Fotografato il secondo pianeta di Beta Pictoris

Beta Pictoris è una stella giovane - circa 18 milioni di anni circa - ed è ancora circondata dal disco di polvere e gas da cui si è formata. Il primo pianeta scoperto in orbita attorno ad esso, chiamato Beta Pic b può essere visto in immagini dirette, il che significa letteralmente che è possibile vederlo nelle foto della stella

3011
Indice

Gli ultimi decenni di indagini astronomiche hanno rivelato diverse migliaia di esopianeti nel cosmo, ma pochissimi sono mai stati visti direttamente. Possiamo solo dedurre la presenza della maggior parte degli esopianeti dalla loro gravità o dalla loro capacità di bloccare la luce delle stelle. Tuttavia, i ricercatori che hanno utilizzato il Very Large Telescope (VLT) in Cile lo hanno recentemente rivolto verso una stella a 63 anni luce di distanza chiamata Beta Pictoris per individuare un gigante gassoso (Beta Pictoris c), e ne hanno scattato un’immagine.
Il nostro attuale livello di tecnologia rende quasi impossibile visualizzare direttamente gli esopianeti. Rispetto alle stelle, i pianeti sono così deboli che di solito non possiamo risolverli nell’alone della luce della stella. Beta Pictoris c si unisce a un elenco di meno di due dozzine di mondi extrasolari che gli scienziati hanno individuato direttamente, e alcuni di questi sono ancora molto controversi.
Gli scienziati sono stati in grado di ottenere questa nuova immagine grazie a tutto l’interesse per il sistema Beta Pictoris nel corso degli anni. Beta Pictoris c, e il suo mondo gemello Beta Pictoris b, hanno meno di due milioni di anni. Pictoris b è stato scoperto tramite imaging diretto, anche questo un fatto piuttosto raro. Tuttavia, le anomalie nella sua velocità radiale hanno spinto gli astronomi a guardare più da vicino. L’analisi della velocità radiale è un modo meno comune di rilevare pianeti extrasolari che si basa sull’uso di telescopi per rilevare piccole oscillazioni nelle stelle causate dalla gravità dei loro pianeti. Proprio l’anno scorso, un team aveva scoperto Beta Pictoris c mentre cercava di spiegare quelle letture anomale della velocità radiale.
Come risultato di questo tentativo di caccia ai pianeti in Beta Pictoris, gli scienziati hanno ottenuto un eccellente set di dati che descrive il movimento di questi esopianeti. Questo è esattamente ciò di cui aveva bisogno il team di ExoGRAVITY, guidato dall’astronomo Mathias Nowak dell’Università di Cambridge, per iniziare.
Lo sforzo di Nowak utilizza l’interferometro GRAVITY sul VLT per studiare gli esopianeti e la ricchezza di dati su Beta Pictoris ha aiutato il team a sapere esattamente dove cercare Beta Pictoris c. Tutti e quattro i telescopi VLT hanno scansionato il sistema solare alieno, alimentando i dati in un “telescopio virtuale” che li combina per un’immagine più nitida. Ed è così che ora abbiamo un’immagine di Beta Pictoris c, uno dei primi esopianeti studiati sia tramite imaging diretto che velocità radiale.
beta pictoris
Beta Pic (come viene solitamente chiamata) è una stella giovane – circa 18 milioni di anni circa – ed è ancora circondata dal disco di polvere e gas da cui si è formata. Il primo pianeta scoperto in orbita attorno ad esso, chiamato Beta Pic b può essere visto in immagini dirette, il che significa letteralmente che è possibile vederlo nelle foto della stella.
Dalla sua scoperta, Beta Pictoris B ha compiuto quasi un’orbita completa attorno alla stella e nel video sottostante è possibile vedere anche il suo movimento, mentre scompare e poi riappare dopo essere passato dietro la sua stella.

Ci sono ancora alcuni misteri da svelare in Beta Pictoris, però. La luce di Beta Pictoris c è sei volte più debole di Pictoris b. Tuttavia, Pictoris c è otto volte la massa di Giove, quindi quanto è grande Pictoris b? Gli astronomi pensano che fosse solo un po’ più grande di Pictoris c, ma ci vorranno più ricerche per capire la situazione. Non sarà un problema: con due esopianeti visibili, Beta Pictoris sarà un obiettivo per molti astronomi.