Il Giappone rilascerà l’acqua radioattiva di Fukushima nell’oceano ma non sarà un problema

Il governo giapponese ha deciso di rilasciare nell’oceano l’acqua radioattiva accumulata nella centrale nucleare di Fukushima. Ciò nonostante l’opposizione di pescatori e consumatori nei paesi vicini come Cina e Corea del Sud.

Il governo terrà una riunione dei ministri collegati già questa settimana per decidere formalmente sul piano, uno sviluppo importante dopo oltre sette anni di discussioni su come scaricare l’acqua utilizzata per raffreddare il combustibile fuso nell’impianto di Fukushima Daiichi.

Il primo ministro Yoshihide Suga ha dichiarato nei giorni scorsi che il suo governo prenderà la decisione finale dopo l’incontro con Hiroshi Kishi, capo della federazione nazionale delle cooperative di pesca, che continua la ferma opposizione al piano.

Il governo ha detto che non può continuare a rinviare una decisione sulla questione dello smaltimento, dato che la capacità di stoccaggio dei serbatoi d’acqua nel complesso di Fukushima è prossima ad esaurirsi entro il prossimo anno. Suga ha detto che il rilascio dell’acqua radioattiva è l’opzione più realistica.

L’acqua radioattiva è stata trattata utilizzando un avanzato sistema di trattamento dei liquidi per rimuovere tutti i contaminanti al di sotto dei livelli ambientali e conservata in serbatoi nei locali del complesso. Tuttavia, il sistema di elaborazione non può rimuovere il trizio, il meno radioattivo e il meno dannoso di tutti gli elementi radioattivi.

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica approva il piano del governo giapponese osservando che il rilascio nell’oceano soddisfa gli standard accettati globalmente. Il direttore generale dell’AIEA, Rafael Grossi, ha sottolineato che questo è un modo comune per rilasciare acqua delle centrali nucleari, anche quando non si trovano in situazioni di emergenza.

Perché l’acqua radioattiva di Fukushima non sarà un problema

In realtà, La dose di radiazioni di un litro di quest’acqua radioattiva è pari a quella di quattro banane o di un sacchetto di patatine formato famiglia. Una tonnellata di questa acqua fornisce una dose di circa 4 mSv, circa la dose di base annuale media per tutti in America, e meno di una singola TC del torace che è 7 mSv. 

I critici, come Greenpeace, considerano che ogni atomo è pericoloso e, secondo loro, quest’acqua radioattiva dovrebbe essere immagazzinata e trattata per sempre. Non sembrano capire né la radiazione, né la chimica, e tantomeno il trizio. Ma pochi lo fanno.

Scienziati che comprendono il problema e la scienza, hanno sempre raccomandato di rilasciare lentamente l’acqua contaminata dal trizio nell’Oceano Pacifico diluendo il rilascio in un periodo di circa dieci anni.

Sebbene non sia intuitiva, questa è un’ottima idea. Il trizio è l’isotopo leggermente radioattivo dell’idrogeno che ha due neutroni e un protone, con radioattività così bassa che da esso non sono mai derivati ​​problemi ambientali o umani, anche se è un elemento radioattivo comune nell’ambiente. Il trizio si forma naturalmente da processi atmosferici, test di armi nucleari e centrali nucleari.

Diciamolo di nuovo: nessun danno è mai venuto agli esseri umani o all’ambiente dal trizio, indipendentemente dalla concentrazione o dalla dose.

Si presume che il trizio sia cancerogeno per l’uomo a livelli estremamente elevati, sebbene tale affermazione sia solo ipotetica poiché gli effetti negativi del trizio sulla salute non si sono mai osservati negli esseri umani o nell’ambiente. Solo studi di laboratorio su topi a livelli estremamente elevati hanno evidenziato effetti nocivi sulla salute e solo dopo averli costretti ad ingerire 37.000.000 Bq / litro.

Mettere quest’acqua nell’oceano è senza dubbio il modo migliore per sbarazzarsene. Concentrarla e containerizzarla sarebbe molto più pericoloso per le persone e per l’ambiente.

Sfortunatamente, l’idea di rilasciare radioattività di qualsiasi tipo fa rabbrividire la maggior parte delle persone. Ma questo è il problema, solo la percezione del trizio è negativa, non la realtà. E nel nostro nuovo mondo in cui l’anti-scienza domina, un’idea così sbagliata potrebbe dominare su quale sia la cosa giusta da fare, sprecando preziose risorse e tempo.

La realtà scientifica è che il trizio emette una particella beta incredibilmente debole che viene facilmente bloccata dal nostro strato di pelle morta. Va solo un quarto di pollice in aria. Anche l’ingestione di trizio non fa nulla. Ci abbiamo provato.

