La pericolosa grotta di cristalli giganti in Messico

0
3033

Degli enormi pilastri di gesso caratterizzano la grotta Grotta fatta di Cristalli Giganti di 300 metri a forma di U, lunga circa 30 metri e larga 10 metri sotto la Sierra de Naica a Chihuahua, in Messico.

Questi cristalli giganti sono attaccati alle pareti e al pavimento della caverna da almeno mezzo milione di anni, sono abbastanza lunghi e larghi da poterci camminare. Le linee di faglia regionali corrono proprio sotto la Sierra de Naica. Circa 26 milioni di anni fa, il magma iniziò a muoversi verso la superficie terrestre attraverso queste faglie, processo responsabile della formazione delle montagne della zona.

I pilastri di gesso sono stati formati dall’acqua contenente l’anidrite minerale originariamente spinta nella grotta da una camera magmatica situata in profondità nella Terra.  L’acqua carica di anidrite carbonica a causa temperature maggiori di 58 gradi Celsius rimane stabile ma a temperature più basse, il minerale tende a dissolversi per poi trasformarsi in gesso in modo irreversibile.

Il magma sotto la Giant Crystals manteneva l’acqua nella grotta calda ma quando la temperatura dell’acqua è scesa appena al di sotto dei 58 gradi Celsius  l’anidrato ha iniziato a decomporsi, riempiendo l’acqua di calcio e solfato e le particelle si ricombinarono in una specie di gesso noto come cristalli bianchi di selenite.  I cristalli di seleniti hanno una crescita di 1 metro di diametro in un lasso di tempo che va tra i 500.000 e i 900.000 anni, molti di loro sono lunghi dai 4 a 6 metri, i più grandi misurano 11 metri di lunghezza e 1 metro di spessore.

Nel 1794, i cercatori d’argento scoprirono l’argento sulla Sierra de Naica. Ben presto furono scoperti tesori di piombo, zinco e oro e, verso la metà del XIX secolo, le prime operazioni minerarie iniziarono a svolgersi sui pendii. Un giorno, nel 1910, la compagnia mineraria Peñoles scoprì una grotta miracolosa a soli 120 metri dalla superficie. Come la Grotta dei Cristalli Giganti, questa camera, soprannominata la “Grotta delle Spade”, era rivestita di cristalli di selenite. Ma erano considerevolmente più piccoli, lunghi solo circa 2,5 metri. La Giant Crystals di Naica non è stata scoperta fino al 2000. L’acqua è stata pompata fuori dalla compagnia mineraria Peñoles prima che qualcuno si rendesse conto che era piena di colonne giganti di selenite. I fratelli Pedro e Juan Sanchez – due minatori di questa organizzazione – furono le prime persone a vedere i suoi cristalli quando entrarono nella grotta di essiccazione.



La Grotta di Cristallo è un luogo inospitale

Non solo la temperatura dell’aria era salita a ben 47,1 gradi Celsius, ma il livello di umidità era vicino al 100 percento. Il posto era così umido che un visitatore che indugiava troppo a lungo rischiava la condensazione del liquido nei polmoni. Inizialmente, gli esploratori erano limitati a incursioni di 10 minuti nella grotta a causa di legittimi problemi di sicurezza. Ma grazie a tute di raffreddamento appositamente progettate, gruppi di scienziati sono stati in grado di prolungare un po’ le loro visite. Penelope Boston, direttrice del NASA Institute for Astrobiology, si è recata alla Giant Crystal Cave nel 2008 e di nuovo nel 2009. Ha aiutato a scoprire forme di vita microbiche che erano intrappolate all’interno di uno dei cristalli. Sospesi in una bolla d’aria, i minuscoli organismi potrebbero essere rimasti dormienti per un massimo di 50.000 anni prima dell’arrivo di Boston and Company.

La rimozione dell’acqua da questa grotta è stata un vantaggio per la comunità scientifica. Sfortunatamente, per i veri cristalli, questa può essere una cattiva notizia. Nel 2017, Peñoles ha smesso di pompare e ha permesso alle acque sotterranee di riempire la grotta. Ma prima, i cristalli erano nell’aria da quasi due decenni. Ha compromesso la loro integrità strutturale? Ciò è evidenziato da una serie di esperimenti sui campioni raccolti. Tuttavia, ora che l’acqua è tornata, questi cristalli ultraterreni potrebbero ricominciare a crescere.

 Si può visitare la Grotta di Cristallo?

No, i turisti non sono ammessi nella Giant Crystals. Le condizioni calde e umide rendono questa grotta un luogo pericoloso da visitare. Anche gli scienziati devono ottenere un permesso speciale e indossare attrezzature speciali per entrare nella grotta.

Potrebbe interessarti:

Resti di nove Neanderthal trovati in una grotta vicino Roma

I giganteschi tubi di lava su Marte – video

Risolto il mistero del teschio di donna trovato in una grotta di Bologna

Breaking news: Salvati i ragazzi prigionieri in una grotta sotterranea in Thailandia

Come i Neanderthal accendevano fuochi nelle caverne senza soffocare

2