Farmaci, Omeoimprese: “Bene Governo, nuove tariffe tutelano comparto omeopatia”

0
21

(Adnkronos) – Con l’entrata in vigore del 'decreto tariffe' fortemente sostenuto dal ministero della Salute, i farmaci omeopatici in commercio andranno soggetti ad una rimodulazione tariffaria che va incontro alle esigenze di un tessuto imprenditoriale che, in Italia, è composto prevalentemente da piccole e medie imprese. "Questo provvedimento mostra una sensibilità del Governo verso un settore provato dai rincari di energia e costi di produzione e che, per le caratteristiche intrinseche dei farmaci e i volumi di vendita, non può competere con la grande industria farmaceutica tradizionale", afferma Silvia Nencioni, presidente di Omeoimprese, l’associazione di categoria che riunisce le aziende produttrici e distributrici di medicinali omeopatici. "Il decreto – puntualizza Nencioni – sancisce riduzioni economiche previste su variazioni e rinnovi per i medicinali omeopatici presenti sul mercato fin dal 1995 (art. 20 Dlgs 219/2006) riconoscendone le peculiarità; si tratta, infatti, di un ambito che, seppure rappresenti lo 0,6% del mercato farmaceutico in Italia, è caratterizzato da un numero estremamente elevato di referenze". La rimodulazione delle tariffe è accolta dal comparto come un segnale importante e decisivo, un’apertura alla collaborazione da parte del Ministero della Salute – si legge in una nota – e, più in generale, dal Governo Meloni che, sottolinea Nencioni "a tutela del principio di libertà terapeutica, ha dato prova di pragmatismo, sedendosi al tavolo con una parte del tessuto imprenditoriale farmaceutico che rappresenta la scelta di salute di 10 milioni di italiani, su indicazione di 20mila medici e consiglio dei farmacisti , e che offre lavoro a oltre 2mila addetti, compreso l’indotto". Due, sono sostanzialmente i passaggi chiave del 'Dl tariffe' – dettaglia la nota – per il comparto: l’importante riduzione, intorno al 70%, per tutte le tariffe relative alle variazioni, oltre ad un ulteriore sgravio del 25% a favore delle Pmi, che in Omeoimprese rappresentano più della metà degli associati. Il prossimo impegno anticipato da Omeoimprese sarà indirizzato verso un adeguamento delle tariffe, oggi inaccessibili alle aziende del settore, relative anche all’immissione in commercio di eventuali nuovi prodotti, tariffe non toccate da questo decreto "per far sì che le aziende – rimarca Nencioni – possano continuare a crescere e proporre agli operatori sanitari e ai pazienti farmaci sempre più innovativi, come avviene in altri Paesi europei quali Francia, Germania, Spagna, Irlanda, senza il freno di una pressione economica non sostenibile dalle nostre realtà produttive".  —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

2