13.3 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomePaleontologiaGoyet: la prova che i Neanderthal erano cannibali

Goyet: la prova che i Neanderthal erano cannibali

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Nelle profondità delle grotte di Goyet in Belgio, i ricercatori hanno trovato la macabra prova che i Neanderthal non si limitavano a banchettare con cavalli o renne, ma anche l’uno con l’altro.

Le ossa umane di un neonato, un bambino e quattro adulti o adolescenti vissuti circa 40.000 anni fa mostrano chiari segni di taglio e di fratture per estrarre il midollo all’interno, dicono.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

È inconfutabile, qui si praticava il cannibalismo“, dice l’archeologo belga Christian Casseyas mentre guarda all’interno di una grotta a metà di una valle in questo sito nella foresta delle Ardenne.

Le ossa di Goyet risalgono a quando i Neanderthal si stavano avvicinando alla fine del loro tempo sulla terra prima di essere sostituiti dall’Homo sapiens, con il quale si sono anche incrociati.

Un tempo considerati uomini delle caverne primitivi spinti all’estinzione da umani moderni più intelligenti, gli studi hanno scoperto che i Neanderthal erano in realtà esseri sofisticati che si prendevano cura dei corpi dei defunti e tenevano rituali di sepoltura. Ma un numero crescente di prove dimostra che hanno anche mangiato i loro morti.

Ricostruzione dell'uomo di Neanderthal
Ricostruzione dell’uomo di Neanderthal

Frammenti ossei di Neanderthal

Casi di cannibalismo di Neanderthal sono stati finora riscontrati solo nelle popolazioni di Neanderthal dell’Europa meridionale in Spagna, a El Sidron e Zafarraya, e in Francia, a Moula-Guercy e Les Pradelles.

Le grotte di Goyet sono state occupate fin dal Paleolitico. Le gallerie lunghe 250 metri sono state scavate nel calcare dal Sansone, un piccolo torrente che scorre ancora pochi metri più in basso.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Cominciarono a svelare i loro segreti a metà del XIX secolo grazie a uno dei padri della paleontologia, Edouard Dupont (1841-1911).

Geologo e direttore del Museo Reale di Storia Naturale del Belgio, esplorò diverse grotte, tra cui quella di Goyet nel 1867, e raccolse un’enorme quantità di ossa e strumenti.

Solo pochi anni dopo che Charles Darwin espose per la prima volta la sua teoria dell’evoluzione, Dupont pubblicò i risultati delle sue ricerche nel suo libro “Man During the Stone Age”.

Ma le sue scoperte rimasero negli archivi del museo (ora chiamato Istituto di Scienze Naturali di Bruxelles) per più di un secolo.

Questo fino al 2004, quando il capo dell’antropologia dell’istituto Patrick Semal ha scoperto, nascosta tra i cassetti di quelle che Dupont pensava fossero ossa umane, una mascella che apparteneva chiaramente a un Neanderthal.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Da allora gli scienziati hanno accuratamente selezionato frammenti che Dupont pensava fossero ossa di animali per vedere se ci fossero altre tracce dell’uomo antico.

I Neanderthal estraevano il midollo

Ora un team internazionale guidato da Helene Rougier, un’antropologa della California State University Northridge negli Stati Uniti, ha dimostrato dalle ossa trovate a Goyet che i Neanderthal erano cannibali.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le ossa mostrano tracce di taglio, “per disarticolare e rimuovere la carne“, ha detto Christian Casseyas, che guida anche i tour per il pubblico nelle grotte.

I Neanderthalspezzarono queste ossa nello stesso modo in cui spezzarono quelle delle renne e dei cavalli trovati all’ingresso della grotta, certamente per estrarre il midollo”, aggiunge.

Rougier, il cui lavoro sulla grotta belga è stato pubblicato lo scorso luglio da Scientific Reports, una rivista del gruppo Nature, ha detto all’AFP che “in effetti, possiamo concludere che alcuni uomini di Neanderthal sono morti e sono stati mangiati qui”, che è la prima volta nel Nord Europa.

“Alcune di queste ossa sono state utilizzate anche per creare strumenti per ritoccare i bordi delle selci per riaffilarle”, afferma Rougier.

Ma le ragioni del cannibalismo rimangono un mistero, come fino a che punto i Neanderthal mangiavano i loro morti.

Era sistematico? Solo in certi momenti particolari?”  afferma Helene Rougier. “Non so interpretare il motivo dietro questo cannibalismo. Può essere puramente alimentare, ma può anche essere simbolico. Il motivo resta aperto”.

 

Articoli più letti