13 C
Rome
mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeArcheologia e StoriaUna cometa potrebbe aver spazzato la vita dal Medio Oriente 3.700 anni...

Una cometa potrebbe aver spazzato la vita dal Medio Oriente 3.700 anni fa

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Circa 3.700 anni fa, una meteora, o una cometa, esplose in Medio Oriente, spazzando via la vita lungo una striscia di terra chiamata Middle Ghor, a nord del Mar Morto. È quanto affermano un gruppo di archeologi che hanno trovato prove dell’esplosione cosmica.

L’esplosione avvenne in aria: “in un istante, devastò circa 500 km quadrati a nord del Mar Morto, non solo spazzando via tutte le città e gli insediamenti nell’area interessata, ma anche devastando terreni agricoli del medio Ghor orientale con una salamoia surriscaldata di sali di anidride (un mix di sale e solfati) del Mar Morto, che allagò tutto spinto dalle onde d’urto frontali dell’evento“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questa è la descrizione dell’evento redatta dai ricercatori in un documento che è stato presentato alla riunione annuale delle American Schools of Oriental Research tenutasi a Denver dal 14 al 17 novembre.

Sulla base delle prove archeologiche, ci vollero almeno 600 anni per recuperare sufficientemente dalla distruzione e dalla contaminazione del suolo prima che la civiltà potesse nuovamente stabilirsi nel Medio Ghor“, hanno scritto. Tra i luoghi distrutti c’era Tall el-Hammam, un’antica città che si estendeva su 36 ettari di suolo.

Ceramiche insolite

Tra le prove dell’esplosione aerea, gli scienziati hanno scoperto pezzi di terracotta risalenti a 3.700 anni fa in Tall el-Hammam che hanno un aspetto insolito. La superficie della ceramica è vetrificata. Tutto fu sottoposto a temperature così alte i pezzi di zircone all’interno della ceramica si trasformarono in gas, un’operazione che richiede una temperatura di oltre 4.000 gradi Celsius, secondo quanto ha spiegato Phillip Silvia, archeologa e supervisore del campo di scavo del progetto Al el-Hammam.

Tuttavia, il calore, sebbene potente, non durò abbastanza a lungo da bruciare completamente la ceramica, lasciando relativamente incolume le parti della ceramica sotto la superficie.

L’unico evento naturale in grado di provocare un così insolito modello di distruzione, ha detto Silvia, è un’esplosione cosmica, qualcosa che, occasionalmente, si è verificato varie volte durante la storia della Terra, come l’esplosione avvenuta nel 1908 a Tunguska in Siberia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Inoltre, gli scavi archeologici e le indagini in altre città all’interno dell’area colpita suggeriscono un improvviso abbandono della vita circa 3.700 anni fa. Finora, nessun cratere è stato trovato nelle vicinanze, e non è chiaro se il colpevole sia stato una meteora o una cometa esplosa sopra il terreno.

Il fatto che siano state distrutte solo 200 miglia quadrate di terra indica che l’esplosione aerea si è verificata a bassa quota, probabilmente a non più di un chilometro dal suolo, ha detto Silvia. In confronto, l’esplosione aerea di Tunguska ha danneggiato pesantemente 2.150 chilometri quadrati di terra.

I risultati della squadra sono preliminari e la ricerca è in corso. Il team di ricercatori comprende membri della Trinity Southwest University, della Northern Arizona University, della DePaul University, della Elizabeth City State University, della New Mexico Tech e del Comet Research Group.

Articoli più letti