spot_img
Home Medicina Primo caso documentato di infezione di un essere umano da parte di...

Primo caso documentato di infezione di un essere umano da parte di un fungo delle piante

Avete presente la serie televisiva "The last of us" in cui gli umani vengono infettati e trasformati in zombie da un fungo? Bene, per la prima volta è stata descritta l'infezione di un essere umano da parte di un fungo delle piante. L'improbabile colpevole dell'infezione è stato identificato dal suo DNA

0
1352
Primo caso documentato di infezione di un essere umano da parte di un fungo delle piante
Primo caso documentato di infezione di un essere umano da parte di un fungo delle piante

La malattia della foglia d’argento è una maledizione per una varietà di prodotti botanici, dalle pere alle rose al rododendro. Infettando le loro foglie e rami, il fungo Chondrostereum purpureum può essere fatale per la pianta se non trattato rapidamente.

A parte il rischio di perdere qualche cespuglio di rose o qualche alberello, la malattia data da questo fungo non è mai stata considerata un problema per l’uomo. Finora.

In quello che i ricercatori suggeriscono sia il primo caso riportato nel suo genere, un micologo indiano di 61 anni sembra aver contratto un caso piuttosto grave di malattia della foglia d’argento nella sua stessa gola, fornendo un raro esempio di un agente patogeno che sembra fare un enorme salto attraverso interi regni nell’albero della vita.

Un caso di studio pubblicato di recente descrive un paziente maschio nella regione orientale dell’India che si è presentato a un centro medico con tosse e voce rauca, stanchezza e difficoltà a deglutire. Una scansione a raggi X TC del collo ha rivelato un ascesso pieno di pus vicino alla sua trachea.

I test di laboratorio non sono riusciti a trovare alcun batterio preoccupante, ma una speciale tecnica di colorazione per i funghi ha rivelato la presenza di lunghi filamenti simili a radici chiamati ife.



Le malattie fungine non sono esattamente rare negli esseri umani, anche se dei milioni di specie conosciute, solo poche centinaia sono in grado di causarci molti danni. La tigna, il piede d’atleta e il mughetto si trovano comunemente a casa nelle zone umide della nostra pelle, con nostra grande irritazione.

A volte, soprattutto nelle persone con un sistema immunitario compromesso, i funghi che comunemente si nutrono di vegetazione in decomposizione, come le specie di Aspergillus, possono infettare parti più profonde del nostro corpo.

Questa particolare infezione da fungo non assomigliava molto a nessuna di quelle note, tuttavia, spingendo gli specialisti medici a chiedere consiglio a un centro di riferimento e ricerca sui funghi dell’Organizzazione mondiale della sanità, che ha identificato l’improbabile sospetto dal suo DNA.

Sebbene fosse lui stesso un micologo, il paziente non ricordava di aver lavorato di recente con questa particolare specie. Il suo lavoro sul campo lo aveva messo in contatto con materiale in decomposizione e altri funghi vegetali, spiegando potenzialmente la fonte della sua infezione.

Affinché gli agenti patogeni di qualsiasi varietà possano annidarsi all’interno di un ospite e iniziare a replicarsi, hanno bisogno del giusto ambiente. Non solo hanno bisogno di un mezzo per assicurarsi i giusti nutrienti, ma hanno anche bisogno di alcuni trucchi per far fronte a quello che è essenzialmente un ambiente ostile deciso a farli a pezzi con tutti i tipi di armi chimiche e agenti assassini.

Ciò rende estremamente raro che un fungo adattato a infilare le sue ife attraverso foglie e steli riesca a fare lo stesso all’interno della nostra carne.

Il fatto che il paziente protagonista di questo caso di studio sembrasse avere un sistema immunitario perfettamente funzionante, senza alcuna indicazione di assumere farmaci immunosoppressori o di avere l’HIV, il diabete o qualsiasi tipo di malattia cronica, rende questa infezione da fungo ancora più particolare.

I patogeni umani interregionali e i loro potenziali serbatoi vegetali hanno importanti implicazioni per l’emergere di malattie infettive“, scrivono gli autori dello studio nel loro rapporto.

Mentre le specie di superbatteri e i nuovi virus che emergono dalle popolazioni animali attirano regolarmente la nostra attenzione, raramente pensiamo molto alle malattie delle piante in mezzo a noi. Sebbene estremamente raro, il fatto che possano chiaramente coinvolgerci rende quest’area meritevole di attenzione. I funghi in particolare rappresentano un rischio significativo: le somiglianze nella biochimica dei funghi e degli animali rendono la progettazione di vaccini e terapie adeguati in grado di prevenire o gestire l’infezione una vera sfida.

Fortunatamente in questo caso, il drenaggio regolare dell’ascesso per due mesi associato all’azione di un comune agente antimicotico ha funzionato. Dopo due anni di controlli, il paziente non ha maniofestato segni di recidiva.

Questa ricerca è stata pubblicata in Medical Mycology Case Reports.

2