Come puoi ancora fare soldi con in mining di criptovalute

Se non conosci il mining di criptovalute, la buona notizia è che il gioco non è completamente finito

5472

Se sei un veterano del mining di Bitcoin (BTC), seccato per come i data center basati su ASIC da miliardi di dollari hanno occupato il settore, probabilmente sei già interessato alle monete alternative.

Ma forse hai da poco comprato una GPU nuova di zecca o, forse, sei curioso di sapere se tutti quei dischi rigidi che hai nell’armadio possono ancora farti guadagnare un po’ di soldi. Se non conosci il mining di criptovalute, la buona notizia è che il gioco non è completamente finito.

Tratteremo come puoi iniziare a estrarre utilizzando l’hardware che potresti già avere, o in teoria puoi acquistare al dettaglio, e fornire le nostre recenti esperienze di vita reale guadagnando un po’ di soldi dalle GPU, CPU e unità.

Nota che questa non è sicuramente una guida per i devoti che stanno pianificando di costruire piattaforme personalizzate per il mining. È per coloro che stanno cercando di vedere se possono generare denaro senza troppi sforzi, o sono solo curiosi di minare, usare attrezzi che potrebbero già possedere o che possono essere acquistati immediatamente.

Il mining di bitcoin è storia

Il mining di bitcoin è dominato da strutture minerarie inconcepibilmente enormi. Il più grande ha oltre $ 300.000.000 di computer alimentati da ASIC. Quindi non vedo alcun modo per i comuni mortali di partecipare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma, fortunatamente, la “bolla Bitcoin” si è rapidamente espansa oltre BTC.

In particolare, ci sono due monete che trovo interessanti perché hanno un ampio supporto e possono essere estratte con hardware di consumo.

Ethereum ha un algoritmo progettato per impedire a un ASIC di prendere il sopravvento, con il risultato che le GPU possono ancora dominare la sua produzione. In un’ottica diversa, le monete Chia appena rilasciate si basano sull’agricoltura.

Ci sono molte altre monete che puoi ancora estrarre, che in un dato giorno potrebbero essere un po’ più o un po’ meno redditizie, ma queste due sono un buon punto di partenza.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Mining Ethereum (ETH) utilizzando GPU desktop

Supponendo che tu abbia o riesca a trovare una GPU decente o, idealmente, più di una, è incredibilmente facile iniziare a estrarre Ethereum. Anni fa, per minare BTC, dovevi avere un nodo completo sulla rete, il tuo portafoglio e probabilmente inserirti in un pool di mining.

Ora, se hai un account in uno scambio di criptovaluta che accetta ETH, come Coinbase, puoi semplicemente utilizzare l’indirizzo del tuo wallet dell’account con il software di mining pool.

A meno che tu non abbia un gran numero di GPU da mettere al lavoro, probabilmente vorrai comunque unirti a un pool di mining. Prenderanno una commissione, ma spesso è solo l’1 percento. In cambio, ottieni una quota dei proventi da un gran numero di minatori, piuttosto che fare affidamento sulla tua probabilmente scarsa possibilità di estrarre un’intera moneta da solo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per il mio esperimento, mi sono unito a Nanopool. Beh, in realtà non c’è davvero nessuna adesione, di per sé. Se usi il suo software Nanominer open source, devi semplicemente fornirgli l’indirizzo del tuo portafoglio e avviarlo. Esistono versioni per Windows e Linux e supporta sia le GPU AMD che Nvidia.

Ho scoperto che la versione CUDA in particolare ha consentito alla mia RTX 3090 di produrre velocità di hash di circa 110 Mh/s a piena potenza e 100 Mh/s dopo averla ridotta per mantenere la memoria un po’ più fresca.

Le mie GPU AMD non erano competitive fino a quando non ho installato il driver crittografico personalizzato di AMD. Tuttavia, se stessi usando la stessa GPU AMD anche per giochi o applicazioni, sarebbe una seccatura cambiare continuamente i driver.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Come altro esperimento, ho provato a eseguire il mining sulla GPU Quadro T2000 del mio laptop. Non è mai riuscito a superare i 3 Mh/s, quindi è stato un vicolo cieco non inaspettato.

Ecco alcune delle GPU più performanti per il mining: Credito immagine Tom's Hardware

Ecco alcune delle GPU più performanti per il mining. Immagine di Tom’s Hardware.

Se sei pronto per un po’ più di lavoro, le applicazioni di mining come Claymore, Ethminer e Phoenix miner ti offrono più controllo e una maggiore flessibilità nella scelta di pool e monete da estrarre.

ETHPool ed Ethermine sono altre due opzioni di pool più consolidate. Le monete che estrai determineranno la quantità di memoria GPU di cui hai bisogno e tende a crescere nel tempo. Idealmente, una GPU da 8 GB o più grande ti darà la massima flessibilità.

Un grande cambiamento è che l’anno prossimo ETH sta pianificando di passare a un metodo di mining proof-of-stake per risparmiare energia. Se ciò accade, il mining della GPU non funzionerà per Ethereum oltre quel punto e dovrai cambiare valuta.

