Forse individuata la causa di un’esplosione nel cielo avvenuta nel 1181

Per 900 anni, studiosi e osservatori di stelle hanno cercato di spiegare un oggetto cosmico luminoso che illuminò brevemente i cieli sopra la Cina e il Giappone nel 1181 d.C. 

0
761
Indice

Per 900 anni, studiosi e osservatori di stelle hanno cercato di spiegare un oggetto cosmico luminoso che illuminò brevemente i cieli sopra la Cina e il Giappone nel 1181 d.C.

Un nuovo studio potrebbe aver finalmente risolto il mistero.

La nebulosa Pa 30 – denominata Parker’s Star, una delle più calde della Via Lattea – e la stella che circonda corrispondono al fenomeno osservato nel cielo tanti anni fa, secondo misurazioni della sua posizione attuale, velocità di espansione e stato.

Le osservazioni mostrano che la nuvola di gas e polvere che è Pa 30 si sta espandendo a una velocità di 1.100 chilometri al secondo. Ciò suggerisce che abbia avuto origine da un punto centrale circa 1.000 anni fa, molto probabilmente da un’esplosione di supernova. Questo potrebbe essere ciò che è stato osservato dagli astronomi contemporanei nel 1181.

I resoconti storici collocano la stella tra due costellazioni cinesi, Chuanshe e Huagai“, afferma l’astrofisico Albert Zijlstra dell’Università di Manchester nel Regno Unito. “La stella di Parker si adatta bene alla posizione. Ciò significa che sia l’età che la posizione si adattano agli eventi del 1181”.



Gli astronomi del 12° secolo riportarono la comparsa in cielo di un oggetto luminoso come Saturno che fu visibile per sei mesi. Registrarono anche la sua posizione nel cielo.

Da allora gli astronomi hanno utilizzato queste osservazioni per formulare alcune ipotesi, ma non sono stati in grado di individuare con sicurezza ciò che si è lasciato alle spalle, fino ad ora.

Si pensa che Pa 30 e la stella di Parker siano state create dalla fusione di due piccole e dense stelle nane bianche, un evento raro che lascia dietro di sé quella che è conosciuta come una supernova di tipo Iax, o stella zombie.

È una rara categoria di supernova che gli scienziati stanno ancora studiando. Ciò che è ancora più raro è avere informazioni su come è iniziata la supernova, così come sui resti che ora sono rimasti indietro.

Solo il 10% circa delle supernove sono di questo tipo e non sono ben comprese“, afferma Zijlstra. “Il fatto che SN1181 fosse debole ma sia sbiadita molto lentamente si adatta a questo tipo. È l’unico evento del genere in cui possiamo studiare sia la nebulosa residua che la stella fusa e avere anche una descrizione dell’esplosione stessa“.

Dal 1006 d.C., nella Via Lattea sono state avvistate solo cinque supernovae e gli astronomi hanno già trovato corrispondenze per le altre quattro. Si pensa che anche una di esse, la Nebulosa del Granchio nella costellazione del Toro, abbia circa mille anni.

Scoperta per la prima volta nel 2013, sembra che Pa 30 ora completi il ​​set.

Prima d’ora, c’era stato qualche dibattito sul fatto che la fusione di due stelle nane bianche potesse portare a una supernova come questa, quindi la scoperta ha molto da insegnare agli astronomi anche su altre supernove simili.

Questa è l’unica supernova di tipo Iax in cui sono possibili studi dettagliati della stella e della nebulosa rimanenti“, afferma Zijlstra. “È bello poter risolvere un mistero sia storico che astronomico”.

La ricerca è stata pubblicata su Astrophysical Journal Letters.

2