Hope va verso Marte accompagnata da applausi e tanta commozione

Hope, il veicolo spaziale finanziato dagli Emirati Arabi Uniti, dopo tante difficoltà, è finalmente riuscito ad intraprendere il suo viaggio verso Marte

1504

Finalmente Hope, o Al Amal, il veicolo spaziale degli Emirati Arabi Uniti, Domenica 19 luglio è riuscito ad iniziare il suo volo nello spazio partendo da Tanegashima, in Giappone, grazie al supporto di un lanciatore Mitsubishi.

Il lancio è stato avviato con il classico conto alla rovescia, ma gli ultimi dieci secondi sono stati un tributo agli Emirati Arabi, poiché sono stati  recitati in arabo per la prima volta nella storia.

Hope ha dovuto superare diversi ostacoli: prima il blocco a causa della pandemia da covid19, poi un ulteriore rinvio a causa del maltempo: “La pandemia non era qualcosa che avevamo nel programma“, aveva dichiarato Fahad Al Mehri, direttore esecutivo del settore spaziale presso l’agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti.

Ma alla fine il veicolo spaziale è riuscito ad avviare la sua missione verso Marte: “Poco prima del lancio, c’è stato un grande silenzio. Una volta che il razzo è decollato, ci sono stati applausi, c’è stata gioia: in realtà ho persino visto le persone piangere“, ha raccontato Faraz Javed, un giornalista del Mohammed bin Rashid Space Center.

Verso le 15:55 PT, la sonda Hope si è separata dal razzo Mitsubishi: uno scroscio di applausi del centro di lancio in Giappone l’ha salutata. La separazione ha posto la sonda delle dimensioni di un’auto in un’orbita di trasferimento che ora la porterà su circa 500 milioni di chilometri (310 milioni di miglia) sul pianeta rosso: se il viaggio sarà regolare, la sonda arriverà su Marte tra circa sette mesi e, poco dopo, inizierà le sue prime osservazioni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Mentre le grandi agenzie come la NASA, l’Agenzia spaziale europea e Roscosmos tendono ad andare alla ribalta, l’Agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti sta dimostrando che c’è spazio anche per programmi più piccoli altrettanto capaci di lasciare un segno nell’esplorazione dello spazio.