Sebbene l’invenzione dell’ETH abbia contribuito a neutralizzare il potere dei minatori ASIC multimilionari, non ha risolto un altro grosso problema per la criptovaluta. La creazione di nuove monete in genere richiedeva il consumo di energia. E più impegno è stato messo nel settore minerario, più energia è stata necessaria. L’ETH ha riportato il calcolo alle normali GPU, ma non ha ridotto il fabbisogno energetico. Mentre il passaggio del 2022 di Ethereum al mining proof-of-stake affronterà il problema, nel frattempo è apparso un altro approccio.

Guida alle GPU più efficienti dal punto di vista energetico per il mining di Ethereum

Guida alle GPU più efficienti dal punto di vista energetico per il mining di Ethereum. Immagine di Tom’s Hardware.

Ottimizzazione del sistema per i massimi risultati

Finora, oltre a dedicare molte ore alla tua GPU, non abbiamo fatto nulla che possa destabilizzare il tuo sistema o renderlo inadatto ad altre applicazioni. Per un minatore occasionale, probabilmente è sufficiente. Ma c’è sicuramente molto spazio per andare oltre.

AMD, ad esempio, offre un driver (beta) adatto al mining ma non alla grafica. E modificare le impostazioni di alimentazione e tensione di una GPU può anche aiutare a migliorare le prestazioni e il raffreddamento, così come il rischio di eseguire il flashing di un BIOS personalizzato.

Ci sono molti siti che ti guidano attraverso queste opzioni, ma ti consiglio di prendere appunti attenti su ciò che cambi e di comprendere le possibili conseguenze di ogni passaggio.

Entra in Chia: un tentativo di creare una criptovaluta sostenibile

Gli inventori di Chia affermano di voler sconvolgere il problema del consumo di energia creando una criptovaluta che si affidi ai “contadini” (suona molto più organico dei minatori) per creare trame sui dischi e lasciare quei dischi legati tra loro.

Semplicisticamente, se pensi alle trame della tua fattoria come cartelle del bingo, più ne hai, più è probabile che tu ottenga BINGO! Se potessi semplicemente iscriverti per ricevere le cartelle del bingo da parcheggiare sui tuoi dischi rigidi, non ci sarebbero problemi.

Sfortunatamente, devi generare le tue cartelle da bingo, il che richiede una quantità impressionante di attività del disco. Quindi, ai possessori degli SSD più grandi e veloci va il probabile bottino. E se usi un’unità consumer standard (o peggio, l’unità di sistema) è probabile che si esaurisca.

Chia coin -- XCH -- ha avuto una strada rocciosa dopo un iniziale scoppio di entusiasmo. Credito immagine -- CoinMarkeCcap

Chia coin (XCH) ha avuto un percorso complicato dopo un iniziale scoppio di entusiasmo. Immagine di CoinMarketCap.

In pratica, il prezzo di XCH è crollato al punto che per ogni terabyte dedicato all’agricoltura di Chia, puoi in teoria aspettarti circa $ 1 al mese. Quindi, a meno che la valuta non si rialzi, non è entusiasmante per la maggior parte delle persone.

Il lato positivo è che, una volta creati gli appezzamenti, l’agricoltura effettiva non richiede quasi risorse oltre allo spazio su disco. Attualmente, non ci sono protocolli di Chia pool sicuri, quindi sei da solo. All’attuale grado di difficoltà, per ogni 20 TB , puoi aspettarti di coltivare una moneta completa (circa $ 300 in questo momento) più o meno una volta all’anno.

Estrazione di più valute

Se sei disposto a dedicare l’intera macchina, puoi estrarre diverse valute contemporaneamente, utilizzando per ognuna una risorsa diversa.

Ad esempio, è facile tracciare e coltivare Chia durante l’estrazione di Ethereum, poiché uno utilizza CPU e larghezza di banda del disco mentre l’altro utilizza GPU.

Ho anche scoperto che finché non ho bisogno di usare un’applicazione specifica su una GPU, posso facilmente coltivare Chia ed estrarre Ethereum in parallelo. L’unico avvertimento è che il processo di tracciamento iniziale per Chia richiede anche la CPU, quindi non dargli troppi core se vuoi usare il computer per altre attività.

Vale la pena estrarre criptovalute casuali?

Non sorprende che molto dipenda dai costi energetici. La mia Nvidia RTX 3090, a circa 100 Mh/s, potrebbe guadagnare circa $ 5 al giorno estraendo Ethereum. Ma utilizza circa 270-300 watt di potenza per farlo. Nel corso di una giornata, sono più di $ 2 in elettricità da sola.

Il 3090 non è il miglior esecutore di potenza e il grafico sopra mostra alcune opzioni migliori. Ma è un esempio che anche con l’hardware che già possiedi, il mining di criptovalute può essere più un hobby divertente che un’impresa redditizia.

Gli appassionati esprimono anche preoccupazione per la riduzione della vita utile della GPU. Finché non la lasci surriscaldare e ti assicuri che il tuo sistema di alimentazione sia all’altezza del compito, il rischio aggiuntivo dovrebbe essere accettabile.