Evoluzione convergente: pianeti simili alla Terra potrebbero ospitare alieni umanoidi

In un'intervista con la rivista Science Focus della BBC Simon Conway Morris, un paleobiologo evoluzionista dell'Università di Cambridge, e teorico dell'evoluzione convergente, afferma "con ragionevole sicurezza" che un'evoluzione simile a quella umana deve essere avvenuta in altre parti dell'universo

4920

Se le condizioni su un pianeta lontano permettessero alla vita di prosperare, questa assomiglierebbe in qualche modo alla vita qui sulla Terra? È una domanda che ha visto un aumento di teorie contraddittorie nel corso degli anni.

Ora, in un’intervista con la rivista Science Focus della BBC Simon Conway Morris, un paleobiologo evoluzionista dell’Università di Cambridge, e teorico dell’evoluzione convergente, afferma “con ragionevole sicurezza” che un’evoluzione simile a quella umana deve essere avvenuta in altre parti dell’universo.

Applicare la teoria di Darwin all’intero universo

L’idea fa parte di una più ampia scuola di pensiero chiamata “evoluzione convergente”. Afferma che le mutazioni casuali che guidano l’evoluzione in media in un dato ambiente, il che significa che è probabile che organismi simili evolvano indipendentemente l’uno dall’altro. Questo, infatti, è stato osservato sulla Terra, dove uccelli, pipistrelli, insetti e pterosauri si sono evoluti per volare in modo indipendente. Gli occhi potrebbero anche essersi evoluti indipendentemente fino a 40 volte sulla Terra.

La convergenza è uno dei migliori argomenti per l’adattamento darwiniano, ma la sua assoluta ubiquità non è stata apprezzata“, spiega il prof. Morris. “Si può dire con ragionevole sicurezza che la probabilità che qualcosa di analogo all’evoluzione umana si evolva è davvero piuttosto alta. E dato il numero di potenziali pianeti che abbiamo individuato, ci sono buone ragioni per pensare che esistano, anche se i dadi escono nel modo giusto solo una volta su 100 lanci, cosa che, però, ci lascia ancora un numero molto elevato di possibili intelligenze sparse in giro, che probabilmente saranno simili a noi“.

Umani delle dimensioni di un orso polare?

Tuttavia, non tutti gli scienziati sono d’accordo. Il defunto biologo evoluzionista Stephen J. Gould, ad esempio, ha sostenuto che se si potesse ripristinare l’evoluzione sulla Terra, la probabilità che gli esseri umani rinascano ancora una volta sarebbe quasi trascurabile.

Un altro scienziato, il cosmologo Fergus Simpson, sottolinea il ruolo delle dimensioni del pianeta nel determinare la natura di qualsiasi potenziale vita intelligente che potremmo scoprire. Usando le statistiche bayesiane, Simpson ha ipotizzato che è molto probabile che gli alieni siano grandi come un orso polare a causa della dimensione media stimata dei pianeti in tutto l’universo. Poiché la Terra ha una dimensione maggiore della media, è probabile che siamo più piccoli di qualsiasi alieno che incontreremo mai: minore è la gravità di un pianeta, maggiore è la probabilità che una forma di vita sia grande.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Che i suoi abitanti abbiano le dimensioni di un orso polare o meno, è certamente interessante immaginare una civiltà simile a quella umana distante milioni di anni luce dalla Terra. Una tale civiltà potrebbe interrogarsi sulla vita in altre parti dell’universo? Con la NASA che ha recentemente lanciato il suo ambizioso telescopio James Webb, che aiuterà a cercare segni di vita aliena, presto potremmo avere un’idea migliore di cosa c’è là fuori.

Possibile che gli umani siano la specie dominante dell’universo?

Potrebbe essere che la nostra specie sia la principale razza indigena nell’Universo – che l’Homo sapiens, o qualcosa di simile, si sia evoluto indipendentemente su più altri mondi?

Il defunto biologo evoluzionista Stephen J. Gould, come detto sopra, trovava questa idea assurda. Secondo lui, se si resettasse tutto e ripartisse da zero l’evoluzione qui sulla Terra, la probabilità che si evolva nuovamente una specie umana dominante sarebbe sorprendentemente piccola. Basta pensare che, senza l’intervento casuale di un asteroide, probabilmente i dinosauri non si sarebbero estinti e non sarebbe avvenuta l’evoluzione dei mammiferi che conosciamo, culminata nell’Homo Sapiens.

Il suo ragionamento era che l’evoluzione è guidata da insiemi casuali di mutazioni genetiche, modulate da effetti ambientali casuali, come le estinzioni di massa, e che sarebbe estremamente difficile, se non impossibile, che lo stesso identico insieme di effetti si manifesti due volte.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma è una visione che non è universalmente condivisa. Una scuola di pensiero, chiamata “evoluzione convergente“, afferma che gli effetti casuali alla fine tendono a produrre organismi simili in un dato ambiente. Ad esempio, il volo si è evoluto indipendentemente sulla Terra almeno quattro volte: negli uccelli, nei pipistrelli, negli insetti e negli pterosauri. Gli occhi sembrano essersi evoluti fino a 40 volte.

Insomma, l’evoluzione convergente potrebbe inevitabilmente spingere, nelle condizioni che potremmo trovare su pianeti simili alla Terra, verso l’affermazione di forme di vita umanoidi.