Un micro-fossile di miliardi di anni riscrive la storia della vita delle piante sulla Terra

Si tratta di micro-fossili di alghe verdi risalenti a un un miliardo di anni fa che potrebbero essere collegati all'antenato delle prime piante e alberi terrestri che si svilupparono per la prima volta 450 milioni di anni fa

0
1990
Indice

I paleontologi della Virginia Tech hanno fatto una straordinaria scoperta in Cina: micro-fossili di alghe verdi risalenti a un un miliardo di anni che potrebbero essere collegati all’antenato delle prime piante e alberi terrestri che si svilupparono per la prima volta 450 milioni di anni fa.

Le alghe micro-fossili, una forma di alghe nota come Proterocladus antiquus, sono appena visibili ad occhio nudo e sono lunghe circa 2 millimetri (all’incirca le dimensioni di una tipica pulce).

Il professor Shuhai Xiao ha affermato che questi fossili sono le alghe verdi più antiche mai trovate.

Furono impressi nella roccia, un’area di terra asciutta,  prima della formazione dell’oceano, vicino alla città di Dalian, nella provincia di Liaoning, nel nord della Cina. In precedenza, i primi reperti fossili di alghe verdi sono stati trovati in rocce risalenti a circa 800 milioni di anni fa.

Gli studi, guidati da Xiao e Qing Tang, ricercatore post-dottorato, entrambi nel Dipartimento di Geoscienze del Virginia Tech College of Science, sono stati pubblicati nell’ultimo numero di Nature Ecology & Evolution.



Questi nuovi fossili suggeriscono che le alghe verdi erano protagonisti importanti nell’oceano molto prima che i loro discendenti prendessero il controllo della terraferma“, ha dichiarato Xiao.

L’intera biosfera dipende in gran parte dalle piante e dalle alghe per il cibo e l’ossigeno, eppure le piante terrestri non si sono evolute fino a circa 450 milioni di anni fa“, ha affermato Xiao.

Il nostro studio mostra che le alghe verdi si sono evolute non oltre un miliardo di anni fa. Che tipo di alghe ha fornito cibo all’ecosistema marino?

Shuhai ha affermato che l’attuale ipotesi è che le piante terrestri – alberi, erbe, colture alimentari, cespugli, persino kudzu – si siano evolute da alghe verdi, che erano piante acquatiche.

Durante le ere geologiche, si spostarono fuori dall’acqua e si adattarono e prosperarono sulla terraferma, che di conseguenza divenne il loro nuovo ambiente naturale. “Questi fossili sono collegati agli antenati di tutte le moderne piante terrestri che vediamo oggi“.

Tuttavia, Xiao ha aggiunto che non tutti i geobiologi sostengono queste ipotesi, quindi il dibattito resta ancora aperto. “Non tutti sono d’accordo con noi; alcuni scienziati pensano che le piante verdi si siano formate nei fiumi e nei laghi, per poi successivamente conquistare l’oceano e la terra“.

Esistono tre tipi principali di alghe: marrone (Phaeophyceae), verde (Chlorophyta) e rosso (Rhodophyta). Fossili di alghe rosse, che ora sono comuni sui fondali oceanici, risalgono a 1.047 miliardi di anni fa.

Ci sono alcune alghe verdi moderne che sembrano molto simili ai fossili che abbiamo trovato“, ha detto Xiao. “Un gruppo di alghe verdi moderne, note come sifonocladici, sono particolarmente simili per forma e dimensioni ai fossili che sono stai rinvenuti“.

Le piante fotosintetiche sono, ovviamente, vitali per l’equilibrio ecologico del pianeta perché producono carbonio organico e ossigeno, attraverso la fotosintesi, e forniscono cibo e rifugio per un numero indicibile di mammiferi, pesci e altro ancora.

Fu Tang a scoprire i micro-fossili delle alghe usando un microscopio elettronico nel campus della Virginia Tech e lo portò all’attenzione di Xiao. Per vedere più facilmente i fossili, è stato utilizzato l’olio minerale che ha creato un forte contrasto.

Queste alghe mostrano molteplici rami, escrescenze verticali e cellule specializzate note come akinetes che sono molto comuni in questo tipo di fossile. Nel loro insieme, queste caratteristiche suggeriscono fortemente che il fossile è un’alga verde con una complessa multicellularità che risale circa a un 1 miliardo di anni. Questi probabilmente rappresentano il primo fossile di alghe verdi. In breve, il nostro studio ci dice che le onnipresenti piante verdi che vediamo oggi possono essere fatte risalire ad almeno 1 miliardo di anni fa“.

Secondo Xiao e Tang, le piccole alghe un tempo vivevano in un oceano poco profondo, sono morte e poi sono state “cotte” sotto un folto mucchio di sedimenti, che ne ha preservato le forme organiche trasformandole in fossili.

Molti milioni di anni dopo, il sedimento fu poi sollevato dall’oceano e divenne la terra asciutta dove i fossili sono stati recuperati da Xiao e dal suo team, che comprendeva scienziati dell’Istituto di geologia e paleontologia di Nanchino in Cina.

2