Le formiche carpentiere eseguono amputazioni e puliscono le ferite sui loro simili

Un team di scienziati ha scoperto che le formiche carpentiere eseguono interventi chirurgici salvavita sui loro simili. Sono solo il secondo animale al mondo a farlo, insieme agli umani

Un team di scienziati ha scoperto che le formiche carpentiere eseguono interventi chirurgici salvavita sui loro simili, hanno scoperto gli scienziati. Sono solo il secondo animale al mondo a farlo, insieme agli umani.

Formiche carpentiere
Formica carpentiere.

Gli interventi chirurgici delle formiche carpentiere

I ricercatori hanno scoperto che le formiche carpentiere della Florida (Camponotus floridanus) identificano le ferite agli arti delle loro compagne di nido e le curano pulendole o amputandole. Il team ha pubblicato i risultati dello studio sulla rivista Current Biology.

Quando parliamo di comportamento di amputazione, questo è letteralmente l’unico caso in cui nel regno animale si verifica un intervento chirurgico sofisticato e sistematico di un individuo da parte di un altro membro della sua specie“, ha affermato il primo autore dello studio, Erik Frank, ecologo comportamentale presso l’Università di Würzburg in Germania.

Nel 2023, il team di Frank ha scoperto che una specie di formica africana, Megaponera analis, può curare le ferite infette dei suoi compagni di nido con una sostanza antimicrobica prodotta nelle loro ghiandole. Le formiche carpentiere della Florida non hanno ghiandole equivalenti, quindi il team ha voluto scoprire come questa specie gestisce le ferite nei membri della colonia.

Questo comportamento sorprendentemente insolito aumenta il tasso di sopravvivenza delle formiche ferite da un misero 20% al 90%.

M. analis è una specie dall’aspetto anonimo che vive in colonie di diverse centinaia o più di mille formiche. Sono abili predoni, che inviano colonne di diverse centinaia di formiche ad attaccare i nidi di termiti e trascinare i cadaveri delle termiti nei loro nidi per un banchetto. Queste incursioni, tuttavia, spesso hanno un costo: formiche con arti persi o schiacciati, o persino formiche che zoppicano verso casa con tenaci termiti aggrappate ai loro corpi.

Frank e i suoi colleghi sapevano, dal loro precedente lavoro al Parco nazionale Comoé, nella Costa d’Avorio settentrionale, che le formiche aiutavano i compagni feriti a tornare a casa, ma poiché le formiche nidificano sottoterra, non potevano vedere cosa accadeva ai feriti di guerra dopo le incursioni. Per scoprirlo, il team ha raccolto intere colonie di formiche e le ha tenute in nidi artificiali bui nella stazione di ricerca del parco nazionale. Le telecamere a infrarossi hanno monitorato le formiche all’interno dei nidi.

Nella stragrande maggioranza dei casi, le formiche gravemente ferite venivano lasciate morire sul campo di battaglia. Questa versione del triage delle formiche non era su richiesta dei soccorritori, ha detto Frank; invece, le formiche con cinque arti mancanti si agitavano, ruotavano e generalmente si rifiutavano di collaborare con i loro soccorritori. Le formiche con due arti persi, d’altra parte, si raggomitolavano in palle facili da trasportare e si lasciavano portare a casa.

Qualsiasi formica non ferita sembra in grado di fornire il trattamento tramite leccate ma non è ancora chiaro se il trattamento prevenga le infezioni o le curi attivamente.

Lo studio

Nello specifico, i ricercatori hanno esaminato due tipi di ferite alle gambe: le lacerazioni sul femore (coscia) e quelle più in basso sulla tibia.

Negli esperimenti, hanno osservato che le formiche carpentiere hanno curato le ferite al femore dei membri del loro nido pulendo la ferita con la bocca prima di amputare la zampa mordendola ripetutamente, mentre le ferite alla tibia sono state curate solo pulendole.

Gli interventi chirurgici hanno portato a miglioramenti significativi nella sopravvivenza dei loro pazienti formica. I tassi di sopravvivenza per lesioni al femore sono migliorati da meno del 40% a tra il 90 e il 95% quando sono state eseguite amputazioni, mentre i tassi di sopravvivenza per lesioni alla tibia sono migliorati dal 15% al 75% dopo la pulizia.

Gli scienziati hanno ipotizzato che le formiche capentiere amputino solo le ferite al femore, e non tutte le ferite alle gambe, a causa delle limitazioni di velocità. Le formiche impiegano almeno 40 minuti per completare un’amputazione.

Dopo aver studiato le scansioni micro-CT delle formiche, i ricercatori hanno ipotizzato che il danno ai muscoli che pompano il sangue nel femore rallenti la circolazione sanguigna. Questo significherebbe che il sangue carico di batteri impiegherebbe più tempo a entrare nel corpo, dando alle formiche carpentiere abbastanza tempo per amputare l’arto.

Le tibie delle formiche carpentiere, nel frattempo, hanno relativamente poco tessuto muscolare, quindi le infezioni possono diffondersi più velocemente. Questo significa che l’amputazione richiederebbe troppo tempo alle formiche per fermare la diffusione di batteri nocivi, quindi si concentrano invece sulla pulizia della ferita.

Le formiche carpentiere sono in grado di diagnosticare una ferita, vedere se è infetta o sterile e curarla di conseguenza per lunghi periodi di tempo da altri individui: l’unico sistema medico in grado di rivaleggiare con questo sarebbe quello umano“, ha affermato Frank.

La capacità delle formiche carpentiere di identificare e curare selettivamente le ferite è innata, hanno affermato i ricercatori, e non hanno trovato prove di apprendimento.

Conclusioni

Gli scienziati stanno ora estendendo la loro ricerca ad altre specie di formiche che non possiedono speciali ghiandole antimicrobiche, per verificare se altre formiche hanno la capacità di eseguire interventi chirurgici.

Articoli più letti

Related articles

2 Comments