Guerra in Ucraina: i droni Kamikaze – video

Cosa succederà quando il cielo brulicherà di droni kamikaze che possono colpire in massa con la potenza di uno sbarramento di artiglieria. Come fermarli è una domanda che ogni esercito moderno deve ora affrontare

Le forze di terra russe stanno utilizzando i nuovi droni kamikaze Kyb per attaccare obiettivi in ​​Ucraina, mentre il governo degli Stati Uniti ha annunciato all’inizio di questo mese l’invio di 100 nuovi droni Switchblade per aiutare le forze ucraine. Questa è solo la seconda guerra, dopo la guerra del Nagorno-Karabakh del 2020 tra Azerbaigian e Armenia, in cui entrambi i combattenti utilizzano droni kamikaze.

Questi droni kamikaze, detti anche droni vagabondi, sono droni economici progettati per la sorveglianza e la ricognizione. Si tratta di droni piccoli, lenti e che volano a bassa quota, progettati per essere lanciati e pilotati dalle truppe sul campo, a differenza dei droni più grandi come l’americano MQ-9 Reaper e il turco TB-2 Bayraktar. I droni vagabondi in genere hanno un collegamento radio bidirezionale e una telecamera elettro-ottica che offre all’operatore del drone una visione in tempo reale del campo di battaglia sottostante. Una volta che l’operatore individua e identifica un bersaglio, il drone si precipita verso il basso e attiva il piccolo carico di esplosivo che trasporta.

droni mq9 reaper francia
Questo MQ-9 Reaper al servizio dell’esercito francese è un efficace cacciatore-assassino, ma il drone stesso costa molti milioni di dollari e il costo della bomba a guida laser Paveway è di decine di migliaia. Esiste una nicchia per un drone piccolo ed economico in grado di localizzare e attaccare il nemico da solo. – MEHDI FEDOUACH GETTY IMAGES

I droni vagabondi sono armi monouso e unidirezionali. Non hanno un carrello di atterraggio o un piano di recupero. Sono progettati per essere usati quando c’è una possibilità ragionevolmente buona che un bersaglio nemico si trovi nel raggio d’azione, raccogliendo le proprie informazioni e quindi autodistruggendosi su un bersaglio nemico. Questa finalità d’uso è valso loro il soprannome di “droni kamikaze” o “droni suicidi“.

Diverse foto sono apparse su Getty Images, un archivio di immagini editoriali e d’archivio, che mostrano le forze militari ucraine che puntano i loro fucili verso l’alto, apparentemente contro i droni. Tuttavia, non è chiaro quanto sia diffuso l’uso del Kyb, o se abbia attaccato con successo obiettivi ucraini. Secondo quanto riferito, la Russia sta utilizzando altri droni non vagabondi, come l’Orlan-10, per perlustrare il cielo le posizioni ucraine.

Anche l’Ucraina riceverà droni vagabondi dagli Stati Uniti. Si dice che l’ultima spedizione di aiuti militari statunitensi includa 100 droni Switchblade.

Lo Switchblade 300 è un drone delle dimensioni di un gabbiano che impiega due minuti per prepararsi al volo. Una volta in aria, una stazione di controllo a terra portatile e robusta consente all’operatore di dirigere il drone puntando e facendo clic su una mappa digitale o utilizzando le telecamere di bordo del drone per localizzare un bersaglio.

lo Switchblade 300 è più piccolo del Kyb e pesa solo 25 chili. Può navigare a 101 chilometri orari, percorrere brevi distanze a 160 chilometri orari e ha un’autonomia di volo di 15 minuti. A differenza del Kyb, lo Switchblade è dotato di telecamere elettro-ottiche e a infrarossi, che consentono all’operatore del drone di orientare visivamente il drone verso il bersaglio. Il drone ha una portata di comunicazione di sei chilometri e mezzo.

Lo Switchblade è particolarmente utile per le forze di difesa ucraine, in quanto consente di colpire obiettivi dietro le linee nemiche che non potrebbero altrimenti raggiungere.

Un problema che devono affrontare le truppe ucraine è la carenza di armi in grado di completare missioni di interdizione, colpendo obiettivi come convogli di carburante, depositi di munizioni e unità del quartier generale superiore oltre il raggio di sei chilometri e mezzo dello Switchblade 300. L’Ucraina potrebbe anche usare un’arma del genere per attaccare l’artiglieria russa a lungo raggio che bombarda le città ucraine .

i combattenti ribelli avanzano su debaltseve nonostante l'accordo di cessate il fuoco
I ribelli filo-russi lanciano razzi di artiglieria grad verso Debaltseve nel 2015, vicino a Vuglegirsk, in Ucraina. Il sistema missilistico a lancio multiplo Grad P russo è un’arma che potrebbe essere attaccata da droni vagabondi. I razzi da 122 millimetri hanno una portata fino a 45 chilometri, posizionandoli nel raggio di droni come Switchblade 600. – PIERRE CROM GETTY IMAGES

AeroVironment, la stessa azienda che sviluppato ingenuity, il piccolo elicottero sperimentale che sta operando su Marte, ha recentemente terminato lo sviluppo di un drone più nuovo e più grande: lo Switchblade 600. Questo è una versione ingrandita del 300, con una portata migliorata di 40 chilometri e un tempo di volo di 40 minuti. Trasporta una testata più potente derivata dal missile anticarro Javelin. Con l’aiuto dei radar di localizzazione dell’artiglieria forniti dagli americani, uno Switchblade 600 controllato dagli ucraini potrebbe seguire all’indietro il percorso di un proiettile di artiglieria in arrivo, localizzare l’unità che lo ha sparato e attaccare.

I droni kamikaze creano un nuovo problema alle forze sul campo. Invece di preoccuparsi solo del fatto che un drone possa riferire le proprie posizioni a una postazione di artiglieria o a un elicottero d’attacco, le truppe ora devono trattare ogni drone nemico come un potenziale drone suicida, uno che potrebbe tuffarsi su di loro con un’esplosione devastante.

Cosa succederà quando il cielo brulicherà di droni kamikaze che possono colpire in massa con la potenza di uno sbarramento di artiglieria. Come fermarli è una domanda che ogni esercito moderno deve ora affrontare.

Articoli più letti

Related articles