Scoperte nuove galassie ai margini dell’universo osservabile

Una coppia di antiche galassie che risiedono ai confini dello spazio e del tempo sono state appena scoperte da un team di astronomi e scienziati, nascoste dietro uno spesso velo di polvere cosmica, secondo un recente studio pubblicato sulla rivista Nature

0
4529

Una coppia di antiche galassie che risiedono ai confini dello spazio e del tempo sono state appena scoperte da un team di astronomi e scienziati, nascoste dietro uno spesso velo di polvere cosmica, secondo un recente studio pubblicato sulla rivista Nature.

Le galassie oscurate sono nate più di 13 miliardi di anni fa, circa 800 milioni di anni dopo il Big Bang che ha dato vita all’universo come lo conosciamo. E potrebbero esserci oggetti ancora più antichi in attesa di essere individuati dal disordine degli inizi dell’universo.

Antiche galassie dagli albori dell’universo

È stata una pura fortuna che il team di scienziati abbia visto i segnali spettrali inquietanti delle due galassie. Questa incredibile impresa è stata compiuta da un team di scienziati di frontiera guidati da Yoshinobu Fudamoto, dell’Osservatorio Astronomico Nazionale del Giappone (NAOJ), che è anche un astronomo presso l’Istituto di ricerca per la scienza e l’ingegneria della Waseda University, in Giappone.

Il team stava osservando le galassie vicine (più giovani) che brillano molto più luminose alla luce ultravioletta (UV), quando hanno notato qualcosa in più. E la “scoperta fortuita di queste due galassie polverose” ai margini dell’universo conosciuto “mostra che il nostro attuale censimento (basato sui raggi UV) delle prime galassie è ancora incompleto”, secondo il recente studio.

Era novembre 2019 quando Fudamoto e i suoi colleghi hanno assistito alle galassie in agguato in un’era estremamente lontana dell’universo utilizzando l’Atacama Large Millimeter / submillimeter Array (ALMA), che è un interferometro altamente sensibile in Cile. ALMA può osservare oggetti a distanze colossali, scrutando attraverso ambienti polverosi per intravedere oggetti che esistono nell’antica epoca del cosmo chiamata l’alba cosmica” o “l’epoca della reionizzazione“, quando sono nate le primissime galassie e stelle.

Galassie lontane dal confine del tempo e dello spazio. Fonte: ALMA (ESO/NAOJ/NRAO), NASA/ESA Hubble Space Telescope, ESO, Fudamoto et al.
Galassie lontane dal confine del tempo e dello spazio. Fonte: ALMA (ESO/NAOJ/NRAO), NASA/ESA Hubble Space Telescope, ESO, Fudamoto et al.

Questo potrebbe trasformare il modo in cui modelliamo l’universo primordiale



Parte di un più ampio programma ALMA chiamato Reionization-Era Bright Emission Line Survey (REBELS), Fudamoto e il suo team hanno studiato 40 galassie luminose che esistevano in questa era nascente dell’universo. Il team stava osservando due galassie bersaglio, chiamate REBELS-12 e REBELS-29, quando hanno individuato modelli sfocati di emissioni extra provenienti da un luogo di diverse migliaia di anni luce più lontano delle note galassie più luminose. Ulteriori osservazioni hanno confermato che questa squadra di astronomi e scienziati stava, in effetti, fissando i volti di due galassie precedentemente sconosciute che si erano nascoste dietro spesse nuvole di polvere cosmica.

Successivamente sono state chiamate REBELS-12-2 e REBELS-29-2 e sono invisibili sia alla luce ottica che ai raggi UV. ALMA poteva rilevarli solo a causa della sua maggiore sensibilità alle lunghezze d’onda dell’infrarosso lontano.

E finora, la scoperta suggerisce che, fino a una galassia su cinque che risiedono nel periodo dell’epoca della reionizzazione, potrebbe essere in agguato dietro nuvole scure di polvere cosmica, il che potrebbe trasformare il modo in cui modelliamo la formazione di stelle e galassie durante questa antica era dell’universo.

Fudamoto e il suo team ritengono che “in futuro sia necessaria un’indagine cieca e su un’ampia area per tali fonti”, secondo lo studio. “Questi sondaggi devono osservare sostanzialmente più in profondità di quanto fosse stato previsto in precedenza per campionare le galassie più deboli oscurate dalla polvere”. È incredibilmente soddisfacente sapere che agli albori dell’universo, intere galassie brulicanti di stelle erano già fiorenti, solo 800 milioni di anni dopo il Big Bang.

2