12 C
Rome
sabato, Dicembre 3, 2022
HomeEsplorazione SpazialeHubble conferma la presenza di vapore acqueo nell'atmosfera di Ganimede

Hubble conferma la presenza di vapore acqueo nell’atmosfera di Ganimede

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il famoso telescopio spaziale ha trovato vapore acqueo attorno alla luna di Giove Ganimede.

Il telescopio spaziale Hubble ha individuato prove di vapore acqueo

Nell’atmosfera intorno alla luna di Giove, Ganimede, la più grande luna del nostro sistema solare, c’è vapore acqueo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il telescopio spaziale Hubble

Il vapore acqueo ha origine quando il ghiaccio presente sulla superficie ghiacciata della luna si trasforma da solido in gas, un processo chiamato sublimazione.

Gli astronomi hanno scoperto questo vapore acqueo utilizzando una combinazione di osservazioni nuove e d’archivio di Hubble.
Uno studio sui loro risultati è stato pubblicato sulla rivista Nature Astronomy.

Il mistero dell’aurora boreale di Giove risolto dopo 40 anni

Gli scienziati affermano che il mistero dell’aurora boreale di Giove è stato risolto. Le ricerche precedenti avevano suggerito che Ganimede, il nono oggetto più grande del nostro sistema solare, contenga più acqua di tutti gli oceani della Terra messi insieme.

Tutto ciò, sebbene la luna sia 2,4 volte più piccola del nostro pianeta.
Ma Ganimede è così freddo, con temperature che possono raggiungere -184 gradi Celsius.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La superficie è un guscio di acqua ghiacciata. Circa 161 chilometri al di sotto di questa crosta c’è probabilmente un oceano salato e i ricercatori sapevano che non c’era modo che l’oceano evaporasse attraverso il guscio di ghiaccio liberando vapore acqueo.

Il nome Ganimede deriva dagli antichi greci

La luna prende il nome da un principe troiano, descritto da Omero come l’uomo più bello della sua epoca.

Oltre ad essere il più grande satellite naturale del nostro sistema solare, Ganimede è anche l’unica luna ad avere un campo magnetico. Questo fa sì che le aurore risplendano intorno ai poli nord e sud della luna.

Hubble ha catturato le sue prime immagini all’ultravioletto di Ganimede nel 1998, rivelando queste bande aurorali. Inizialmente, i ricercatori credevano che queste aurore fossero dovute all’atmosfera di ossigeno puro, che è stata rilevata per la prima volta usando lo stesso telescopio nel 1996.

Ma alcune delle caratteristiche non potevano essere spiegate e apparivano persino leggermente diverse l’una dall’altra.
La missione Juno della NASA ha catturato le prime immagini in primo piano della luna più grande di Giove.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La temperatura di Ganimede in superficie

La temperatura della superficie di Ganimede può variare notevolmente nel corso della giornata. Intorno a mezzogiorno all’equatore della luna, diventa abbastanza caldo da sublimare la superficie ghiacciata o rilasciare piccole quantità di molecole d’acqua, il che spiega le differenze osservate nelle immagini ultraviolette scattate da Hubble.

Il telescopio spaziale Hubble

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Anche se il guscio di ghiaccio di Ganimede è duro come la roccia, un flusso di particelle cariche dal sole è sufficiente per eroderlo e rilasciare vapore acqueo.

La missione JUICE dell’Agenzia spaziale europea, o JUpiter ICy moons Explorer, verrà lanciata nel 2022. Arriverà a Giove nel 2029 e trascorrerà tre anni osservando il pianeta gigante e le sue tre lune più grandi. Ganimede sarà incluso in questo sondaggio e i ricercatori sperano di saperne di più sulla luna come potenziale habitat per la vita.

Di recente, la missione Juno della NASA, che osserva Giove e le sue lune dal 2016, ha scattato le prime immagini ravvicinate di Ganimede in due decenni.

Comprendere di più su Ganimede potrà aiutare i ricercatori a saperne di più su come i giganti gassosi come Giove e le loro lune si formano ed evolvano nel tempo e se le lune ghiacciate, sparse nel nostro sistema solare, sono ambienti abitabili in cui la vita può trovare un modo per esistere.

Articoli più letti