillings, la buona notizia è che il suo studio non ha rilevato alcun serio effetto sulla salute legato ai viaggi nello spazio.
Studi precedenti, però, avevano suggerito che la maggiore esposizione alle radiazioni nello spazio potrebbe ingenerare fenomeni neurodegenerativi, che potrebbe accelerare, ad esempio, lo sviluppo del morbo di Alzheimer tra gli astronauti.
Non abbiamo trovato alcuna prova di cambiamenti dannosi per il cervello“, ha commentato Jillings. “In realtà è più un adattamento”.