I rischi per la salute dell’acqua contaminata dal trizio sono così bassi che tutti i paesi del mondo non hanno idea di quali limiti normativi imporgli.

Usando Becquerel per litro come unità di concentrazione (un Bq è la disintegrazione di un singolo nucleo al secondo), gli Stati Uniti hanno fissato 740 Bq / L per l’acqua potabile, ma il Canada ha 7.000 Bq / L come limite. La Svizzera ha fissato 10.000 Bq / L e l’Australia un enorme 76.103 Bq / L.

Ma questi limiti sono stati stabiliti dal nulla. Non sono basati sugli effetti sulla salute. Nessuno di questi livelli, o cento volte questi livelli, è dannoso.

Perché è così?

L’idrogeno è un atomo molto piccolo e attraversa facilmente i pori microscopici, persino le membrane biologiche e le pareti cellulari. Il trizio, che è ancora chimicamente idrogeno, può essere trovato nelle molecole d’acqua, che sono due atomi di idrogeno e un atomo di ossigeno.

Poiché il trizio è tre volte più pesante del normale idrogeno a causa di due neutroni nel suo nucleo, tende a sostituire il normale idrogeno nelle molecole d’acqua, diluendo rapidamente qualsiasi trizio nei nostri corpi e nell’ambiente. Il trizio ama essere nell’acqua, non nei tessuti.

I nostri corpi sono per lo più idrogeno, e questo è principalmente nell’acqua. Quindi, mentre l’emivita radioattiva del trizio è di 12,3 anni, la sua emivita biologica nel nostro corpo è di soli 10 giorni. Pertanto, l’ingestione di questo debole emettitore non ha lo stesso effetto della maggior parte degli altri radionuclidi ingeriti.

Alla fine, è impossibile ottenere una dose significativa di radiazioni dal trizio, a differenza di qualsiasi altro radionuclide. Esce dal corpo e si diluisce troppo rapidamente.

Ancora più importante, c’è più trizio nell’atmosfera dai processi naturali e dai vecchi test di bombe, di quanto non sia mai stato, o sarà, rilasciato dai reattori commerciali. I raggi cosmici producono ogni anno quattro milioni di curie di trizio (150.000.000.000.000.000 Bq) nell’alta atmosfera, gran parte del quale piove nelle acque superficiali che finiamo per bere.

Le concentrazioni cosmogeniche tipiche di trizio nell’acqua di mare sono di circa 700 Bq / m3 (19 pCi / L), maggiori di quanto si trova nella maggior parte di questi serbatoi di Fukushima .

Queste quantità di trizio da altre fonti sono milioni di volte maggiori di quanto verrebbe lentamente rilasciato dai serbatoi di Fukushima. 

Inoltre, ci sono 16.280.000.000.000.000.000.000 Bq di potassio-40, rubidio-87 e molti altri radionuclidi già negli oceani del mondo. Quindi i pesci nuotano comunque in abbondanza di materiale radioattivo naturale, più di quanto l’acqua di Fukushima potrebbe mai fornire.

L’emivita biologica del trizio nei pesci e nella vita marina è ancora più breve che negli esseri umani, meno di 2 giorni, e la diluizione in acqua di mare è troppo rapida perché una dose significativa possa tornare a qualsiasi persona. A causa delle proprietà fisiche e chimiche del trizio, questo non si concentra lungo la catena alimentare, ma si diluisce nella catena alimentare.

Come al solito, tutto si riduce alla percezione e alla paura.

Questo particolare problema con Fukushima è davvero importante perché il Giappone ha bisogno di riavviare la maggior parte dei reattori che sono stati spenti dopo il terremoto del 2011. Non sono stati colpiti dal terremoto o dallo tsunami che ne è seguito, e non lo saranno da quelli futuri.

L’energia nucleare è fondamentale per  affrontare il riscaldamento globale, per non parlare della stasi economica del Giappone. Un tempo il Giappone era in prima linea nella lotta contro il riscaldamento globale, ma le sue emissioni di carbonio sono salite alle stelle poiché la produzione delle sue centrali nucleari è stata inutilmente sostituita dai combustibili fossili.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Google Pixel 9 Pro Fold: arriva l’AI sul nuovo modello

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

Carburante sostenibile: progettato un nuovo metodo per generarlo

Un team di ricercatori ha dimostrato che l'anidride carbonica,...

Scoperta connessione tra buchi neri supermassicci e materia oscura

Un team di ricercatori ha scoperto un collegamento tra...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Infezioni urinarie: in arrivo un vaccino per prevenirle?

Le infezioni urinarie rappresentano una delle condizioni mediche più...

Articoli correlati

Popular Categories